Cari amici amanti del mondo indipendente del wrestling, eccoci ad una nuova puntata della nostra rubrica con tante cose nuove di cui parlare. Oggi infatti il focus andrà verso una delle storyline più geniali che sia mai state create nel mondo del nostro sport preferito. Ma ecco cosa è accaduto nell’ultimo fine settimana:

Pubblicità

RING OF HONOR
La ROH ha offerto uno show soltanto chiamato “Soaring Eagle Cup”, una sorta di Super 8 con alcuni dei migliori atleti del roster. A vincere è stato Dalton Castle, in piena rampa di lancio con diverse affermazioni nel breve periodo. Tutti si aspettavano uno scontro con il campione Cody Rhodes che, invece, è uscito dalla competizione al primo turno a causa di un pareggio per tempo limite contro Christopher Daniels. In finale, Castle ha avuto la meglio su Matt Taven (aveva superato Jay Lethal), Frankie Kazarian (aveva superato Jay White) e Silas Young (ripescato in un match a sorpresa, ha sconfitto Cheeseburger). Buona difesa titolata per i MotorCity Machine Guns ai danni del Bullet Club e della coppia formata da Rhett Titus e Will Ferrara.

ROH Champion: Cody – ROH Tag Team Champions: MotorCity Machine Guns (Chris Sabin & Alex Shelley) – ROH Tv Champion: Kenny King – ROH Trios Tag Team Champions: Bullet Club (Nick Jackson, Matt Jackson, Kenny Omega)

CHIKARA
La Chikara è tornata sul ring con due show, venerdì e sabato, che facevano capolino poco dopo il King of Trios vinto dai British Strong Style (Pete Dunne, Trent Seven, Tyler Bate). Continua la corsa impazzita di The Proletariat Boar of Moldova che infila la terza vittoria nelle ultime quattro apparizioni, mentre Juan Francisco de Coronado si è confermato campione del Grand Title sconfiggendo Fire Ant. Vittoria di prestigio per Dasher Hartfield su Moose nel main event di “Deep Breath”, Icarus ha invece imposto la propria esperienza sulla striscia positiva di Rory Gulak in quel di “A Good Man Goes to War”.

Chikara Grand Champion: Juan Francisco de Coronado – Chikara Campeones de Parejas: Los Ice Creams (El Hijo del Ice Cream & Ice Cream Jr)

** Indy Focus **

BEST STORYLINE EVER

Può capitare che un giorno una federazione di wrestling decida di sparire. Come un ragazzo che vuol cambiare vita, che vuole vedere come gira il mondo nel momento dell’assenza. La Chikara è riuscita a creare tra il 2013 e il 2014 quella che, forse, è stata la miglior storyline della storia del wrestling indipendente in grado di coinvolgere non tanto dei singoli individui ma un intero roster. Un time out necessario che ha rilanciato il progetto verso nuove direzioni, nuovi wrestler, nuove storie. Il rientro al National Pro Wrestling 2014 è stato così trionfale da donare nuova gloria alla creatura di Mike Quakenbush.

Nel 2013 i report sulla Chikara erano poco lusinghieri. Molti fan si erano allontanati dal prodotto, avevano espresso una certa insoddisfazione sulle storie proposte e sui match, una certa ripetitività che, a dispetto dei talenti presenti (Young Bucks, Kevin Steen, e altri), iniziava ad annoiare. Inoltre il Wrestle Factory della federazione stagnava e i talenti scarseggiavano a crescere in poco tempo davanti all’arrivo della WWE sui tanti talenti indy presenti nel roster sotto una falsa identità/maschera. Così la “Morte e ritorno della Chikara” è nata come una storia in grado di appassionare tantissime persone, anche lontane dal mondo di Quakenbush. Ma come si è sviluppato il tutto? Ecco gli antefatti, i personaggi coinvolti e tutta la storia.

