In passato, vi abbiamo riportato di come Cody Rhodes abbia ricevuto una lettera dall’ufficio legale della WWE, in cui scoprì di non poter usare il cognome Rhodes nelle indy, pur ritendo di avere i diritti di usarlo anche fuori dalla federazione di Stamford.

Pubblicità

Negli ultimi giorni, la PWG ha pubblicate le preview della Battle Of Los Angeles e Rhodes viene citato come “Cody R” prima del suo match nel torneo:

FONTE411Mania & Zona Wrestling
Mauro Chosen One
Nato in un paesino sperduto fra la nebbia della bassa Bergamasca, scrive per Zona Wrestling da 4 anni. Reporter di Impact, co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno", editorialista a tempo perso. Tifoso sfegatato della Juventus e del Liverpool. Ha visto i suoi Dallas Mavs vincere le Finals. Si ritiene un gran fan di Edge,Scott Steiner, Drew Galloway Gail Kim, Emma, Bobby Roode, AJ Styles, Eli Drake, ECIII, Revival e tanti altri wrestler che non son tifati manco dai loro genitori. Sogna di diventare il nuovo Ron Burgundy.
  • Hardcore Holly

    Questa cosa gli rhodes un pochino immagino..

    • leo

      ‘Cody(o)

      • giuseppe_97nk

        ahahahahah idolo

  • Cole

    Nel suddetto match è stato introdotto però come ‘Cody Rhodes’

  • Simone Giuliani

    “pur ritendo di avere i diritti di usarlo anche fuori dalla federazione di Stamford.”
    Chissenefrega della legge, Cody Rhodes è il vero giudice in terra del bene e del male.

    • Daken Akihiro

      No, ma c’è una cosa chiamata morale che invece conta irl, visto che la legge – sopratutto quella americana – è fatta di cavilli e minchiate. Impedirgli di usare il nome del padre morto è da figli di tr0ia. Non è che se esiste una legge è automaticamente giusta in ogni caso venga applicata.

      • Simone Giuliani

        Non è il nome del padre.

      • Simone Giuliani

        Esattamente, secondo quale morale dovrebbero far usare a qualcuno una loro proprietà intellettuale senza guadagnarci nulla?
        Che poi fosse la cura per il cancro, è un nome, e non è nemmeno il suo vero nome.
        Il padre può omaggiarlo benissimo combattendo grandi match anche col nome di Tizio Incognito.

        • DETH

          Te se non fai ogni volta il WWE avenger o l’alternativo nella massa proprio non sei contento eh… come se poi alla WWE cambiasse veramente qualcosa. Comunque per ora niente è confermato, e poi il fratello in TNA per anni ha usato il nome Dusty Rhodes dunque…

          • Simone Giuliani

            E’ sempre una grandissima emozione quando mi rispondi senza aver capito il commento.

          • DETH

            Non so che altro c’era da capire ma mi basta aver capito il contesto, ogni santa volta che commenti.

          • Simone Giuliani

            Oggi ti stai superando. Calmo o rischio di commuovermi.

          • DETH

            No dai non piangere.

          • Simone Giuliani

            NO DETH IO TI AMO
            LASCIA MICON,LUI NON TI AMA DAVVERO, AMA SOLO OSPREAY(ciao Ale)

          • DETH

            Sono lusingato ma i tuoi sentimenti e/o gusti sessuali non sono corrisposti, Micon se vuoi è libero però, con Ospreay è finita per problemi di no-selling.

          • Simone Giuliani

            E’ già passato al suo altro grande amore.
            Ricochet.
            (Micon se mi leggi, tu non lo sai ma oggi su FB hai creato della poesia)

        • Daken Akihiro

          Per l’altro commento: è il nome del padre nel wrestling, quello con cui è conosciuto, non di certo “Runnels”. E questo è il primo.

          Proprietà intellettuale della WWE, fair enough, nessuno ha messo in dubbio questo, ma mi pare tu non stia cogliendo il punto. Non è un discorso di cosa – cura per il cancro e nome, il principio dietro è il medesimo.

          Il punto è proprio un altro. La legacy di “Dusty Rhodes” sta nel suo cognome e nel nickname “American Dream”. Questo è come chiedere ad un Hart – nato negli Hart, diretto, non tipo Kidd – di rinunciare a “Hart” quando lotta solo perché non parte della federazione che l’ha concepito. Si tratta, di un qualcosa di molto di più elevato e importante di un discorso di soldi – quello di cui ne fa la WWE – e di diritti, si tratta di mandare avanti quello che è stato il padre per lui e come wrestler. Il punto mi pare abbastanza semplice, per questo è un discorso di morale. Non si tratta nemmeno di salvaguardare l’altro Runnels rimasto, visto che lotta come “Goldust” e non si tratta nemmeno di levare i diritti su “Dusty Rhodes” e qualsiasi altra cosa provenga da quello. Si tratta di concedere un qualcosa di semplicissimo come un nome al figlio di un uomo che è morto dando tantissimo alla compagnia. Umanità, se preferisci. Poi se la vuoi buttare sul “eh, ma legalmente bla bla bla” o sul “eh, ma devono poterci guadagnare” gg, io non parlavo di atti da capitalisti b4stardi, ecco. Mi pareva ovvio. I grandi match puoi farli senza il suo nome, ma non sarà mai la stessa cosa e mi pare ovvio, questo.

