Siamo giunti in Emilia Romagna. Fa inevitabilmente molto freddo, e per me non è la situazione ideale. L’ospite di oggi però mi accoglie in uno splendido pub dalla calura leggera. Ci stringiamo la mano: JT9 è pronto a raccontarsi.

Pubblicità

La prima volta che lo vidi su un ring rimasi basito per il modo, inusuale per un wrestler italiano, di abbinare un buon talento in-ring con una ottima interazione col pubblico. 1.75 per 80 kg, è il “profeta” del wrestling italiano, colui che guida alla Luce tutto il panorama. Signori e signore, FOLLOW THE WAY!

– Quando hai iniziato a fare wrestling e cosa ti ha convinto?
Qual è quello sport che è in grado di farti esplodere ed essere come un super-eroe? Il wrestling, oltre ad essere uno scarico di energia pazzesco, è anche ponte per dei messaggi, il fan che si rivede in te in qualche modo arriva. Questa è una tra le tante cose che mi ha spinto a praticare, impegnarsi fino a poi trasmettere la tua stessa passione ai ragazzi che arrivano freschi e vogliosi di capire la potenza del Pro-Wrestling!

– Come hai scelto la tua gimmick e perché?
La mia gimmick innanzitutto, continua ad avere una metamorfosi, sia dal punto di vista tecnico che psicologico, prima ero un ballerino ( mi cimento tutt’ora), ora ho avuto “l’illuminazione” dei miei antenati e sono diventato JT9 ovvero Jekyll-True-9 che è un acronimo. Ti ho detto che wrestling può essere portatore di messaggi? Bene, io ho i miei, nella mia pagina riempirò di questi messaggi, a voi la possibilità di segurimi attraverso i Live show, alla pagina, le interviste come questa ecc.. e capire l’enigma di tutto il mio personaggio. Jekyll Island è l’isola dove gli Illuminati strinsero il loro patto, sono 8 famiglie, io “HO” uno stretto legame col sangue… Ora so che “siamo” in 9… il mondo è fatto da simboli, ne siamo circondati e nella pagina ufficiale di JT9 troverete chi fa parte della schiera dei “Guerrieri Della Luce” ( Il Delirio è già partecipe) con a capo supremo l’ordine della “Hand of destiny” che racchiude tutto il potenziale dell’ essere umano!

– Quando è stato il tuo debutto? Cosa ricordi e contro chi eri?
Il mio debutto ufficiale su un ring lo devo a Red Scoprion nel 2007, allora il wrestling era puramente “fantascientifico”, i ragazzi di adesso sono davvero fortunati a cominciare. Ci sono atleti Professionisti che hanno alle spalle esperienza da far invidia, tra questi proprio Red ( Wrestler di grande stima da sempre presente nell’avvenuta preparazione del Bologna Wrestling Team assieme al nostro presidente Massimiliano Malpensa). Io sono sempre stato un atleta di spettacolo, il mio debutto fu semplicemente un sogno, ero e sono abituato a stare in mezzo alla gente dai palchi grandi fino alla sagra delle castagne. Ora il mio incontro con Red lo potete trovare anche su youtube, ci siamo divertiti, e ripeto ha solo dato vita ad un’avventura fantastica! Il Gordo e “Vega” Gallardo sono tutt’ora gli unici supestiti di quei anni.

– Come è stata recepita dalla tua famiglia e dai tuoi amici la voglia di diventare wrestler?
Non è stata ovviamente presa bene, dalla mia famiglia,ma alla fine passa davvero a tutti, i miei amici sono gasati e sono sempre miei sostenitori, anche perchè i sogni vanno mantenuti tali e fatti diventare realtà, punto a questo, coloro che hanno investito del tempo alla realizzazione di ciò,una volta seminato il tutto, il raccolto non sarà altro che prolifico per tutti.

