Il discutibile atteggiamento della giornalista Nancy Grace la quale, in un intervista a Diamond Dallas Page (di cui vi abbiamo parlato QUI), ha fatto di tutto per ricondurre la morte di Ultimate Warrior ad un presunto abuso di steroidi e farmaci, ha, ovviamente, suscitato diverse reazioni sdegnate da parte di wrestler e fan. Ecco qui un eloquente tweet di Cody Rhodes:

Pubblicità

 

 

"Perché mai la gente è rimasta sorpresa di quanto fatto da Nancy Grace?? Lo sanno tutti che lei sia stata mollata da un wrestler negli anni '80 e che, da allora,  ha fatto dell'essere orribile il principale scopo della propria  vita…se fosse stata fermamente convinta delle proprie accuse, avrebbe dovuto intervistare un wrestler ancora in attività ma, ovviamente, non lo ha fatto perché si sarebbe trovata…in una situazione simile a quella di Mark Cuban e Skip Bayless (si tratta di un'intervista risalente al 2012 in cui il primo, presidente dei Dallas Mavericks, ha umiliato il secondo, giornalista che gli rivolse una domanda scomoda,ndr), e si sarebbe palesata per quello che è veramente, ossia un'ignorante scrofa sudata."

 

Fonte: Lordsofpain.net & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.