Il regno di Brock Lesnar sembra si stia avvicinando alla sua conclusione, un regno che alla sottoscritta ha lasciato una lunga sfilza di domande irrisolte. Parliamone

Pubblicità

Ci hai provato e hai fallito, la morale è: non provarci mai.

Ci avranno almeno provato a dare a Brock Lesnar un po' d'amore per questo sport intrattenimento che noi tanto amiamo? Molte volte ci siamo chiesti che cos'avrebbe potuto combinare Brock Lesnar in WWE se solo avesse avuto un po' d'amore in più per il business, ma ci hanno almeno provato?

Gli hanno dato la Streak, era l'uomo giusto, a Vince McMahon andava bene, hanno avuto l'occasione di creare l'heel, il wrestler, lo sportivo, l'essere umano più odiato di tutto il globo terracqueo, poi gli hanno fatto sconfiggere John Cena per la gioia di tutti i tifosi (smart e non), per poi farlo progressivamente odiare sempre di più da quegli stessi fan centellinando le sue apparizioni col contagocce che usi per innaffiare i cactus. A mio avviso se ne sono fregati altamente di convincere Lesnar a fare qualche apparizione in più, tanto hanno capito che la gente l'avrebbe odiato comunque e più di prima, hanno colto l'occasione per utilizzare John Cena in altre faide che non comprendessero il WWE World Championship, hanno evitato di trovare ogni mese un modo per far conservare la cintura a Lesnar e così tutto liscio come l'oliofino alla Rumble, molto probabilmente anche fino a WrestleMania. A Brock Lesnar, dal canto suo, non sarà sembrato vero che lo pagassero fior di baiocchi per starsene a casa a giocare alla Bella e la Bestia con Sable (hanno avuto solo qualche disguido su chi dovesse recitare la parte della Bestia) e a pensare a cosa fare una volta terminato il contratto con la WWE.

Il regno di Lesnar è stato, se possibile, ancor più incolore e insapore di quello di The Rock, almeno Dwayne la cintura se l'è tenuta un paio di mesi scarsi, certo The Rock s'è fatto odiare perché invece di squashare John Cena ha sconfitto CM Punk, ma almeno è stata una cosa rapida e (quasi) indolore. Il regno di Brock Lesnar è sicuramente cominciato nella maniera più inaspettata e shoccante possibile, ma da lì in poi si sono viste tante falle narrative (l'allenza con Seth Rollins ancora non del tutto chiarita) e la totale sparizione non solo di Lesnar, ma persino del suo avvocato Paul Heyman (e Dio solo sa quanto Raw, nelle sue tre ore di programmazione, ha bisogno di un qualcuno che tenga incollati gli spettatori allo schermo parlando al microfono per quei dieci minuti buoni). A mio avviso l'avventura di Lesnar ha l'opportunità di terminare in maniera altrettanto clamorosa, vedasi incasso di Seth Rollins, turn contro questo o quell'alleato, feud con avversari pheeghi alla Daniel Bryan etcetera etcetera; ma tra un inizio col botto ed un finale col botto saranno trascorsi sei mesi di . . . nulla.

Perciò Brock se ne torni in UFC, non nego che potremmo sentirne la mancanza, Lesnar dal 2012 ha preso parte a quei feud semi-epici combattuti da leggende semi-pseudo-ritirate che da anni ormai fanno da contorno ai feud titolati od ai feud secondari in WWE, vedasi contro John Cena nel 2012, contro Triple H nel 2012-2013, contro CM Punk nel 2013,contro Undertaker nel 2014 (più Big Show, ancora mi chiedo perché meenchia hanno sacrificato così il povero Show). Ma, appunto, Lesnar va bene per feud di questo tipo, sinceramente non nego che sarebbe alquanto strano vederlo lottare in WWE ogni settimana come un qualsiasi membro del roster e non nego che vedere la vittoria del titolo da parte sua sia stata una piacevole sorpresa, ma è stato un una tantum che non potrà più ripetersi.

L'unico modo che avrebbe Lesnar per ridare nuova linfa al suo regno sarebbe, paradossalmente, perdere il titolo. Potrebbe perderlo contro Daniel Bryan, perderlo a seguito di un turn face, perderlo in favore del nuovo Paul Heyman Guy Seth Rollins, un Paul Heyman Guy che andrebbe a rendere giustizia ad Heyman dopo le ciofeche di Ryback e Curtis Axel. In effetti quella stretta di mano tra Rollins ed Heyman aprirebbe a scenari così interessanti che mi auguro la WWE si renda conto delle enormi potenzialità che ha in mano

Ma, appunto, tutto ciò si risolverebbe con la dipartita di Lesnar dalla WWE, ponendo fine ad un regno che, a conti fatti, ha significato pericolosamente poco e non ha lasciato quasi traccia negli annali WWE.

Voi cosa ne pensate? Il regno di Brock Lesnar ha, a conti fatti, meritato di esistere? Ha paradossalmente significato di più per tutti i comprimari (Cena, Rollins, Reigns) piuttosto che per il campione stesso? La WWE continuerà a proporci questi campioni part-timer? Sareste contenti di rivedere Lesnar in UFC?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia.

Ysmsc.

 

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname