L’ex campione del mondo Bret Hart ha risposto ad alcune domande di Sports Illustrated, concentrandosi sul cancro alla prostata che lo ha colpito di recente, ma non solo. Pare infatti abbia perso la sensibilità di indice e pollice di una mano a causa di un problema al polso mal curato. “Amavo scrivere e disegnare, oggi faccio fatica a prendere una penna e fare un autografo” ha dichiarato con una vena malinconica.

Pubblicità

E sulla sua battaglia contro il cancro, ha spiegato: “Sto bene ora, nell’ultima visita il medico ha detto che il livello della malattia va verso lo zero e dunque si può ridurre la dose della cura. Ha detto che sono vivo per miracolo e che finalmente ho sconfitto la malattia. Uno degli aspetti più difficili è stato quello di raccontare in pubblico la mia battaglia. Il cancro alla prostata ha ucciso tantissime persone e mi piace pensare che raccontare la mia storia abbia aiutato altre persone a fare un controllo o tentare di affidarsi alle cure più consone. Tutti gli uomini sopra i 40 anni dovrebbero fare un controllo almeno una volta all’anno. Si tratta di un semplice test sul sangue circolante nel nostro corpo”.

FONTE411 Mania & Zona Wrestling
Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • JohnMorrison96

    Nemmeno il cancro alla prostata ha potuto nulla una volta chiuso nella Sharpshooter.

  • Eddie Guerrero

    condivido in pieno quanto detto da Bret Hart, bisogna sempre fare controlli per vedere se è tutto a posto, giusto per sicurezza sulla salute non si scherza mai, e se vuoi sopravvivere il più allungo possibile bisogna sempre fare controlli e di curarsi sempre se c’è da curarsi ovviamente.