Il 31 dicembre 2017, Paul Logan, uno Youtuber americano famoso per i suoi video ‘comici’ sui social, ha caricato un video di sè stesso che, assieme a tre amici, visitava la tristemente famosa foresta di Aokigahara in Giappone, chiamata anche la ”foresta dei suicidi”.

Pubblicità

Il video mostrava un uomo appena impiccatosi ed ovviamente è stato rimosso meno di un giorno dopo il suo caricamento ricevendo però una reazione diffusa sui social media. La faccia dell’uomo era sfocata, lasciando visibile solo il resto del suo corpo. La cosa più fastidiosa di quel video non sembra essere tanto il corpo del suicida, quanto le reazioni di Logan e dei suoi tre amici che sembrano fingere serietà, mentre sghignazzano e azzardano frasi come ”il suicidio non è un gioco” o ”questo non è uno scherzo”. Paul ha pubblicato diversi messaggi di scuse sui social, chiedendo ai suoi fan di smettere di difenderlo.

In un secondo video Logan si mostra con i suoi amici mentre cercano di ”rispettare la cultura locale” a modo loro.

Kenny Omega, che da anni vive in Giappone e che ama la cultura giapponese, non ha potuto non dire la sua a riguardo tramite Twitter.

”Quello che è peggio non è la fastidiosa insistenza nel cercare di sembrare comici, ma il triste fatto che più di 200.000 persone sembrano divertite nel vedere questa mancanza di rispetto per un paese che non è il loro.”