          • DETH

            Ma che poi Dusty e Dustin non usarono il nome Rhodes pure in TNA? Secondo me la cosa è ancora da confermare.

          • Daken Akihiro

            Può darsi Dusty detenesse i diritti e alla sua morte siano passati automaticamente alla WWE.

          • DETH

            Mmh dici che è così che funziona? Non dovrebbero più logicamente passare agli eredi?

          • Daken Akihiro

            La WWE si tiene quasi sempre i diritti dei wrestler morti, se ci hai fatto caso. Metti che hanno qualche clausola, non mi stupirebbe conoscendo quanto sono figli della m3rda.

          • DETH

            Boh triste a dirsi ma io a sto punto fossi in lui registrerei il cognome come Austin e gliela metterei nel culo.

          • m4p0

            Capisco il tuo punto di vista, anche se l’esempio di Hart non regge visto che quello è il suo vero cognome. Il punto qui secondo me è che Cody avrebbe potuto benissimo usare il cognome “Rhodes” se si fosse lasciato in termini migliori con la WWE e non spalando mèrda (giustamente o no è un altro discorso) sugli alti papaveri e poi pretendendo che nessuno gli dicesse nulla sul fatto che magari c’erano dei diritti depositati per l’uso del nome e che avrebbe quantomeno potuto accordarsi con la federazione per il suo utilizzo.
            Tanto più che di sicuro lo sa meglio lui di tutti noi quanto sono str°nzi a Stamford.

          • Daken Akihiro

            L’esempio di Hart era basato sul concetto, non sullo specifico caso di nome reale/nome in ring. Senza contare che il tuo nome vero – o cognome – può comunque essere e diventare un marchio registrato e/o puoi darlo in concessione, non potendolo più usare commercialmente o in tv. Quindi rimane.

            Lasciarsi o meno in buoni termini non è contemplato nel concetto che ho espresso, perché il mio discorso puntava su argomenti diversi – morali appunto. Lo spalare m3rda sulla WWE ha solo inacidito le trattative, ma non intacca la logica di base.

          • m4p0

            Sì ma non è il caso di Hart, quindi l’esempio che hai fatto non regge. Se poi vuoi astrarre il discorso (come nell’altra discussione della necessità di face e heel nel CWC vs. la loro necessità nei match di wrestling in generale) è un altro paio di maniche, io sto parlando del caso specifico e basta.

            L’aversi detto addio in modo civile avrebbe potuto permettere a Cody di intavolare un discorso con la WWE per poter mantenere il suo cognome, e credo che in quel caso gliel’avrebbero anche concesso proprio in onore della figura del padre e, perché no, in ottica di riavvicinamento futuro.
            Invece lui se n’è andato sbattendo la porta e infamando pubblicamente persone con un certo peso, pretendendo poi di esercitare il diritto morale all’uso del “suo” cognome sapendo benissimo che sarebbe andato incontro a beghe legali.
            Non sto entrando nell’ambito del giusto e dello sbagliato, e anzi ti posso anche dare ragione sul discorso morale, dico solo che per quanto si sa Cody non ha potere legale da esercitare su quel nome, al contrario della WWE.

          • Daken Akihiro

            L’esempio non era sul caso specifico (e due), ma sull’utilizzo di un nome per una legacy. Lo ho detto anche prima. Mi pareva fosse ovvio nel tono de discorso. Potevo usare gli Hart come i Guerrero, piuttosto che – se vuoi qualcosa sul caso specifico – le maschere in Messico (Santo e i vari tipi dopo, i Mistico, i vari Dragon Lee, i Pentagon e via dicendo, meglio?).