La Chikara, in keyfabe, era gestita dalla Titor Conglomerate, gruppo tendenzialmente heel i cui segreti hanno iniziato a svelarsi durante uno degli show principali, l’Anniversario. Il capo della Titor decise di bloccare il main event tra Eddie Kingston e Icarus, valevole per il Grand Title creando una certa confusione tra il pubblico. Via i due wrestler, via l’arbitro, set distrutto: la CHIKARA non esiste più. Tra lo sgomento generale, alcuni wrestler iniziano a chiedersi quale sarebbe potuto essere il futuro del progetto, se ci fosse un modo per farlo ripartire. Il primo firmatario di questo lavoro di ricostruzione tra indagini e indizi è stato proprio Icarus, sin lì un heel e da quel momento in poi uno dei favoriti. Con l’aiuto dei fan Icarus, il tag team dei 3.0 (Scott Parker e Shane Matthews) e la stable face The Colony iniziano una campagna stampa sui social media, creano una piccola promotion chiamata Wrestling Is – negli show in cui alcune stable heel del passato della CHIKARA riemergono per distruggere ogni possibile ribellione, e segnano il passo della rinascita attraverso il 101 Message Board e una serie di video-indizi. Nello stesso momento la Titor Conglomerate ha aperto un blog dove iniziava a spiegare la sua parte di storia. Il tutto è stato accompagnato dai video Ashes.

– TITOR CONGLOMERATE
Durante il 2010, una fazione heel chiamata Bruderschaft des Kreuzes dirigeva la CHIKARA con polso ferreo. La Titor Conglomerate, scoperta la corruzione della fazione, ha deciso di spazzarla via e di far dirigere il progetto al figlio del direttore della società Wink Vavasseur. Poco tempo dopo fa la sua comparsa la Condor Security, impegnata nell’ interferire negli show, rimuovere atleti e aiutarne altri a vincere i titoli. Di contro, i fans hanno postato su internet un blog chiamato “No Private Army”, impegnato a svelare i vizi della Condor Security che, a sua volta, li controllava come un’ombra. La Titor allora decide di sviare il tutto vendendo la federazione alla Barridoff Galleries, una compagnia d’arte, uscendo di scena ma continuando a tramare grazie al Director of Fun Wink Vavasseur.

– WINK VAVASSEUR & ICARUS
L’artefice della chiusura, il “Direttore del divertimento” in perenne feud col campione Eddie Kingston e in perenne competizione col padre Conrad. Odiato da quasi tutto il roster, decide di ordinare alla Condor Security di rimuovere i wrestler del main event di “Aniversario: Never Compromise”, di rovinare il set e di far tagliare l’iPPV in diretta. Come finale, il pubblico lo ha potuto vedere mentre per ben dieci minuti si mangiava una mela. Un finale assurdo, che spiegherà così qualche mese dopo: ha dovuto far fuori la Chikara poiché il padre aveva tagliato i fondi per la federazione e gli aveva messo alle calcagna proprio la Condor Security. Le scuse, le lacrime e la volontà di aiutare i fan a a sconfiggere la Titor. In realtà sparirà nel nulla.

Icarus è stato uno degli studenti della prima ora della CHIKARA Wrestle Factory ed ha combatutto nel primo show del 2002. Noto come un ragazzo cattivo, venne beccato subito dal pubblico che gli dedicò alcuni cori di scherno. Per anni è stato membro e poi leader della stable “FIST” (con Chuck Taylor, Johnny Gargano, Sugar D e Gran Akuma), grande ammiratore di Marty Jannetty e da sempre al fianco di Wink Vavasseur che gli garantirà una title shot per lo show incriminato. Però aveva iniziato a lamentarsi degli show cancellati, degli atleti rimossi. E aveva proposto un insolito show di wrestling nel principale skate park di Philadephia prima che la Condor Security mandasse tutti a casa. Il più deluso e arrabbiato della fine del iPPV dell’Anniversario, cercherà di radunare da subito possibili alleati. Il primo a rispondere presente sarà Hallowicked, quindi tutta la stable dei The Colony.

