L’ex WCW Eric Bischoff ha avuto aspre parole per Bret Hart durante un’intervista per il podcast di Sam Roberts, rispondendo ad alcune dichiarazione del canadese rilasciate un mese fa sullo stesso podcast.

Pubblicità

 

”Non ho neppure ascoltato quel podcast. In generale non mi lascio coinvolgere da ciò che Bret Hart dice in giro, sono anni che diffama la gente con cui ha avuto modo di lavorare, non è una news. E’ solo un uomo miserabile. Credo abbia un’enorme voragine al posto dell’anima e che si senta in obbligo di riempire quella voragine odiando chiunque gli capiti a tiro. Quando arrivò in WCW odiava a morte Vince McMahon, Shawn Michaels e Ric Flair. Non voleva avere nessun match con Hulk Hogan o con il resto del NWO. Odiava tutti, l’ho sentito dire più volte nel backstage o mentre eravamo on the road che quella o quell’altra persona non gli andava a genio. Lui disprezza chiunque.”

VIA411mania
FONTE411mania
Irish Tommy
Ho 26 anni, seguo il wrestling dal lontano 2001, seguo principalmente la WWE, anche se ciò mi porta rancore e frustazione il più delle volte, una sorta di sindrome di Stoccolma. Quando trovo il tempo e non sono inghiottito dalle serie tv seguo anche RoH e NJPW. Wrestlers preferiti: Eddie Guerrero, Chris Benoit, Brock Lesnar e Steve Austin.
  • Sami Balor

    Chissà se già all’epoca odiava Seth Rollins!

    • l00C@

      odiava il padre

  • Giù lì oh

    “Quando arrivò in WCW odiava a morte Vince McMahon, Shawn Michaels”
    Ma che stronzò questo Bret Hart.

    • Kish

      pure matt hardy è uno stronzo! come si è permesso di odiare edge e lita quando gli han messo le corna ?!

  • Contro Nessuno

    Dai!

  • Kish

    in effetti è un pò troppo criticone verso chiunque..

  • ChristianPeeps

    Detesto schierarmi con Bischoff, ma Hart non era uno stinco di santo e un po’ ce lo vedo a criticare tutto e tutti.

  • Kane, The Real Demon
    • Contro Nessuno

      Mai visto! WOW!

  • The Chick Magnet

    A Seth Freakin’ Rollins piace questo elemento.

  • Abi

    quoto.

  • King Cuzzy

    Hart è un rompipalle, ma francamente di motivi per odiare Hogan e l’NWO ne vedo a bizzeffe. Ancora più motivi per odiare Vince e Shawn dopo quello che subì a Montreal, ed il perché è scritto proprio nel libro di Bitchoff……..

  • Gawd

    4/10

  • BoBx30

    Non sono mai stato così d’accordo col caro vecchio Bischoff

  • Ma apparte l’odio che si puo provare per Bret come persona, che può essere espresso solo se lo si conosce, solo io COME WRESTLER lo trovo estremamente sopravvalutato ?

    • King Cuzzy

      Beh cosa gli mancherebbe? Ha dato vita a match fantastici, io non l’ho vissuto ma per la roba che ho visto era avanti col tempo, un innovatore insieme a gente come il fratello e Michaels, ha contribuito a portare un wrestling diverso da quello di Hogan, delle gimmick e dei big man steroidei nella major per eccellenza ed è stato una star in un periodo non bello per la WWE, poi non so dirti nulla riguardo alle abilità al mic, alcuni dicono che Owen era un wrestler migliore addirittura. A favore di Bret va anche il fatto che non ha mai infortunato nessuno, cosa che è capitata anche ai migliori come per esempio il fratello.