– Come vedi il panorama italiano attuale? Quali i pregi e quali i difetti?
In Italia come in tanti altri posti date a Cesare quel che è di Cesare! Ci sono tanti bravi ragazzi che potrebbero far risalire la china su ogni card e show, basta riunirli e dare al wrestler il giusto contributo, Poi d’altronde è una delle tante risposte, io preferisco fare il wrestler e dare il meglio ad ogni livello, perchè i fatti contano.

– Chi ti piacerebbe sfidare tra atleti italiani e stranieri, e perché?
Ho sempre ammesso di avere conto in sospeso con Red, un altro match con lui sarebbe davvero entusiasmante, tra l’altro stiamo sfornando dei ragazzi con carica carismatica davvero al top, mi piacerebbe far un bel tag con Il mio fido compare Il Delirio. Ovviamente la sfida è lanciata a tutti i ragazzi del Bologna Wrestling Team che hanno voglia di fare esperienza! Vorrei riaffrontare Il tag Roman Dinasty con la quale ho avuto già un esperienza alla PWE, con Lio Kong (altro ragazzo davvero BESTIALE). Con i ragazzi della ICW che ho avuto il piacere di conoscere da poco, sarei più che motivato a costruire un match! Tanto per questa passione sarei felice di combattere qualsiasi altro wrestler senza lasciarne indietro nessuno. Mi piacerebbe aver un match contro AJ-Styles un giorno, il mio dream match è sempre contro Jeff Hardy.

– Hai partecipato ad un programma televisivo. Com’è stato recepito il wrestling dai fan occasionali e cosa vi ha detto Gerry Scotti, noto fan di wrestling?
Ti parlo del lato emozionale: per noi è servito a dare immagine al wrestling per far capire che c’è! Esiste! Sono stato contento e mi ha riempito il cuore di gioia! Ho avuto l’occasione di dire due parole a Gerry che poi è stato tagliato, se parliamo di questo lato o di visibilità è stato Fantastico, se si parla di come si è stati trattati dopo, fino alla cancellazione della nostra presenza, (non si sa il motivo) non mi è piaciuta per niente. Italia.. come il mondo. Chiudo parentesi TV fan occasionale non sa mai quello che dice, guarda i film si appassiona, ma il wrestling con le sue storie no, dicono che sia violenza gratuita, ma i film non ne hanno?, (anche psicologica che non si vede) cosa fanno? Chiudiamo la questione. Ovviamente altri fan erano più che contenti di quello che avevano visto, inneggiando che guardavano quest’arte ai tempi dell’ Hulk.

– Ultimamente ti vediamo in diverse federazioni e il 28 sarai in WIVA: quali i tuoi obiettivi futuri?
Sì, sarò alla Wiva e con grande professionalità JT9 “Il Profeta” vorrà portare sempre ad un livello superiore i match che andrà a disputare, non sarò solo ,ma ci sarà anche Il Delirio che ho concesso fortemente di venire tra le mie grazie, è sempre con me. I miei obbiettvi futuri sono, contiunare ad allenarmi nella lotta contro me stesso a superarmi di volta in volta, aiutare tutto il BWT nella sua crescita e farmi un bel pacco di esperienza anche con qualche atleta fuori Italia chissà!

– Cosa consigli a chi vuol fare wrestling?
Su le maniche, su il fisico, su due co*****i così perchè ce ne vogliono, poi quando si è “pronti” affidarsi ad una delle palestre qui in Italia, e soprattutto no perditempo, qui c’è chi è partito da un garage e adesso ha una realtà tutta d un pezzo, per far si che questa disciplina sia vista anche da questa parte del mondo con rispetto ed il processo è tutt’ora attivo.

Grazie a JT9 per averci illuminato sulla sua carriera. Se volete scoprire questo valido atleta, potete recarvi questo sabato 28 novembre alla Officina delle Arti di Reggio Emilia dove sarà di scena per lo show “Massimo Impatto” della WIVA. Per maggiori info, visitate la pagina Facebook della promotion. Buon spettacolo!

Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • Lucky

    Un’altra fantastica intervista, complimenti!