Intervistata dal New York Post, Ember Moon si è espressa su vari argomenti.

Pubblicità

 

Primo fra tutti, il suo character” Ad esser sincera, si tratta di tutte le mie caratteristiche di cui ho sempre provato vergogna. Ero sempre in disparte, mi piaceva rilassarmi da sola, ma poi quando si presenta un’opportunità, mi gaso e la colgo al volo. Ho sempre sentito una sorta di rigetto nei mie confronti al di fuori dal mondo del wrestling e sono sempre riuscita a superarlo  e tutto questo viene amplificato nel personaggio di Ember Moon. Quando ero una ragazzina venivo bullizzata perché mi piacevano i videogame e il wrestling. Per anni mi sono vergognata di essere me stessa perché non piacevo alle persone. Il cerchio, però, si è chiuso e a tutte le persone che dubitavano di me o che mi bullizzavano-perché bullizzata è la parola giusta-  ho dimostrato di essere più forte di tutto questo. Di essere meglio di tutto questo. Continuerò a camminare a testa alta e a dimostrare che non seguo la massa. Io seguo il mio percorso ed è giusto fare così. Questa è Ember Moon.” 

Ha parlato poi dei suoi allenamenti con Booker T” Lui è stato il primo a dirmi di provare ad espandermi, di andare in stati diversi e farmi un nome nella scena indipendente. È pazzesco perché le sue qualità vanno ben oltre quello che avete visto in WWE e gli sarò sempre grata. Lui è anche la ragione per la quale faccio l’Eclypse dalla terza corda e non dalla seconda.”

Infine ha parlato di un’eventuale partecipazione a Total Divas” Lì si vede tutto. Io sono una persona molto introversa e quindi non so se è una cosa che farei. Sono stata già un paio di volte a Total Divas in qualità di ospite, ma non lo so. Davvero non lo so. Non sto dicendo che direi di no, solo che non lo so.”