– HALLOWICKED, 3.0 & ARCHIBALD PECK
Come Icarus, Hallowicked è uno degli atleti originari della CHIKARA. Rivali per lunghi anni, è stato sorprendente vederli fianco a fianco per capire cosa stesse succedendo. Al loro fianco fanno la loro comparsa tre nuovi studenti del Wrestle Factory: Private Eye Jr., Kid Cyclone and Equinox III. E soprattutto gli ex campioni di coppia Shane Matthews e Scott Parker: i due avevano lasciato l’arena subito dopo il loro match perso contro i Pieces of Hate (The Shard e Jigsaw) e l’aver scoperto cosa fosse poi successo, ha fatto crescere in loro il rimorso di non esser stati presenti a fronteggiare la Condor Security. Cercano subito di rintracciare il wrestler Archibald Peck, unico atleta testimone di quanto accaduto nel main event dell’Anniversario e residente in “luoghi sconosciuti”.

I “luoghi sconosciuti” sono quelli in cui Archibald Peck si rifugia dopo aver assistito alla distruzione della CHIKARA. Quando i 3.0 lo trovano, egli risponde che nessuno può rimettere in vita la federazione e come sia troppo tardi per salvarla. La Condor Security non può essere fermata. Poi ci pensa bene e capisce come invece vi fosse, forse una possibilità. Il suo personaggio servirà alla storia per avere una serie di indizi criptici che i fan dovranno risolvere per aiutare la CHIKARA a rinascere.

– CHUCK TAYLOR & EDDIE KINGSTON
Sebbene il team FIST fosse naufragato da diverso tempo, Taylor era rimasto amico di Icarus. Nonostante ciò non ebbe alcun interesse a riportare in vita la CHIKARA e passò il suo tempo a cercare disperatamente booking ovunque o a realizzare una serie di divertentissime difese (postate su instagram) del 24/7 Hardcore Championship assieme agli altri membri del roster Chikara e Wrestling Is.

Stesso discorso per Eddie Kingston che rifiuterà la richiesta di aiuto di Icarus. Perché? Perché dopo essere stato campione del Grand Title e aver vinto su chiunque, il pubblico aveva iniziato a fischiargli contro pur essendo un face. Questa situazione portò Icarus ad essere favorito nel main event dell’Anniversario e dunque scatenare la sua gelosia. Intervenuto in uno show della Wrestling Is, attacca diversi membri del roster ed anche il fan della No Private Army che stava aiutando Icarus a scoprire qualcosa di più sulla Condor Security.

– THE COLONY

Nel 2006, il tag team formato da Fire Ant e Soldier Ant ha debuttato in CHIKARA col nome di The Colony, ai quali si è aggiunto poi Worker Ant. Col ritiro prematuro di quest’ultimo vi è stata prima la (breve) comparsa di Carpenter Ant e poi quella ufficiale di Green Ant. Come opposizione, Wink Vavasseur ha creato la stable dei The Swarm formata da deviANT, combatANT e assailANT coi quali i Colony hanno avuto un lungo feud, conclusosi con l’addio di Soldier Ant alla CHIKARA dopo diverse vicissitudini che hanno coinvolto assailANT, nuovo membro dei Colony. Negli Ashes, Fire Ant e Green Ant vanno alla ricerca sia di Soldier Ant che di Worker Ant. Anche questi ultimi non vogliono avere nulla a che fare col ritorno della federazione. Quando Soldier Ant chiede loro perché assailANT non sia presente al loro fianco, Fire Ant e Green Ant rispondono di non fidarsi di lui.

– WRESTLING IS & GEKIDO
Nata nel 2011, la Wresting Is Fun! è stata una federazione satellite della CHIKARA. Al suo fianco sono nate anche la Wrestling is Cool, Wrestling is Heart, Wrestling is Intense, Kaiju Big Battel, Wrestling is Awesome, Wrestling is Respect, and Wrestling is Art. Mettendo assieme le parole al fianco di “Wrestling Is” e della Kajiu si nota come esca la parola “CHIKARA”. Show piccoli, prezzi bassi e match spesso interrotti dall’intervento dei cattivi della CHIKARA, in particolare la stable GEKIDO.

