Cody Rhodes è stato intervistato da CraveOnline.com. Ecco gli highlight.

Pubblicità

 

Il livello della competizione nel wrestling moderno:

“E’ incredibile quanto talento ci sia, quanti modi di guardare il wrestling e quanta competizione ci sia tra noi. E’ un periodo magnifico.  Il livello della qualità fuori dalla WWE è il più alto mai visto. Guarda ad esempio Christopher Daniels, Okada, queste persone possono essere Main Eventer ovunque vogliano. Se penso a qualcuno che rappresenti la potenza delle indipendenti, penso subito a Pete Dunne, anche prima che diventasse il WWE UK Campion. Ci sono ragazzi come lui in tutto il mondo, questa è la cosa meravigliosa di questo periodo. Puoi avere ciò che vuoi, quando lo vuoi: non ti piace laWWE, vai su New Japan World; ti piace la WWE,vai sul WWE Network; vuoi vedere la ROH, guardi i PPV. E’ tutto davantia te”.

L’essere trasportato dal successo del Bullet Club: 

“Essere parte di questo movimento, il movimento del Bullet Club, è una cosa inaspettata. Ci sono atleti come Karl Anderson, Luke Gallows e Finn Balor che hanno creato la fazione, e se guardi ora è cresciuta di molto. Quasi spaventa il livello che ha raggiunto: è sugli scaffali vicino al merchandise della WWE, e non è nel circolo della WWE, quindi si nota quanta notorietà abbia ora. I fan giapponesi, la loro cultura, mi affascina quanto ci si siano affezionati. Adorano il Bullet Club, e mi fa sentire in colpa con loro quando vengono negli hotel dopo gli show, mi corrono indietro con la nostra maglia addosso. Quando abbiamo superato il record del merchandise al Tokyo Dome, mi ha spiazzato; mi ricordo di essere rimasto sveglio tutta la notte pensando: ‘Com’è possibile ci siamo riusciti qui? Com’è possibile?’. C’è qualcosa che affascina. Sono affascinato dalla connessione che si è creata”.