Gold&Stardust in odore di split, un match di WrestleMania paventato da secoli forse finalmente alle porte. E dopo? Parliamone

Pubblicità

Finalmente ci siamo?

Dopo un intero lustro fatto di partecipazioni alla Royal Rumble in cui i figli di Dusty Rhodes si eliminavano (o tentavano di eliminarsi) a vicenda, con conseguente nascita di rumors che entro due mesi avremo avuto un match tra fratelli a WrestleMania, dopo anni di questo tira e molla, dopo un anno in cui i fratelli hanno addirittura lavorato in coppia, vincendo due volte i WWE Tag Team Championship, alla faccia dello split, sembra proprio che ci siamo arrivati: quest'anno, Dustin e Cody Runnels, all'anagrafe WWE Gold&Stardust, potrebbero realmente scontrarsi a WrestleMania. 

Il fatto di aver posticipato così a lungo questo scontro (che, diciamocelo, la gente ha cominciato a specularci sopra più o meno quando Cody Rhodes ha debuttato in WWE) ne ha forse sminuito l'importanza? A mio avviso no, certo il feud non avrà l'importanza di un uppercard match, livello che forse, dico forse, avrebbe potuto raggiungere con il title vs career match proposto da Goldust ai tempi in cui Cody era campione Intercontinentale, ma è una perfetta faida secondaria che potrebbe svilupparsi in mille modi diversi; non solo, entrambi i fratelli potrebbero tirar fuori un'ottima prestazione. Da una parte abbiamo Goldust, che non so come faccia a prodigarsi in match sempre così convincenti alla sua età, lui e quell'altro pazzo di Kane che a 48 anni suonati lotta ancora due, tre volte a settimana

(non venitevi a lamentare della mala gestione o della perdita di credibilità di Kane, qua si parla di pure abilità sul ring, non di come queste vengano sfruttate dalla WWE)

Dicevo, da una parte c'è Goldust, dall'altra Stardust, devo ammettere che Cody Rhodes, da quando ha assunto questa gimmick, non ha tirato fuori prestazioni particolarmente memorabili, ma si tratta comunque di un bravo wrestler, che in certe occasioni, specialmente nel primo regno da campione di coppia col fratello, ha tirato fuori ottimi match

(Tranne coi New Age Outlaws, quelli son riusciti a rendere brutto uno Steel cage match, per gli Dei)

È evidente che questo feud dovrebbe servire a staccare Stardust/Cody dal fratello, permettere a Goldust di terminare la sua carriera in WWE e riproporre Cody Rhodes da singolo, dargli una vittoria a WrestleMania (mi hanno suggerito questo match come possibile opener dell'evento, non lo riterrei il posto più adatto, ma neanche scarto totalmente l'ipotesi) e poi pensare a cosa fare di lui.

Già: cosa fare di Cody/Stardust?

Innanzitutto, per quanto mi possa essere piaciuto il duo di fratelli cosmici, gradirei che Rhodes abbandonasse il personaggio di Stardust per ritornare ad essere se stesso, è vero che in molti ormai sono convinti che Cody si trovi molto più a suo agio con gimmick spiccate, marcate o dai tratti comedy, ma nulla vieterebbe alla WWE di provare a puntare su questo wrestler con un'esperienza quasi decennale alle spalle

In effetti la cosa ha dell'incredibile, Cody Rhodes ha creato attorno a sé un'aura da eterno giovane in rampa di lancio, ma possiede un palmarès più che invidiabile: è un sei volte Tag team Champion e due volte Intercontinental Champion, lotta in WWE da otto anni e deve ancora compiere i 30 anni di età (è nato il 30 giugno 1985), quanti wrestler WWE, under 30 e non possono vantare un bagaglio d'esperienza simile? L'unico altro wrestler under 30 con più esperienza di lui in WWE è Zack Ryder (14 maggio 1985) ma il palmarès risulta decisamente meno ricco di quello di Cody.

Insomma, se per certi wrestler si dice che ormai il treno sia passato da un pezzo, che ormai cominciano ad essere avanti con l'età e se la loro carriera non è ancora decollata non decollerà mai più, per Cody Rhodes, un novello Peter Pan, il problema, almeno anagraficamente, non sussiste.

Rhodes ha ancora la possibilità di diventare tutto, è un caratterista poliedrico e un discreto performer, viene da chiedersi se potrebbe mai aspirare a diventare campione mondiale o ad occupare, anche solo per un breve periodo, il ruolo di main eventer, ma perché non provare ad utilizzarlo anche come uppercarder?

Per inciso, avrei tanto voluto vedere cos'avrebbe combinato se il suo periodo da face fosse durato di più, il feud con Damien Sandow fu molto bello e anche il periodo contro lo Shield e l'Authority lo fu, anche se in quel feud più che le parole e le valigette gettate nel Golfo del Messico si lasciò che fossero i match a parlare.

Ammetto che con Cody Rhodes mi è difficile pronosticare cosa possa riservarci il futuro, so anche che molti fan, se pensano ai futuri nomi di punta della WWE, pensano a gente come Seth Rollins, Dean Ambrose, Roman Reigns (imposto), Dolph Ziggler, Bray Wyatt, oppure i Fabulous Five di NXT e non a personaggi tutto sommato considerati sempre buoni midcarder ma nulla di più come Cody Rhodes

Forse perché, appunto, nonostante sia anche più giovane di molti talenti di NXT, è in WWE ormai da così tanto tempo che già si crede che il suo treno sia ormai perduto, io non ne sarei così sicura.

Voi cosa ne pensate? Preferireste vedere Cody Runnels continuare con la gimmick di Stardust o vorreste rivedere Cody Rhodes? Lo preferite come caratterista o come semplice (tra virgolette) wrestler senza una gimmick marcata? È un eterno midcarder o potrebbe essere sfruttato in altri modi? Il feud con il fratello Goldust sarà il passo decisivo per la sua carriera?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia

Ysmsc.

 

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname