Pubblicità

Sono un “vecchietto”  della scena dei siti italiani, forse non troppo vecchio, ma diciamo che la mia età ce l’ho.

Da almeno 8 anni seguo assiduamente la scena italiana, ve la racconto, con report degli show, interviste ai lottatori, speciali.

Sapete quanto io voglia veder crescere questo movimento, quanto goda quando vedo il pubblico che risponde positivamente, un bel match o un nostro atleta che raccoglie soddisfazioni al di fuori dei confini italiani.

Questo 2015 sembra stia regalando molte soddisfazioni in tal senso: bei show, atleti che si fanno notare, la scena internazionale che chiama i nostri atleti …. Ebbene, nonostante questi segnali positivi, continuiamo a mantenere certe pessime abitudini, tipiche e fastidiose.

Lamentarsi.

 

 

Una promotion decide di chiamare atleti di respiro internazionale? Ci lamentiamo che il Vip Pass costa TROPPO, che la WWE per lo stesso prezzo ti fa incontrare i lottatori GRATIS (dimenticano però di dire che la WWE ti fa pagare soldoni biglietti/PPV/merchandise); Un sito dedica attenzione a TUTTE le realtà presenti sul territorio e qualcuno, perché diamo spazio a tutti, ci accusa di essere poco “professionali”; Un sito decide di stilare una classifica sulle prestazioni dei nostri atleti negli show italiani e viene accusato di fare “pagliacciate” “classifica incoerente” o “di parte”.

Chi mi conosce sa che sono la persona più tranquilla del mondo e che non mi perdo dietro flame futili o polemiche inutili come queste, ma questa volta decido di dire la mia, ma non offenderò nessuno, al contrario di altri, ma dopo 8 anni posso permettervi di farvi notare alcune cose, specie a chi si reputa “arrivato” o “migliore” di altri.

Ecco un vademecum che secondo me dovreste, dopo quindici anni, iniziare a seguire TUTTI:

 

Spendete due soldi per un sito SERIO

Volete atteggiarvi come la WWE? Fatevi un sito come la WWE, intanto.

Spesso ci troviamo davanti siti decisamente imbarazzanti, basati su piattaforme di Blog, aggiornati male o con informazioni frammentate.

Ci sono ottimi esempi senza andare tanto lontano di come “si fa un sito” per promuoversi: ASCA ed ICW hanno al momento i siti migliori: trovate tutto, dai risultati degli show alle bio degli atleti agli albi d’oro aggiornati dei titoli, alle info su corsi e sedi e ottime interazioni con i social a contenuti media freschi …. 200 euro all’anno per un sito da affidare ad un esperto di informatica e grafica non vi faranno chiudere bottega, ma vi ripagano anche in termini di sponsor che troveranno il vostro prodotto più appetibile.

Definirsi “la federazione migliore di tutte”  o “gli unici professionisti” e poi non avete nemmeno un sito UFFICIALE online o fermo da mesi, dove nessuno può vedere l’evoluzione che ha fatto, non è “essere professionisti” , mi spiace.

 

Non mandate CHIUNQUE sopra un Ring, non fatevi allenare da CHIUNQUE

 

Ok posso capire: siete in pochi in un roster, ma volete fare lo stesso uno show, ma non siete GIUSTIFICATI a mandare gente che si vede chiaramente NON DEVE stare su un ring o che non è pronta.

Vedere gente che non riesce a fare neanche le BASI o che, ancora oggi mi stupisce, riesce a spaccarsi la faccia da SOLO con una mossa che dovrebbe tecnicamente rendere la cosa impossibile, piuttosto chiama un paio di esterni in più e fai fare più allenamento ai tuoi allievi.

Succede anche perché magari ci si affida ad allenatori che forse, sarebbe caso NON ALLENASSERO proprio: se volete avvicinarvi a questa disciplina, chiedete le esperienze fatte ai lottatori che vi fanno da Trainer, perché gente con il curriculum adatto ci sono e come: atleti come Red Devil, Mr. Excellent, Charlie Kid in ICW hanno esperienze e training CERTIFICATI all’estero e in Europa; Fire Angel e Thunder Storm in XIW si sono formati presso i Wild Samoan, solo per citarne alcuni; controllate le esperienze che hanno fatto, verificatele e fatevi allenare da gente con esperienza, ne guadagna anche lo spettacolo sul ring poi.