I GEKIDO erano una fazione heel che coinvolgeva tutti i cattivi della CHIKARA come The Swarm, Shard, 17, combatANT. Il loro ideatore era stato Mike Quackenbush finché non li aveva umiliati. Ma non abbastanza per tornare in scena e attaccare gli atleti degli show Wrestling Is, in particolare i giovani studenti. I GEKIDO si associeranno assieme Dr. Cube (creatore della Kajiu Battle), Sinn Bodhi con gli Odditorium, la Wrecking Crew e i Bruderschaft Des Kreuzes per chiudere definitivamente i Wrestling Is show.

– JERVIS COTTONBELLY, SUBMISSION SQUAD e il NATIONAL PRO WRESTLING DAY
Jervis Cottonbelly è stato il wrestler più sfortunato degli show Wrestling Is poiché sempre presente e sempre pestato dai cattivi di turno. Per potersi proteggere e poter sfidare i GEKIDO, aveva deciso di andare al Wrestle Factory per allenarsi assieme ad assailANT, deviANT e il Colony XTREME Force, in aperte frizioni con il GEKIDO. Nonostante gli allenamenti, Jervis esce di scena – forse fatto sparire dalla Condor Security.

Ed a proposito di sfighe, la Submission Squad era una stable formatata da Pierre Abernathy, Evan Gelistico, Davey Vega e Gary Jay. Beccati dal pubblico dal primo show per la loro buffoneria, hanno fallito miseramente e più volte il proposito di poter invadere la CHIKARA. Proprio all’ultimo giro, in direzione National Pro Wrestling Day, fanno un guasto con la macchina a poca distanza dallo show ma riescono ad entrare comunque all’arena. Vorrebbero distruggere ciò che resta della CHIKARA ma… vengono attaccati dai buoni: arrivano Icarus, Hallowicked, i Colony, assailANT e tanti studenti del Wrestle Factory. Tutti attorno una serie di personaggi oscuri che escono allo scoperto quando gli heel prendono in giro i face per essere troppo pochi. Scatta una rissa enorme tra le due fazioni, i face stanno per perdere quando si presentano a sorpresa Archibald Peck e i 3.0 a bordo di una Delorean. I face vincono, la CHIKARA tornerà il 25 maggio 2014.

Nell’epilogo degli Ashes, Green Ant incontra assailANT e gli chiede come mai ha deciso di lottare per la CHIKARA. assailANT gli mostra la foto di un bambino e gli dice che ha deciso di diventare un esempio per lui. Se fosse rimasto con i Gekido, non sarebbe stato bene con se stesso. Green Ant gli pone il vestito di Worker Ant e assailANT accetta il cambio di personaggio. La storia è stata scritta ed ha avuto il suo prosieguo in tanti ed entusiasmanti show.

Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • Pietro_ Brother Nero

    Davvero una grande storia, grande Corey!

  • Alberto Iizuka

    Riassumere la storyline della morte e rinascita della CHIKARA (e ciò che ne è seguito) in poche righe non è facile. Innovativa, appassionante e ben costruita con trovate geniali. Era impossibile sganciarsi dalla vicenda.

  • 8-Bit

    Tutto l’anno 2014 fu poi vissuto ad alti livelli, con la storyline CHIKARA vs Flood che si evolveva ad ogni show fatto. Lo show finale, Tomorrow Never Dies, fu l’apice di tutte le mini storyline portate avanti ed un bel punto esclamativo su tutta la vicenda; purtroppo la faccenda del Flood fu tutta cestinata in malo modo in seguito (il ruolo di Jacobs gestito da cani); un peccato perché a mio avviso avevano ancora tante cartucce da sparare prima di passare al torneo.

  • TheMoneyMaker

    Ottima rubrica, comunque il Bullet Club usa la freebird rule per i trios, visto che li hanno vinti con Hangman Page e i Bucks, ma vengono difesi anche da Omega, Scurll e Cody

    • Corey

      Sì sì chiaro, ma tengo i tre nomi che la vinsero in origine.

  • Elia Notari

    Non conoscevo questa storyline, non seguendo la CHIKARA non ne avevo idea, ma sembra davvero una fi**ta, complimenti Corey.