            Nel primo commento ho espressamente detto che legalmente non era la cosa di cui volevo parlare. Ne so abbastanza di legge americana e so anche abbastanza come funziona con i diritti sui nomi e le cose legali da figlio di una famiglia di avvocati/notai e compagnia, ma appunto, come ho detto non sempre la cosa “legalmente giusta” è la cosa “umanamente migliore”, per così dire. Cody a mio avviso, tuttavia, aveva il diritto – e dovere, forse – di trattarli a pesci in faccia, considerando come è stato trattato dalla federazione. Un backfire se tratti la gente in un certo modo è fisiologico se non catartico e naturale per chi lo esegue. Il discorso mi pare molto semplice. Certo, ovviamente – e non lo ho mai messo in dubbio – se avesse leccato il coolo alla WWE e fosse stato buono si sarebbe reso la vita più facile, ma è anche vero che probabilmente avrebbe avuto meno rispetto. Certe cose sono legittime – e qui non sto parlando della questione nome/legale, ma proprio di come sei trattato e come puoi rispondere – e dirgli anche “sì, certo, certo, va bene” dopo che ti tirano i calci nel popò è un po’… non so nemmeno come dirlo, ma direi brutto. Triste.

          • DETH

            Più che altro mi pare strano come la WWE o chiunque possa detenere i diritti di quello che potrebbe pure essere visto come un nome proprio di una località; perchè tralasciando il gioco di parole iniziale col nome Dusty, “Rhodes” scritto così in inglese sarebbe Rodi, l’isola greca. Un cavillo legale dovrebbe esserci a questo punto.

          • Daken Akihiro

            I marchi possono essere registrati per determinati ambiti. Se io invento “sonasega” e lo voglio registrare, ci sono vari campi. Se voglio i diritti per l’abbigliamento costa un tot, se lo voglio per la scrittura costa un tot, se lo voglio per la musica costa un tot e così via.

  • It Factor

    Be ma che cagata Cody R…

  • The Irish Tommy

    vabe..cambiare il nome e tenere rhodes?

    • Lok23

      E’ proprio quello che non può usare

      • The Irish Tommy

        Ah, pensavo non potesse usare CODY RHODES per intero.. ma dai che cagata però, è il suo cognome!

        • Y2J

          No, il suo cognome Runnels

          • The Irish Tommy

            Intendevo il cognome ‘restlingniano..
            E’ un cognome d’arte ma è preso dal padre, quindi, in un certo senso.

          • DeanAyane

            Ho letto questo adesso sulle notifiche Disqussiane: “I just don’t give a fuck about what you think” e stavo pensando al possibile motivo per cui mi rivolgevi questa frase non molto gentile 😉 … solo in un secondo momento ho letto meglio la notifica… xD

          • The Irish Tommy

            Ahahah ho le mie catchphrase..lol

          • The Irish Tommy

            Ho la soluzione.
            Rody Chodes.

          • Y2J

            Hahahahahahahahahahaha

          • Daken Akihiro

            Mai. Usare il metodo NJPW: CODYRHODES.

            😀

          • The Irish Tommy

            Ma infatti..ma io mi sono sempre chiesto, perchè alcuni lottatori jappo hanno il nome scritto sempre in maiuscolo?tipo KUSHIDA

            Chiedo a te, visto il nickname

          • Daken Akihiro

            KENTA era per differenziarlo da Kenta Kobashi perché Hideo di cognome fa pure Kobayashi, troppo simili. Gente tipo BUSHI o EVIL lo fanno perché è esotico e ai giappi piace usare l’inglese (alfabeto e frasi) come molti occidentali usano il giapponese (aka è esotico e figo). Altri come SANADA o YOSHITATSU evitano i copyright. KUSHIDA perché esiste già Yujiro Takahashi e suo nome completo è Yujiro Kushida.

          • The Irish Tommy

            grazie, molto esaustivo

  • Alessio Massa Micon

    Cody R è brutto, ma brutto brutto

    • LuckIsForLosers

      Veramente.. MOZZICA!

  • LANSE ARCIAAAAA !!!

    “pur ritendo di avere i diritti di usarlo anche fuori dalla federazione di Stamford”.
    Così, perché sì.

  • bestsincedayone

    io cambierei posto alla H XD Rodhes e ciao WWE :’D

  • Anthony 2

    Quando credi aver battuto la WWE , ma poi ti arriva la lettere degli avvocati

  • Daken Akihiro

    Credo che semplicemente la PWG si sia voluta parare il c*lo considerando quanto è alta la richiesta per i DVD di BOLA, che sono poi una gran fonte di profitto.

  • Eddie Guerrero

    ma è una cretinata, la WWE gli e lo poteva lasciare usare ma va bene anche cosi.

  • nuanda

    Cody Roads xD

  • LuckIsForLosers

    Cody Runnels non è male comunque.

  • wakko

    mah

  • The best for business Rollins

    che poi Rhodes è il suo cognome…

  • The best for business Rollins

    Tecnicamente il ring name Rhodes l’ha appreso dalla sua generazione, quindi non è bello farglielo cambiare. Pare che la WWE ce l’abbia a morte con quelli che abbandonano la federazione. Rosiconi.

  • LOL stavo riascoltando la sua nuova canzone per le indy, che praticamente è una frecciatina unica alla WWE e dice (appunto in riferimento alla federazione) “you took my dreams but not my name”