      • Intendo come intrattenimento, lo trovo estremamente noioso
        nona vendo vissuto qual periodo, ho cercato di recuperarmi alcuni dei suoi match principali, primo fra tutti l’iron man match con shawn michaels
        devo dire che in quel match la parte che gestisce lui (circa la prima mezz’ora) è estremamente statica e noiosa. praticamente tutto ciò che c’è di bello in quel match viene fatto da michaels; per carità, un match si fa in due, ma posso dire che sia stato l’unico ad essere interessante in quell’incontro
        poi ho visto pure delle compilation delle sue mosse principali
        da li capisco che è vero, per carità, le eseguiva alla perfezione, sia come pulizia tecnica che come sicurezza per l’avversario, e risultavano anche, singolarmente, molte belle da vedere, ma creare un match basato su una serie di mosse, seppure molto ben eseguite, non rende il tutto per forza interessante
        ad esempio, tornando anche all’iron man match oppure anche ad un match in cui c’erano altri 3 membri della Hart family, praticamente ha tirato avanti il match con una serie infinita di headlock (e ti giuro, stavo rimpiangendo Orton, che almeno è effettivamente considerato noioso sul ring) intervallati, ogni 30 secondi, da alcune delle sue mosse tecniche
        per quanto riguarda il carisma, mi sono recuperato un promo, uno a caso, e principalmente si vantava di essere un bravo wrestler tecnico e basta
        per carità, avrà superato la timidezza che aveva notoriamente a inizio carriera, ma non p che fosse bravo al microfono
        in generale, ricade un po’ nella concezione errata che c’è oggi di wrestling tecnico: si tende a pensare che piu uno fa mosse piu è tecnico, ma in realtà essere un wrestler tecnico significa portare a casa l’incontro con mosse tecniche, ossia non con brawling o power moves, e quindi paradossalmente si puo essere anche un westler tecnico con giusto 4-5 mosse ed usarle correttamente. lui era un po’ il contrario: ne aveva un’infinità, ma il farle a caso una dietro l’altra non è che lo rendesse il re dei wrestler tecnici. magari per l’epoca era grandioso, ma nel complesso ce ne sono do migliori, si aguardando il panorama odierno, ma anche, pensandoci bene, guardando il puroresu già di quel’epoca, se non prima
        inoltre sento spesso dire che ha avuto molto in WWE e troppo poco in WCW, secondo me semplicemente gli hanno dato molto in WWE, e questa iper esposizione lo ha aiutato ad emergere, colmando anche qualche lacuna, e in WCW, non avendo molto spazio, non è riuscito a fare lo stesso.
        scusate il papiro, ne ho approfittato per sfogarmi

        • King Cuzzy

          Ma magari oggi avrebbe un background diverso, però per la sua epoca di Hogan e Lex Luger fu un innovatore, magari risalta di meno se paragonato ad un Kurt Angle

          • il problema grosso è che nel complesso mi risulta molto noioso

          • Wrestlingwriter

            Per quanto riguarda l’iron man match, scusami, sei stato superficiale a commentarlo; chi vince il match? È normale che in modo velato, – mi esprimerò come un allenatore di calcio – , Bret abbia fatto meno di Shawn; è la logica del wrestling; è la logica di quel tipo di match; e in più, è la logica della WWE. Bret, in modo estremamente intelligente, guida il match; è un ottimo worker scenico; ci inganna, facendoci credere che il match, non abbia un vincitore sicuro; che il suo personaggio, – stiff come sempre in tutto e per tutto – , potrà battere Shawn; ma, così non è. E mi dispiace, ma ancora: sei superficiali nei tuoi commenti: l’iron match, – ho scritto un po’ alcuni dei motivi – , è uno dei tanti esempi che Bret, noioso e poco carismatico, non lo era per niente. E credimi: nemmeno Vince, – quello di vent’anni fa o di adesso, non importa – , descriverebbe Bret come noioso.

