Quanti di voi il 23 agosto di un anno fa potevano immaginare che quei titoli appena conquistati dal New Day sarebbero rimasti di loro proprietà così a lungo? Ormai poco più di un paio di settimane separano la stable da un traguardo storico, quel record di campioni più longevi detenuto da anni dai Demolition. Riusciranno nell’impresa?Premesso che in WWE come si dice everything is possible credo proprio che il record verrà infranto. Facendo due conti per riuscire il trio dovrebbe mantenere i titoli fino al 13 dicembre; considerato che sarà un martedì ci potrebbe anche stare la fregatura nella puntata di Raw, così da far mancare l’obiettivo per un giorno, ma visto Roadblock programmato per domenica 18 l’occasione sembra ghiotta per aggiornare le statistiche e poter poi premiare altri due campioni nell’imminente special event. Al di là dei numeri che a volte lasciano il tempo che trovano si può fare un altro tipo di considerazione: al New Day i titoli non servono.

Pubblicità

I titoli di coppia da lustri non hanno più il blasone di un tempo, in una WWE dove si investe solo a correnti alterne nei tag-team le cinture hanno assunto via via sempre meno importanza. Per il New Day tra l’altro sono giusto poco più di un accessorio, un alloro in più che non modifica più di tanto l’interconnessione che hanno instaurato con il pubblico, anche senza essere campioni continueranno a intrattenere e a creare gag divertendo i fan come al solito. Per assurdo il problema nel momento della loro detronizzazione sarà per la cintura stessa: i nuovi campioni riusciranno a mantenere vivo l’interesse verso un titolo minore?

Al momento vedo un tag-team su tutti che può raccogliere con successo l’eredità, ovvero Sheamus e Cesaro. Ne avevo già parlato, le strane coppie amici/nemici funzionano, il duo europeo non fa eccezione. In ring combattono bene ed è divertente vederli battibeccare, un po’ come succedeva in tempi recenti per il team Hell No con Bryan e Kane. Hanno fallito qualche title shot, ma ora in chiave storyline sembra che abbiano finalmente appianato certe divergenze, vedo loro come candidati ideali alla successione.

Luke e Gallows sono un altro duo valido, ma a mio parere dal punto di vista della caratterizzazione non si distinguono particolarmente da qualsiasi tag-team heel visto in heel da anni a questa parte. In ring sono bravi, ma da quando sono stati separati da AJ Styles mi sembra sempre che abbiano poco da dire dal punto di vista dei personaggi. Non escludo certo che in futuro non possano divenire campioni, ma al momento Sheamus e Cesaro mi sembra una scelta più saggia.

E il New Day che fine farà? Come detto la stable non ha necessità di cinture alla vita, il difficile è però trovar loro avversari, avendo sfidato già gran parte delle coppie della federazione. Dovranno ad ogni modo essere bravi a trovare altri tormentoni per non cadere nella monotonia; la loro caratterizzazione è allo stesso tempo una fortuna e una maledizione, nel senso che essendo delle macchiette come personaggi devono cercare di mantenere sempre un certo livello di spiritosaggine continuando a divertire il pubblico. Salvo nel feud contro la Wyatt Family non si è mai visto nemmeno un tentativo di dare profondità al trio, accontentandosi delle risate facili nate tra una gag e l’altra. Gli stessi protagonisti li vedo “condannati” a rimanere insieme a lungo: provate a pensare a Kingston, al di fuori della stable potrebbe sopravvivere senza tornare a sembrare lo svolazzone dei bei tempi? Esatto, proprio quel personaggio anonimo a cui ogni tanto affidare un titolo minore e che alla Rumble ti regala uno spot da ricordare. Mi sbaglierò, ma in caso di eventuale split i tre avrebbero difficoltà a rimanere sulla cresta dell’onda.

E voi cosa ne pensate? Quanto ancora andrà avanti il regno del New Day? Batterà il record dei Demolition? Chi preferireste come nuovi campioni? Fatemi sapere nei commenti qui sotto, alla prossima!

Sergedge – EH4L

Sergedge
Rievocato durante una seduta spiritica è tornato a infestare il sito di Zona Wrestling con l'ardore di un tempo. Per la serie l'erba cattiva non muore mai.