Nell’episodio 346 di The Art Of Wrestling, il pioniere del pro wrestling podcast Colt Cabana ha intervistato uno dei campioni di coppia i RAW, ovvero Jeff Hardy. Tra le tante cose, Jeff ha discusso dei suoi problemi di dipendenza e della vicenda che lo ha visto protagonista del famoso match con Sting, in cui l’ex WWE Champion si è presentato palesemente in uno stato alterato.

Pubblicità

“Una delle cause principali della mia dipendenza erano sicuramente gli eventi WWE. Perchè se sei a RAW, specialmente in quegli anni, tu lavorerai e viaggerai di venerdì, sabato, domenica, lunedì, torni a casa martedì e mercoledì,e giovedì e venerdì sono praticamente i tuoi weekend, e il tutto a ripetizione. Senza considerare i tour oltreoceano. Quelli potevano durare anche settimane. Da quando ho smesso con questi ritmi ho avuto il tempo di dipingere e avere il mio personale store di tele, registrato demo musicali e fatto motocross. Penso che questa libertà mi abbia salvato. Sapevo bene che quello che facevo mi avrebbe gettato nel baratro, ma solo dopo ho avuto la forza di riprendere in mano la mia vita. “

“Nel 2011 con Sting, prendevo somas, ed ero uscito la fuori completamente fot**to. Non ero assolutamente in grado di combattere. Per la prima volta in vita mia avevo superato il limite. Non potevo letteralmente combattere contro il mio idolo Sting, e lui ha dovuto fare la cosa giusta: mi ha messo giu e mi ha schienato. Quello in fin dei conti è stata la cosa migliore per me.

“Quella notte mi ha letteralmente aperto gli occhi per il resto della mia vita. Ragazzi io amo Sting. Quell’uomo ha fatto in modo che tornassi in uno stato di forma mai avuto prima. E gli sono davvero grato.”

FONTEwww.wresltinginc.com
Sono un giovanotto sardo di 22 anni. La passione per la WWE mi ha portato a frequentare diversi sport da combattimento. Ad oggi infatti lavoro a Cagliari come istruttore di Taekwon-Do, Kick Boxing e Muay Thai.