        • Wrestlingwriter

          Avevo cancellato il profilo con l’intenzione di non tornare più a scrivere qui; non fraintendermi: sono per la completa libertà d’espressione sia verbale che scritta. Il mio problema? I tuoi commenti riguardo Bret, devono essere una presa in giro come il tuo nick, secondo me. Vedo di scrivere la mia: aveva la più grande precisione e pulizia tecnica di tutta la storia della WWE, secondo me; tu lo trovi noioso? Come si può considerare noioso, un wrestler nato per il wrestling? Certo, per una questione di conseguenza logica, arriviamo alla solita scusa campata in aria: “Bret è noioso per un semplice fatto: poco carisma.” E qui, viene fuori lo sfottò di quella classica critica; ti chiederei: veramente, Bret è poco carismatico? Con la massima tranquillità, – del resto, abbiamo la stessa età – , c’è una cosa che si contraddice con la frase, “Bret era poco o meno carismatico”; a cosa mi riferisco: Bret ha subito lo Screwjob anche per l’opposto di quella frase. Se tu fossi un vero fan della disciplina, – essere fan, non significa guardare amv a caso, chiaramente – , avresti notato, che sono tutte stupidaggini trite e ritrite: Bret è il più carismatico di tutta la WWE; era il più carismatico sul ring, perché, assieme al compianto fratello, Owen, era il più bravo sul ring; nel wrestling è così: quando sei il più bravo sul ring, sei il più carismatico; in più, Bret era il più carismatico in generale. Certo, lo hanno detto e scritto molti altri prima di me, nella vita reale e sulle pagine di questo blog: Bret non era showman al mic come Shawn. Se compariamo i due, vengono fuori due cose: Shawn è il miglior pro wrestler americano di tutti i tempi; Bret, essendo canadese, è il migliore di tutta la storia della WWE. Tornando alle sue mic skills, è ovvio: non puoi paragonare Bret con altri imbattibili al mic come Dwayne, John e Jericho; ma, non era scarso. C’è un altro fatto che toglieva carisma alla gimmick di Bret nei promo e nei segmenti della WWE: l’ambiente umano. Siamo onesti: Bret sarà stato un arrogante, ma nemmeno i suoi colleghi, erano esempi di umiltà globale. La storia è famosa: umanamente, Bret non poteva vedersi con Paul Levesque, con Shawn, con Vince e con altri; facevano tutti uso di sostanze di natura diversa e quello, non aiutava a gestire l’odio nascosto; l’ambiente umano, appunto, non permetteva a Bret di interpretare la sua gimmick nello stesso modo estroverso di Shawn, di Mark Calaway e di Steve, – loro tre, anche se in modo diverso, sarebbero diventati il massimo esempio di carisma estroverso – . E continuo a scrivere con la massima tranquillità, – mi dispiace per la tua superficialità – , ma ripeto: hanno organizzato lo Screwjob per umiliare Bret, perché era tutto tranne che noioso. La tecnica che tu descrivi come noiosa, – scrivo da fan onesto – , era invidiata da Vince, dal suo futuro genero e da molti altri dei suoi colleghi; sono sicuro che anche alcuni dei wrestlers attuali della WWE, invidiano la tecnica di Bret. Certo, quando ha scelto la WCW, è diventato anche il più grande fesso di tutta la storia della WWE; le nuove parole del ex proprietario della compagna rivale, sono una nuova prova. Comunque, un’ultima cosa: se fossi Bret, ti direi di non guardarmi.

    • Give me a Spell yeah! TFT

      Tecnicamente era ineccepibile. Mancava di mic skill ma questo non era così importante nell’era pre attitude. Il suo carisma era costruito sull’immagine e la valenza tecnica.Come intrattenitore Michaels era decisamente superiore.

