Nuovo appuntamento con l’editoriale dedicato alla scena italiana, il sottoscritto stavolta è partito alla volta di Genova per raccontarvi il secondo Show della Italian Wrestling Entertainment, la nuova promotion ligure che si affaccia sulla scena dalla scorso Dicembre.

Pubblicità

L’Occasione lo show Black Rain, svoltosi al Seven Days di Genova lo scorso 18 Febbraio.

Dopo un paio di ore di macchina di viaggio dalla Toscana, eccoci arrivati nel locale, molto particolare (dall’esterno non si riesce a immaginare un salone in stile 800 affrescato e con lampadari in ferro e un cortile interno coperto, dove è posizionato il Ring), poco prima dell’inizio dello Show.

Ad aprire lo Show la Ring Announcer Luana, che ci introduce la serata e presenta il primo Match della Show:

Match #1

William Miller Vs Mr. PDP

 

 

Opener con purtroppo diverse lacune, molto probabilmente dettate dalla poca affinità fra I due lottatori e I non troppi match di esperienza alle spalle di entrambi.

Miller viene attaccato quasi subito da PDP prima del Match, per poi continuare a infierire nel breve volgere della contesa, risolta velocemente da Miller con un rapido Roll Up che ribalta la mossa di PDP e gli vale la chiusura dell’incontro:

Vincitore: William Miller

Opener rapido e indolore, che apre al secondo Match della serata:

 

Match #2 – Non Title Match

“L’Illuminato” Nicolò Ferrari Vs Big Marcus

Il primo ad entrare, visibilmente irritato per la Theme Song sbagliata partita durante la sua entrata, è il Leader del Black Cult e attuale Campione Italiano Xtreme KOX, seguito poi dal gigante genovese.

Anche qui qualche imperfezione nell’esecuzione di alcune manovre, ma la storia raccontata sul ring funziona bene e copre le lacune; Ferrari oppone grande agilità e ampio uso di mosse scorrette, Marcus ha dalla sua la mole e mosse di potenza e la vittoria parrebbe poter sorridere all’atleta ligure, se non intervenisse nel corso del Match Mr. PDP (membro del Black Cult), che distrae più volte Marcus.

Nel finale l’ennesima interferenza di PDP, che toglie una scarpa a Marcus, permette a Ferrari di applicare sul piede di Marcus una Ankle Lock che vale la resa di sottomissione e vittoria dell’Illuminato:

Vincitore: Nicolò Ferrari

Risultato di 1-1 per il Black Cult a Genova dunque.

Intanto arriviamo al primo Match importante della serata, la seconda sfida che vale l’accesso al Decision Match che assegnerà per la prima volta l’IWE Italian Title:

 

Match #3 – Qualifyng Match for IWE Italian Title Match

Alex Sound Vs Horus L’Assoluto Vs Luke Zero

Terzo Match che ha fatto salire molto la qualità dell’incontro e che reputo fra i migliori della serata.

Di fronte il membro dell’Arcadia Horus, Alex Sound  e Luke Zero: dopo una prima fase di collaborazione fra i due giovani contro il veterano, diventa ovviamente uno scontro a tre fra gli atleti per un posto nella finale che assegnerà l’IWE Italian Title, con varie fasi di alternanza sulla conduzione dell’incontro, ma che nei pronostici e, vista l’esperienza, vede favorito Horus per l’accesso,

Nel finale infatti l’Assoluto sembra a un passo dalla vittoria, ma si lascia andare a troppa arroganza contro il pubblico e l’arbitro e, mentre sembra pronto per il pin vincente, con uno scatto Alex Sound ribalta la mossa in un fulmineo Roll Up che gli vale vittoria e posto nella finale:

Vincitore & accede alla finale: Alex Sound

Alex Sound è il secondo finalista dunque, che stia per arrivare finalmente il primo titolo singolo per il giovane atleta?

Dopo una breve pausa, siamo pronti per la seconda e ultima parte dello Show:

 

Match #4

Audrey Bride Vs Lydia Shaw

Match femminile, con la giovane atleta del BWT che debutta in IWE contro l’ungherese Audrey, atleta con già diversi anni d’esperienza alle spalle.