 

Almeno un RING vi ci vuole

 

Se volete fare gli show, almeno un RING VOSTRO degno di questo nome dovete averlo.

Sono lontani per fortuna i tempi in cui si lottava su ring da BOXE, quasi tutte le federazioni hanno un proprio ring: anche noleggiarne uno da altre realtà non è più una chimera.

Un ring è ESSENZIALE , perché NON BASTA allenarsi sui Tatami o in Palestra (che sono comunque fasi importanti), ma se non vi allenate a sentire e capire come il Ring e il vostro corpo si sentono a vicenda, non potete poi dirvi pronti a salire.

Ora non tutti i Poli ne hanno uno, ma in generale almeno una volta al mese vi danno l’opportunità di allenarvi e salire sopra un ring nei Poli principali: L’ICW ha qualcosa come 4-5 ring in tutta italia, la WIVA due, l’ FCW due, le altre realtà almeno 1 di media … un Ring è un costo forse alto, ma è come un buon sito: ve lo fate e dopo vi ripaga dell’investimento fatto, frugatevi quindi.

 

SPENDETE nei manifesti e nella PUBBLICITA’

 

Ve lo può dire chiunque: Io m’incazzo sempre con i promoter perché non vedo MANIFESTI IN GIRO.

Non basta la pubblicità sul sito, non basta quella sui social: un manifesto fatto bene SI NOTA di più di mille post su FB o Twitter a volte, specie nei paesi minori.

L’ICW fa una buona promozione e bei manifesti, li trovate nei dintorni dei luoghi dove si terrà lo show, realizza belle brouchure pubblicitarie; l’XIW ha spesso promosso con ottimi cartelloni i suoi show …. Ecco gli esempi li avete, perché “un manifesto fatto bene” NON E’ UNA LOCANDINA A4 addirittura fotocopiata in bianco & nero, spiacente.

Articoli sui giornali locali e passaggi in radio e TV sono un altro ottimo veicolo, spendere due soldi in questo ripaga, FIDATEVI.

 

USATE YOUTUBE, dannazione !!

Avete tutti ormai un CANALE YOUTUBE, usatelo per bene.

Per bene non vuol dire pubblicare infiniti Highlights di show con musica o Video Desire, pubblicate MATCH INTERI: non solo permette di far conoscere meglio i vostri atleti, ma sono veicolo promozionale per i vostri Show.

Avete ANNI di video di show, quanto vi costa fare una cernita dei migliori e metterli online? E’ bene che la gente veda l’evoluzione della vostra federazione, i progressi fatti…. Se avete un TV Show o un Web Show, mettetelo SEMPRE A DISPOSIZIONE, non tenetelo nascosto se questo smette di essere trasmesso.

Se un vostro atleta lotta all’estero, fatevi dare il video dei suoi match e pubblicatelo, servirà a far vedere anche l’esperienza dei vostri atleti fuori dallo Stivale.

 

Non lamentatevi che vi COPIANO, se non applicate il ©

 

Smettete di lamentarvi che vi copiano personaggi o idee: in 8 anni ho visto almeno UNA VOLTA in tutte le federazioni che ho visto nell’ordine 1) gimmick del rapper; 2) gimmick del soldato; 3) gimmick dello Chef; 4) Gimmick del metallaro; 5) Gimmick del luchador mascherato con una maschera PALESEMENTE di altro Luchador presa in Messico; 6) Gimmick del festaiolo/vip ….. e in 15 anni diversi cloni più o meno palesi di Undertaker, Kane, Tiger Mask e altri.

Pensate di avere un personaggio UNICO? C’è questa cosa fantastica chiamata COPYRIGHT, usatela: so che in Italia qualcuno lo ha fatto, anche questo aiuta a fare il salto di qualità, non lamentarsi di una gimmick in un ambiente come il Wrestling dove difficilmente non si vive un DEJA VU’ vedendo questo o quel lottatore ….

 

Un Tv o un Web Show va fatto in maniera PROFESSIONALE

 

Ok avete Youtube, avete le riprese, volete fare un Tv o un Web Show?

DOVETE SPENDERE in attrezzature.

Se vuoi mandare un prodotto in TV, devi spendere in attrezzature, regia e postproduzione, ma ne vale la pena: guardate EPW Overload , ICW  Onda d’Urto , XIW DRaw o WIVA il Wrestling .