      • Questo è esattamente quello che penso di lui (e di shawn)
        il problema grosso è che nel complesso i suoi match mi risultano (parecchio) noiosi.
        A sto punto sarà una cosa solo mia

        • DeanAyane

          io che l’ho vissuto all’epoca devo dire che era veramente bravo, nel senso che quando guardavi i suoi match avevi davvero l’impressione che se le dessero sul serio (per come portava i colpi e come li “subiva”), sapeva raccontare storie sul ring, l’unica cosa che gli mancava un po’ era una grande abilità al microfono (era un po’ macchinoso) e non era quel grande attore nei segmenti, però se avesse avuto anche questi aspetti sarebbe stato un mostro (di bravura) e nessuno parlerebbe di altro parlando del passato…

          Poi tu porti l’esempio di un iron man match, incontri in cui bisogna, da entrambe le parti, sapersi dosare e risparmiare le energie, insomma il match più a rischio di staticità… ti assicuro che in match normali era sempre all’altezza e ne ha fatti tantissimi molto belli… credo che la maggior parte di essi sarebbero divertenti anche guardati oggi.

          • Give me a Spell yeah! TFT

            Non per niente gli iron match li hanno messi in soffitta perchè mal si abbinano a uno spettacolo frenetico come il wrestling.

          • Wrestlingwriter

            Non sono d’accordo, – io sono quasi sempre d’accordo con i tuoi commenti – . Gli iron man match da mezz’ora o addirittura, da un’ora, sono fatti per il wrestling, ma non per tutti i wrestlers; ci vogliono qualità già discusse in questa pagina: buona o ottima tecnica con un repertorio variegato; buona o ottima capacità da worker; buona o ottima capacità da storyteller tramite le ring skills; non trovi. Negli ultimi anni, la WWE è stata costretta a rinunciare a quel tipo di match per via del cambiamento del prodotto; le conseguenze delle ultime due/tre ere, hanno reso difficile scritturare tali match: il parco mosse dei wrestlers, è diminuito, – c’è una maggioranza di bambini come pubblico che per via della loro età, riescono ad abituarsi più facilmente a un parco mosse limitato – ; lo storytelling nel ring è meno enfatizzato; questo significa che l’aspetto del worker che incassa e continua a resistere anche se soffre, è meno enfatizzato. Personalmente? Ho un unico e ovvio problema con i match con uno storytelling in ring così sofferto come iron man e last man standing: il blading.

        • Give me a Spell yeah! TFT

          Shawn risulta più divertente, grazie alla sua innata capacità d’interazione con il pubblico. E’ più showman. Bret era maestro nell’arte del ring ma ha sempre fatto trasparire una certa antipatia data dal suo modo di atteggiarsi serio e disciplinato che mal si amalgamava con i gusti del pubblico moderno più propenso all’intrattenimento.
          L’attitude era diede la stura alle paturnie dei giovani degli anni novanta che poco apprezzavano i miti tutti di un pezzo a favore di personaggi maggiormente trasgressivi e inclini all’anti eroismo.
          Pur essendo passati gli anni, questa nuova tipologia di personaggio più accattivante, è diventato il must cui il pubblico fa riferimento.
          Cambiano gli atteggiamenti e i protagonisti ma l’incipit rimane quello. L’eroe granitico, privo di difetti e ultra moralista, suscita una certa antipatia, perché accostato inconsapevolmente a un sistema che ha perso credibilità nei confronti della gente; i giovani in particolare.
          Shawn Michaels è il prototipo dell’uomo di spettacolo sempre pronto ad agire in funzione dell’emozione. L’azione è più dinamica e i pochi tempi morti, sono ad appannaggio di gag pronte a strappare un sorriso o un’occhiata di stupore.

          • DeanAyane

            mi hai anticipato di qualche secondo, stavo dicendo la mia su Michaels – vedi sotto- ottimo fuori ring ma dentro il quadrato, almeno quando tornò alla non più WWF ma ormai WWE, non mi piaceva più così tanto…

          • Give me a Spell yeah! TFT

            Tutti i personaggi stufano se riproposti all’infinito. Una pausa è salutare per tutti. Così si può sempre preparare un ritorno in grande stile. Un atleta che fa fatica a interagire emotivamente con il pubblico, ha maggiori difficoltà nel farsi apprezzare e crea buchi narrativi che potrebbero colmare una certa monotonia.

