Pubblicità

Ysmsc alle prese con il caso Emma. E non solo

Tra il 30 giugno ed il 2 luglio 2014, è avvenuto un fattaccio in quel di Stamford. La wrestler Emma (Tenille Dashwood) è stata arrestata per aver rubato (così pare) una cover per Ipod da 21 dollari; sul wrestling web si teme il licenziamento che puntualmente arriva due giorni dopo il fattaccio, tuttavia poche ore dopo la WWE fa marcia indietro e riassume Emma, assicurandoci che verranno comunque presi dei non meglio precisati provvedimenti.

Al termine di questo articolo spenderò qualche parola sul possibile futuro di Emma d'ora in avanti, tuttavia prima di questo vorrei soffermarmi su un punto a parer mio focale dell'intera questione: pare (pare) che Emma sia stata riassunta perché in caso contrario si sarebbe creato un clamoroso precedente che avrebbe obbligato la WWE a licenziare i propri talenti alla minima effrazione commessa.

In effetti la WWE è piena di esempi di lottatori a cui è stata perdonata una condotta non propriamente esemplare. Certo non hanno evitato di pagare i loro conti con la legge e molti di loro hanno subito delle sensazioni disciplinari da parte della WWE stessa, ma sta di fatto che sono ancora lì in federazione ad esibirsi (Randy Orton, Jack Swagger, Cameron, Jey Uso, etc etc). Inoltre la vicenda di Emma non è ancora chiara: si è solo dimenticata di pagare l'oggetto? È stata arrestata per errore? Ha provato sul serio a rubarlo?

Licenziare Tenille per un caso simile avrebbe implicato il dover punire con il licenziamento di qualsiasi superstar che da qui in un avanti si fosse macchiata di un crimine perseguibile penalmente, giusto dunque per la WWE fare marcia indietro e decidere come punire in seguito la sua dipendente come meglio riterrà opportuno.

Certo è che c'è chi crede che un wrestler che si macchia di un reato grave, ad esempio la guida in stato alterato di Jack Swagger, dovrebbe essere punito anche con il licenziamento e non solo con le sanzioni previste dal codice penale. A quanto pare la WWE non è dello stesso avviso.

La federazione non può permettersi di ignorare simili fatti e Swagger è stato punito perdendo l'occasione di diventare World Heavyweight Champion in quel di WrestleMania 29, tuttavia la WWE non era disposta a perdere una gimmick che a suo modo interessava il pubblico e che stava riscuotendo un buon successo, sapevano di avere in mano dell'ottimo materiale da sfruttare e hanno deciso che gettarlo alle ortiche sarebbe stato un errore. Swagger è stato punito, ma è rimasto a Stamford, la sua carriera non è propriamente decollata, ma sostanzialmente è rimasto il midcarder che era; paradossalmente, salvo il job ad Adam Rose, non è più tornato ad essere lo zimbello del roster con una streak di sconfitte più lunga delle conquiste amorose di CM Punk (risateregistrate (cit.))

E qui le opinioni si sprecano. C'è chi dice che l'infrangere la legge dovrebbe comportare pesantissime sanzioni anche sul lavoro è c'è chi invece afferma che vita privata e vita pubblica devano rimanere due cose distinte. Personalmente io propendo per la sospensione per un periodo più o meno lungo a seconda dell'infrazione e al pagamento di un'addizionale multa, stiamo pur sempre parlando di una compagnia con un'immagine pubblica che tu dipendente con il tuo comportamento hai in qualche modo compromesso. Tuttavia non mi sento di condannare a prescindere né coloro che si ritengono ancor più giustizialisti né coloro più inclini a lasciare i fatti privati così come sono, privati

Si parla sempre di reati di un certo tipo, non certo di accuse pesanti come abusi, rapine, percosse e chi più ne ha più ne metta, anche perché con questo tipo di reati non te la cavi con una multa salata e una foto segnaletica da appendere in camera e far vedere agli amici il sabato sera.

La WWE sta molto attenta alla sua immagine e sa che non punire in alcun modo i suoi wrestler, in simili circostante, comporterebbe un danno d'immagine considerevole, in questo modo è libera di non arrivare agli estremi del licenziamento e poter così continuare a sfruttare la fetta di pubblico che quel wrestler si porta con sé, mantenendo comunque l'aria di chi non lascia i crimini impuniti.

A questo punto, quale futuro si prospetta per Emma? Dato che ancora non sono ben chiare le dinamiche della vicenda, evitiamo di domandarci se si sia meritata questa punizione o meno e concentriamoci solo sulle conseguenze: mi viene da pensare un ritorno ad NXT o un inutilizzo dell'atleta nel main roster per un certo periodo di tempo, questa paradossalmente potrebbe rivelarsi una fortuna per Emma, dato che avrebbe la possibilità di esordire con una nuova gimmick, visto che il suo tag team partner Santino Marella ha deciso di abbandonare la carriera in ring.

Certo Emma ha ben altri problemi a cui pensare: è una Diva, ragion per cui, sospensione o meno, sarà difficilissimo per lei riuscire ad emergere nel roster principale, negli ultimi 3 anni soltanto AJ Lee può dire di aver raggiunto un ruolo da main eventer, AJ Lee è la John Cena femminile (paragone totalmente a caso dovuto solo a spiegare il suo livello di popolarità, andiamo avanti), tutte le altre, Paige compresa, non sono che delle midcarder alla Dolph Ziggler o al più alla Sheamus e la povera Emma stava ristagnando pericolosamente nella zona “Zack Ryder”

Vorrei dire che, scontata la sua pena, Emma potrà ricominciare al meglio, ma non ne sono affatto sicura. Anzi, tutt'altro.

E voi cosa ne pensate? Quando e come è giusto punire un wrestler per un suo reato “extra” ring? Dovrebbero pagare solo dinanzi alla legge o è giusto che il loro comportamento provochi un depush anche sul lavoro? Qual è la vostra opinione sul caso Emma? L'immagine conta più del talento o al contrario avere un grande talento può salvarti dalle conseguenze di un danno all'immagine dell'azienda?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia.

Ysmsc.

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname