Daniel Bryan, in un'intervista concessa al sito Alternative Nation, ha rivelato che cambierà il proprio stile di lotta, sia pur precisando che questa decisione non sia necessariamente legata al grave infortunio al collo che lo ha tenuto ai box per ben otto mesi:

Pubblicità

 

 

"Cambierò il mio modo di lottare, ma non tanto a causa del mio infortunio. Il wrestling è una disciplina in cui lo stile di un lottatore deve evolversi continuamente. Guardo ad esso come alla più artistica tra le arti marziali. E' un processo molto creativo, ciò che facciamo noi è un combattimente artistico e creativo e, per questo motivo, è necessario evolversi. Essendo stato seduto a casa per gli ultimi otto mesi, e avendo  guardato costantementegli show, ho avuto modo di vedere cosa ci sia di troppo e, viceversa, cosa manchi e, soprattutto, di capire cosa potrei aggiungere di diverso e di maggiormente emozionante per tutti gli appassionati. Insomma, sì, cambierò il mio stile. Sarà più delicato per il mio collo? Non ne ho idea (ride, ndr). Il mio stile cambierà, d'accordo, ma non è detto che sarà meno probante per il mio fisico."

 

Fonte: LordsOfPain.net, AlternativeNation.net & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.