        • DeanAyane

          Beh, Shawn l’ho sempre trovato abbastanza noioso anch’io, almeno nella seconda parte di carriera, quella del ritorno… le prendeva per nove decimi dell’incontro e poi sforzo addominale, ritorna in piedi e vince/perde l’incontro… bravo, ottimi promo, lo spettacolo nel sangue però non mi ha mai entusiasmato al cento per cento…

          • No no non hai capito, intendevo che considero Shawn estremamente superiore, sia nel complesso, sia come wrestler tecnico e soprattutto nell’intrattenimento

          • L.A.X.

            A livello tecnico Michaels non è assolutamente al livello di Hart.
            Forse nemmeno sul piano della psicologia pura.
            Come abilità nel costruire uno storytelling interno al match però siamo a livelli altissimi da ambo i lati.

            Poi certo, come intrattenitore a 360 gradi Michaels supera di gran lunga Hart.

          • Wrestlingwriter

            L’abilità dello storytelling nel ring, secondo me, dipende anche dal grado di emotività del wrestler; o meglio, dipende anche dallo stato emotivo momentaneo del wrestler; comunque, sono pari, secondo me. Comunque, come intrattenitore e anche come wrestler tecnico, Shawn supera un po’ tutti di tutti i tempi, – lascia stare il parlato, – certo, è importantissimo; da quindici anni a questa parte, se non sei bravo al mic, sei scarso – . Al giorno d’oggi, non c’è uno in WWE, che sia un wrestler tecnico e intrattenitore al massimo come Shawn; in WWE, non avranno mai più uno come Shawn, purtroppo per loro. Ironia della sorte: lo scrivo da fan assoluto di Bret.

        • Wrestlingwriter

          Perdona la mia piccola persecuzione: se scrivi che anche Shawn era noioso, cancellerò il mio account.

          • trovo Shawn l’opposto di noioso
            concordo con quelli che lo considerano completo (anche se questo direi che è addirittura oggettivo) e soprattutto uno dei migliori della storia

      • DeanAyane

        Se fosse rimasto in WWF avrebbe di sicuro migliorato anche questa dote, ma ciò non è stato possibile…

        • Give me a Spell yeah! TFT

          Quando Bret cambiò atteggiamento in seguito al suo turn heel, fece intravvedere quello che potrebbe essere stato il suo personaggio in un’ipotetica permanenza in WWE.
          L’attitude era esplose dopo le Survivor Series con la consacrazione definitiva della DX.
          Da li cominciò la scalata di Austin verso il titolo che trasformò definitivamente il prodotto.
          E’ facile pensare che anche Bret Hart inserito in tale contesto, avrebbe plasmato ulteriormente il suo carattere, regalandoci delle sorprese riguardanti il suo personaggio.
          Voci abbastanza controverse, parlano di un Bret Hart poco d’accordo con la nuova linea intrapresa dalla compagnia, in netto contrasto con il suo nemico di sempre, Shawn Michaels, che era invece favorevole a un prodotto rivolto a un pubblico più adulto.
          Insomma c’è sempre Shawn nel destino del canadese. Si dice anche che Vince mise in piedi lo screwjob proprio per liberarsi di Bret Hart proprio perché indeciso su come sfruttare l’Hitman nel nuovo percorso intrapreso dalla WWE.
          Lo snodo è stato quel famigerato episodio. Senza dimenticare che il personaggio del dispotico Mr McMahon nacque in seguito a questi fatti. Vince sfruttò l’odio nei suoi confronti per creare il personaggio.
          Non sapremo mai come sarebbe stato Bret Hart se fosse rimasto. Ciò che emerge dalle mie sensazioni è che il canadese durante questi cambiamenti, appariva logoro e stantio, dinanzi agli sbeffeggiamenti della DX attirando parecchio heat da parte del pubblico in modo abbastanza inconsapevole pur essendo heel.
          Sembrò quasi una scelta inevitabile di fronte al nuovo che avanzava, rappresentato in primis da quel Stone Cold Steve Austin che divenne di lì a poco, grazie anche a quella faida, il beniamino assoluto del pubblico.
          In definitiva, il canadese non sembra avere la simpatia tra i suoi pregi.
          Come sempre accade nel wrestling, è difficile capire dove finisce la realtà e comincia la finzione ma mai come in questo caso, i limiti sono arrivati a toccarsi.