Lydia continua a mostrare notevoli margini di crescita, tenendo bene il ring contro la Bride, qualche piccola sbafatura in alcune sequenze non hanno comunque rovinato un bel Match fra le due, con l’ungherese apparsa in grande forma; da segnalare che la Shaw ha avuto un’attitudine tendente alla Heel in certi frangenti, che ha ben funzionato contro l’atteggiamento sfacciatamente Face della Bride.

È l’ungherese alla fine a cogliere il pin vincente, dopo un lungo scontro fisico con entrambe le atlete più volte vicine alla vittoria:

Vincitrice: Audrey Bride

A fine Match l’ungherese offre la mano a Lydia, che accetta e ricambia, grande sportività fra le due.

 

Match #5 – Tag Team Match

Manuel Bottazzini & Skorpio Vs Aaron Cage & Daniel Specchiulli

Match che vede di fronte la “strana coppia” formata da Bottazzini e Skorpio (che dopo essersi presi più volte online nelle settimane precedenti e al precedente show, hanno “unito le forze” in questo Match) contro il duo formato da Aaron Cage e Specchiulli (che sostituiscono i T-Rocks, assenti per motivazioni personali, Ndr).

Match con molti spunti anche Comedy, con Bottazzini e Skorpio che litigano come il più classico dei tag disfunzionali e Cage e Specchiulli che ne approfittano, mostrando invece buona intesa (Cage, Face in questa occasione, mi ha convinto come attitudine maggiormente rispetto alla volta visto in Bullfight, segno che ha lavorato meglio sulle dinamiche da Face; impressioni buone anche da Specchiulli, anche se ovviamente il ragazzo deve fare match ed esperienza e sgrezzarsi un po nelle mosse).

Nel finale, quando sembra che il duo Bottazzini-Skorpio sia sul punto di perdere, un rapido rovesciamento di fronte permette al duo di prendersi la vittoria, arrivata dopo la devastante chiusura di Bottazzini su Specchiulli, che vale Pin e incontro:

Vincitori: Manuel Bottazzini & Skorpio

Vittoria dunque per l’inedito Tag, anche se i dissapori fra i due non sembrano affatto risolti…..

E arriviamo quindi al Main Event della serata:

 

Match #6 – IWE CrossRoad Title

Bako (c) Vs JT9

Main Event molto coinvolgente, che il pubblico ha apprezzato.

Prima difesa titolata per Bako, contro il funambolico e folle “Profeta” JT9.

Match che ha visto JT) in grande spolvero, che non si è risparmiato manovre aeree dentro e fuori dal Ring, a cui Bako ha risposto con ottime mosse di potenza e una resistenza notevole ai colpi del Profeta, che più di una volta è sembrato arrivare vicino al pin vincente.

Nel finale, quando JT9 sembrava pronto a chiudere l’incontro, è stata di Bako la mossa decisiva, che ha chiuso con la sua classica Bakeca l’incontro, per il pin vincente:

Vincitore & Mantiene il Titolo: Bako

 

E con Bako che festeggia la vittoria con il pubblico si chiude l’incontro, alcune considerazioni finali:

 

  • Non male la location del Seven Days, forse un po piccola, ma molto suggestiva, unica pecca se devo essere sincero il parcheggio, non proprio facile nella zona, oltre al fatto che non ho visto manifesti pubblicizzare all’ingresso lo show, per cui per un non residente a Genova, trovare il posto potrebbe essere non una cosa facile;

 

  • Partenza in sordina per la card con l’opener e il secondo match che hanno mostrato alcune lacune, ma dal terzo in poi la qualità del lottato è salita notevolmente, specie nel triple treat e nel Main Event; partenza lenta dovuta più alla poca esperienza di match alle spalle dei lottatori che ad altro;

 

  • Confermate ancora una volta le ottime impressioni su Alex Sound e Lydia Shaw, bene anche la perfomance di Aaron Cage, piaciuto da Face furbetto rispetto alla volta scorsa e anche Ferrari mi è sembrato un Heel alquanto interessante;

 

  • La collaborazione fra IWE e KOX giova sicuramente a entrambe, spero continui, permette agli atleti interni di farsi Match e ossa, creare nuove faide e far girare i titoli in entrambe le realtà; inoltre il valore aggiunto degli atleti BWT è ormai una garanzia, la loro presenza negli show è sempre certezza di vedere bei Match e ottimi lottatori;

 

Foto © Enrico Bertelli “Taigermen”

 

Appuntamento al prossimo Numero

Il Fuoco divampa sui Ring italiani….