Da alcune settimane, in quel di Raw, Bo Dallas sta trovando maggiore spazio e attenzione: che sia il segno della svolta per lui ?

Sin dal suo debutto nel Main Roster, Bo è stato un ulteriore esempio di come la gran parte delle cose che funzionano in quel di NXT mal attecchiscano a Raw o a Smackdown. Eppure, nello show giallo, pur non essendo dotato né atleticamente né fisicamente, aveva dimostrato il suo talento interpretativo. Il suo regno da Campione è stato, a mio avviso, uno dei più interessanti con un addio alla Full Sail da ricordare.  La colpa del suo insuccesso non può essere, totalmente, attribuito a lui: da una parte, il mondo di NXT è un microverso a sé con un pubblico assai diverso da quello del Main Roster; dall’altra, il personaggio di cui è stato dotato è decisamente particolare e confinato in quel limbo tra il serio e il comedy.

Con la fondazione dei #SocialOutcast credevo, onestamente, che qualcosa stesse cambiando. Già fantasticavo su un Bo Dallas leader e motivatore di una stable di jobber pronti a risalire la china, grazie ai suoi consigli, per conquistarsi un posto al sole nella federazione. I miei sogni si sono, come raccontano i fatti, inevitabilmente infranti. I S.O. si sono rivelati, ben presto, null’altro che una stable di “perdenti” pronti ad adempiere al loro dovere e a concedere la vittoria.

La divisione dei roster ha, imprevedibilmente, aperto uno spiraglio per Bo: la WWE pare essersi ricordata di lui. Rinverdito il personaggio, reso maggiormente aggressivo e meno sorridente, il buon Bo ha conquistato una discreta serie di vittorie. Col suo, recentissimo, attacco ai danni di Axel, storico compagno dei Social Outcast, Dallas ha sancito il suo totale distacco dalla sua vita precedente.

E’ lecito chiedersi cosa dobbiamo aspettarci. Nonostante la simpatia e la stima che nutro per Dallas, di cui ammiro le grandi qualità interpretative, non credo che per lui ci sia da auspicarsi qualcosa di diverso rispetto a ciò che stiamo vedendo a Raw. Sarebbe assurdo credere di poterlo ammirare, tra qualche mese o un anno, nel main event di qualche show pronto a lottare per l’alloro massimo. Credo, dunque, che il push ottenuto da Dallas sia funzionale a riempire, vista la partenza di molti atleti in quel di Smackdown, le pesantissime tre ore di Raw. Si ha il tempo, visto gli ampi spazi televisivi dello show rosso, di costruire maggiormente i personaggi e di mettere in scena rivalità valide anche per il low/mid-carding. Un push, dopotutto, non deve incondizionatamente portare ad un titolo ma può essere, solamente, l’ottimo preambolo per storie convincenti. Nel nostro caso, ad esempio, potrebbero portare avanti la rivalità tra Bo e Axel.

Riprendendo il titolo dell’editoriale, credo che sia giusto credere in BO non tanto come prossimo main eventer ma, tutt’al più, come protagonista del mid/lowcarding di Raw così bisognoso di rivalità divertenti e convincenti.

LuchaKappa
Reporter mascherato in stile Uomo Ragno e SuperMan, tuttavia piú concentrato a scrivere di Wrestling che a salvare il mondo ! Deve la sua formazione alla celeberrima Tana del Cinghiale, rivale storica della Tana delle Tigri ma molto molto più prestigiosa.
  • Lucky

    Guarda, concordo pienamente. Bo non potrà mai arrivare in zona main event però, confido in lui ( in verità nei booker ) mi aspetto di vederlo in lotta per qualche titolo secondario…

  • Abi

    per me doveva essere a SD ,magari in un incontro dove viene pestato pesantemente da un titus di turno, ecco che viene salvato da bray e da li a poco bo inizia a supplicare il fratello di farlo entrare nella family riuscendo anche nel suo intento ,ma poi risultando sempre il punto debole del team e costando anche qualche sconfitta ed ecco che bray inizia a stufarsi ,iniziando ad “insultare” del tipo che è un buono a nulla,scarso ecc bo ed ecco che pian piano bo “matura” match dopo match…ma anche allevando un certo rancore verso bray (magari per averlo sempre ritenuto una pippa ,la parte debole della famiglia non solo quella della wwe ma anche in quella reale)ed ecco che hai un bo over, credibile e pronto al feud con bray.

  • TylerWolf

    io credo che il suo push serva a rafforzare la zona heel nel midcarding.Mi ha fatto male vederlo battere Neville a Raw ma andava fatto per farlo arrivare al turn su Axel in maniera più concreta.Se serve a riempire spazi di solito riservati a match noiosi o a “fasi morte”,ben venga

  • Stefano Bonomelli

    Meglio lui che young sinceramente…..l idea del motivatore della stable era molto meglio,ma anche farlo battere low card per poi arrivare magari al titolo secondario come sfidante credibile nn è male….cmq se gestite bene certe rivalità possono portare a match nn solo riempitivi in ppw che con la divisione dei rooster servono tanto…se gestita male pero sara uno strazio (young titus insegna)

  • Contro Nessuno

    Finalmente uno che scrive di Bo!
    “Sarebbe assurdo credere di poterlo ammirare, tra qualche mese o un anno, nel main event di qualche show pronto a lottare per l’alloro massimo.” Lui l’ha detto ai microfoni di Sky Sport l’hanno scorso…vuole essere nel main event di WM!
    Io darei un push anche ad Axel, quindi mi va bene una loro rivalità.

  • RatMan

    Secondo me la gimmick da heel che si credeva face poteva essere oro, ma poi metti la pancetta da alcolizzato, la scarsità (o scarsezza?) ed i non progressi sul ring….giustamente è finito nei bassifondi

  • StratusFAN

    Secondo me stanno solo sprecando tempo con Bo Dallas, lieto di essere smentito.
    A me non è mai piaciuto, non vedo in lui assolutamente nulla di speciale, motivo per cui non comprendo il suo push. Avrei preferito di gran lunga un push per Axel, se proprio devo dirla tutta.

    Comunque, preferenze e opinioni personali a parte, sono contento che vogliano dargli questa opportunità; magari saprà sfruttare l’occasione e riuscirà a riscattarsi, facendo ricredere coloro che dubitano delle sue abilità (io per primo).

  • Alessandro_91

    Io continuo a Bolivere xD

    • Contro Nessuno

      Lo facciamo tutti….infondo!