Frank Mir, noto lottatore di arti marziali miste nonché ex UFC Heavyweight Champion, è intervenuto al Chad Dukes Wrestling Show, programma radiofonico condotto dall'omonimo giornalista, e si è espresso su diversi argomenti interessanti:

Pubblicità

 

Sulla possibilità di intraprendere una carriera nel pro-wrestling: "E' qualcosa che trovo assolutamente divertente, non sarebbe affatto una cattiva idea."

 

Sull'eventuale terzo capitolo della rivalità con Brock Lesnar: "Penso che vincere sarebbe un'opportunità per finire alla grande questa trilogia. Assolutamente, se si presentasse l'opportunità di fare sul serio, io ci sono. Tuttavia, se ciò non accadesse e lui non tornasse, beh, in ogni caso non perderei il sonno."

 

Sull'arrivo di CM Punk nelle MMA e, in particolare in UFC: "Ho parlato con alcuni lottatori che si sono sentiti frustrati e che mi hanno detto: "Perché questo tizio sta ricevendo così tanta attenzione? Abbiamo disputato venti incontri e nessuno ci considera." Al ché, ho risposto: "Innanzitutto, quando la gente guarda il nostro sport vuol dire che lo stiamo promuovendo, il che è positivo per tutti noi." Questi ragazzi devono capire che vivere di arti marziali sia una delle cose migliori che potesse loro capitare. Quando si viene pagati per fare qualcosa che ci piace, vuol dire che abbiamo avuto successo nella vita. Quindi, venire pagati per essere lottatori ci permette di andare in palestra, allenarci, divertirci e di avere gli occhi puntati su di noi. Lo sport deve essere anche divertimento e deve fare guadagnare. Sotto questo profilo, CM Punk ci aiuterà. Tanti spettatori guarderanno i suoi incontri. Se fossi uno di quei lottatori, invece di lamentarmi farei di tutto per lottare contro di lui e trovarmi all'angolo opposto della gabbia."

 

Fonte: LordsOfPain.net & ZonaWrestling.net

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.