Bentornati a tutti i lettori di Zona Wrestling ad un nuovo appuntamento con “I Migliori Anni”! Questa settimana voglio riportarvi a quando John Cena era “Supercena”, e non c’era Roman Reigns che reggesse, né fan che lo sopportasse. Era il 2006, e la storia stava per essere scritta.

Pubblicità

Edge aveva incassato per la prima volta il Money in the Bank su un Cena distrutto dall’Elimination Chamber Match a New Year’s Eve, ma questo si è subito ripreso ciò che gli spettava, battendo Edge a Royal Rumble e detronizzando Triple H a Wrestlemania 22. Non tutti però lo apprezzavano, anzi, in molti cominciavano a infastidirsi, volevano altro, e la WWE diede un’opportunità alle loro richieste.

Al Grandaddy of them all si tenne il secondo Money in the Bank match della storia. Tra i vari nomi, uno spiccava particolarmente, quello di Rob Van Dam, wrestler molto poco valorizzato in WWE, ma stella sopraffina della Extreme Championship Wrestling, e proprio in questo show avrà il suo primo biglietto verso il titolo massimo mai ottenuto in tanti anni. Van Dam vinse la valigetta, e a Raw andò a parlare dritto in faccia al suo diretto avversario: John Cena. Non ha intenzione di sprecare quest’opportunità in casa sua, dove verrebbe fregato, vuole giocarsela in casa questa volta…A ECW ONE NIGHT STAND! Inizia la rissa tra i due, dove Van Dam ha la meglio grazie all’aiuto della sua valigetta. Se ne va trionfante, mentre il WWE Champion è steso nel ring sanguinante; un messaggio è stato lanciato: questa volta si fa sul serio. Al momento della firma del contratto Van Dam ammonisce Cena, e gli chiede se è sicuro di volerlo fare, se sa che quando c’è tutta questa violenza RVD dà il meglio di sé. Anche Heyman si intromette, ricordandogli che quello che sta per affrontare non è sport entertainment, ma hardcore nudo e crudo. Ne è proprio sicuro? Cena controbatte: ha lottato per quel titolo, ha sanguinato, e ora vuole dimostrare che può superare anche questa sfida. Si stringono la mano, e tutto sembra sia andato per il meglio, ma Heyman ricorda che questo match, come l’intero evento, non riguarda solo Cena e Van Dam, ma è una guerra tra WWE e ECW, e chiama fuori alcuni ECW Original per dargli un assaggio di ciò che lo aspetta a New York: Sandman, Terry Funk, Tommy Dreamer, Sabu e Balls Mahoney arrivano dagli spalti e accerchiano Cena. L’icona della WWE cerca di attaccarli, ma il loro spirito estremo ha la meglio, e il segmento si chiude con Sabu che colpisce Cena sopra il tavolo con un Leg Drop con una sedia.

E arriviamo così al Main Event di One Night Only. La musica di RVD parte, l’arena scoppia,le persone si accalcano per stringergli la mano, come fosse il messia. Entra Cena e l’arena è una bolgia di insulti e medi alzati. È quasi innaturale, cammina con il titolo al cielo, la testa bassa fino al ring. E per il resto…lascio parlare il match.

E anche per questa settimana è tutto, fatemi sapere i vostri pensieri e giudizi sul match, e noi ci incontreremo la prossima settimana con un nuovo appuntamento de “I Migliori Anni”!

Leonardo
20 anni, Roma, appassionato di wrestling da lontano boom del 2006. Seguo parecchie Indy e più ne conosco, meno tempo libero ho, Promotion preferita PWG/Progress. Wrestler preferiti: Roderick Strong, Chris Hero/Kassius Ohno.
  • TheRemoFoiN

    Ne ho un ricordo vivido, l’atmosfera di ONS fu surreale, match bookato come si deve che ha tenuto l’interesse alto dall’inizio alla fine, peccato che poi Rob abbia sprecato questa occasione, come immagino tutti saprete

    • Cosimo Graziano De Leo

      cioè?

      • TheRemoFoiN

        L’arresto per possesso di Droga, dopo quello gli hanno fatto perdere entrambi i titoli, sospeso per 30 giorni e depushato immediatamente

        • Cosimo Graziano De Leo

          ah ok, grazie 😉 be comunque è starno come atleti che per una volta, hanno l opportunità di brillare, di esser protagonisti, dopo anni e anni in cui sono rimasti nelle secondo, terze file poi facciano scelte così discutibili nella vita privata che gli fanno perdere tutto