Bad News Barrett, laureatosi WWE Intercontinental Champion lo scorso lunedì a Raw, ha espresso al giornale The Montgomery Advertiser quale significato abbia per lui la storica Cintura della federazione di Stamford:

Pubblicità

 

 

"Quando ero soltanto un bambino innamorato della WWE, i miei lottatori preferiti erano personaggi come Bret "The Hitman" Hart, British Bulldog e Ultimate Warrior. Se c'è una cosa che li accomuna è che ognuno di essi ha detenuto il Titolo Intercontinentale. Si tratta di un titolo che ha sempre avuto un certo prestigio, ed è sempre un onore averlo alla vita."

 

Il lottatore di Preston si è, poi, soffermato sulle reazioni che, negli anni, il pubblico ha avuto nei suoi confronti, in particolare quello inglese:

 

"Sono stato fischiato per la maggior parte della mia carriera ma, in genere, quando torno a casa nel Regno Unito, vengo acclamato dal pubblico perché sono io quello che gioca in casa. Tuttavia, ad essere sinceri, quando si arriva in WWE, la cosa più importante è suscitare una qualunque reazione. A prescindere dal fatto che la gente fischi o acclami, ciò che conta è che presti attenzione e che si diverta."

 

Fonte: 411Mania.com & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.