L’ideale per un TV show sarebbe almeno una giornata di show solo dedicata a Taping o una location fissa, con un pubblico fidelizzato.

Evitate di mettere riprese che sembrano fatte con il telefonino o monocamera fissa da lontano, ci vuole almeno due punti di vista differenti e un bel montaggio.

Al commento mettete uno o due commentatori che ci capiscono di quello che vedono: ancora oggi inorridisco al commento ad esempio che l’NWE fece fare allo Zoo di 105 quando misero l’NWE su Odeon, fu un insulto agli spettatori e al lavoro di lottatori professionisti.

Personalmente ho apprezzato ad esempio il lavoro di Daniele Raco come commentatore o del duo EPW De Micco/ Di Nicolantonio.

 

Smettete di farvi la GUERRA

 

E’ ridicolo vedervi fare guerre dei Poveri, sinceramente.

Sputare veleno su questa o quella realtà non vi porterà da nessuna parte; I lottatori e le federazioni SERIE non si perdono in questo, lavorano sui fatti.

Porre veti ai vostri atleti del tipo “se vai a lottare da Tizio, non lotti più con noi” o lanciare frecciatine sui social è stupido, come andare in attire a uno show di un’altra federazione per farsi vedere o insultare sotto un articolo altre realtà non è un ATTEGGIAMENTO PROFESSIONALE, mi spiace.

 

Rispettate il lavoro dei siti che parlano di VOI

 

In Italia si inizia a parlare un po’ di più di wrestling al di fuori dei soliti ora.

Sono pochi i siti che affrontano il wrestling a 360° e in particolare quello italiano ancor meno, sarebbe quindi una cosa gradita quella che vi chiediamo: RISPETTO e COLLABORAZIONE.

Rispetto per quello che facciamo: raccontiamo i vostri show, facciamo News su di voi, intervistiamo i vostri lottatori; se muoviamo qualche critica costruttiva, se diamo spazio anche alle altre realtà, evitate di contattarci dicendoci che siamo “poco professionali” o “perché intervistate o seguite quelle persone anche” : avreste diritto di dirci CHI o COSA parlare forse solo se COMPRASTE i nostri siti e foste il nostro direttore o datore di lavoro.

Se una federazione o un lottatore vi sta sulle scatole, è sinceramente un VOSTRO PROBLEMA, non nostro: non siamo noi che dobbiamo premiare o punire qualcuno, a quello ci pensa il pubblico e i fans, noi forniamo solo un’informazione SERIA, non di PARTE, diciamo i pregi e i difetti.

Collaborazione: Farci sapere più spesso le vostre attività, i risultati e permetterci una diffusione delle nostre condividendole sui vostri social e siti, oltre a far vedere che parlano frequentemente di voi, dimostrerebbe che tenete in considerazione il nostro operato.

Dobbiamo a volte cercarci nei meandri le notizie da noi, strapparvele con le pinze e addirittura a volte noi o altri nostri colleghi siamo BLOCCATI o ostacolati nel metterle online sui vostri contenuti social, quasi fossimo un FASTIDIO ….

Mi spiace dirlo, ma a volte siete i vostri PRIMI NEMICI nel non informare adeguatamente il Web delle vostre attività.

 

Questa volta mi sono permesso IO di dirvi qualcosa, spero lo prendiate come uno sfogo costruttivo e una serie di consigli, se ho citato federazioni atleti o episodi non è per maggiori simpatie o antipatie, ma per farvi capire meglio alcuni esempi.

Come sempre, noi continueremo a fare quello che facciamo: raccontare il WRESTLING, farlo vivere ai nostri lettori e ai vostri fans, perché per far rispettare un movimento e una disciplina come questa, il solo modo giusto per farlo è questo: raccontarla senza tanti giri di parole, in modo schietto e sincero

Chiudo riprendendo l’hashtag che il buon Filippo Malvezzi, arbitro e appassionato di wrestling che si sta umilmente facendo il mazzo negli USA, sta portando online assieme a perle di saggezza che vi consiglio di leggere e seguire aggiungendolo ai vostri contatti FB: oltre a #RispettaIlWrestling, io ci aggiungo #SupportaWrestlingItaliano.

 

Il Fuoco divampa sui Ring Italiani….

Enrico Bertelli “Taigermen”