          • DeanAyane

            “Voci abbastanza controverse, parlano di un Bret Hart poco d’accordo con la nuova linea intrapresa dalla compagnia, in netto contrasto con il suo nemico di sempre, Shawn Michaels, che era invece favorevole a un prodotto rivolto a un pubblico più adulto.”

            Sì sì, non sono voci, più volte negli anni successivi, anche dopo il ritiro forzato, Bret ha dichiarato che gli show televisivi di wrestling dovrebbero essere per famiglie, però magari lo dichiarò soltanto per astio nei confronti di coloro che lo fecero andare via in quella maniera…
            E’ pur vero che anche Owen la pensava così, è per questo che la WWF lo punì facendolo ritornare un “Blue Blazer” in salsa moralisticheggiante… mossa involontariamente ed indirettamente fatale per il biondo canadese…

          • Give me a Spell yeah! TFT

            Sulla falsariga di Bob Backlund che interpretò un personaggio simile qualche anno prima, quando la WWE era ancora un prodotto per famiglie…sigh.
            Fa sorridere pensare quanto si diano da fare oggi per sembrare immacolati, dopo che per un decennio abbondante, hanno canzonato le spinte moraliste della società americana.

          • Wrestlingwriter

            Il wrestling base e non hardcore, dev’essere per famiglie; se lo guardano anche i bambini, molti di loro sogneranno di diventare wrestlers; logica vuole che alcuni di quelli che sognano di farlo come lavoro, arriveranno a farlo. È così che si dà nuova linfa e continuazione alla disciplina; del resto, se non ci fossero più bambini a guardarlo, la disciplina non potrebbe più essere praticata negli anni futuri; per farlo ci vuole il talento naturale? Beh, ripeto: il talento naturale lo scopri e lo metti in pratica cominciando da fan; diventi un vero fan da bambino.

        • Wrestlingwriter

          Infatti, è stato il più grande fesso di tutta la storia della WWE; però, miserabile, un uomo di di sessant’anni anni, non è di sicuro. Paragonato all’ex WCW, – implicitamente, ha rovinato la carriera di Bret – , Vince è sempre stato un Signore. Purtroppo, è andata così: alle volte, si cade nei tranelli della vita e si finisce nelle sabbie mobili. Il più completo di sempre. Il migliore di sempre e per sempre. Peccato.

  • Eddie Guerrero

    Cattivone sei Bret Hart vergognati mi hai fatto piangere, mi hai fatto arrabbiare Rko Rko Rko su Bret Hart.

  • SunBro245

    Mai fatto impazzire Bret Hart come wrestler. Certo è che per la vicenda dello screwjob non lo si può certo biasimare.

  • Ledion Rrapaj

    Io non biasimo Bret per aver odiato Vince Michaels Hogan Flair Nwo. Dopotutto sappiamo come andavano le cose a quei tempi. Alla fin fine il wrestling e la wwe in particolare è un business difficile, ognuno pensa a sé stesso come è giusto che sia.

  • Give me a Spell yeah! TFT

    Interessante. Spesso si vedono nemici ovunque credendo d’essere vittime di qualcosa. Spesso sono gli stessi, anzi, se stessi.