Intervistato da Dave Penzer, Kevin Dullivan ha rivelato interessanti particolari su Hulk Hogan durante il suo periodo in WCW.

Pubblicità

“Facevamo affrontare ad Hogan dei mostri in modo tale che si sentisse più sicuro. È stato il periodo più brutto di tutta la mia carriera, quando andavo sul ring pensavo di essere uscito dalla macchina di un clown”.

Cosa è successo la sera prima del turn heel di Hogan a “Bash at the Beach”?

“Peter Young, l’agente di Hogan, si è messo a piangere, e si è lamentato che Hogan non poteva fare ciò fino alle 2:30 del mattino. Tutti dicevano ad Hogan che non poteva diventare un heel, che non avrebbe funzionato. Andò esattamente al contrario”.

Quando ha capito che Hogan dovesse diventare un heel?

“Eravamo a Chicago, ‘Mean Gene’ stava intervistando Hulk, è tutto il palazzetto lo fischiava. Gli ho detto allora che secondo me avrebbe dovuto fare il turn, e lui mi ha risposto: ‘Assolutamente no!’. Sapevo che doveva farlo, nessuno tifava per lui, e lui non sembrava più nemmeno sé stesso: era pelato e dimagrito moltissimo”.