Pubblicità

Alla ricerca di qualcuno che ci regali le gioie di una TOP 10, questo è un lavoro sporco ma qualcuno deve pur farlo, SummerSlam versione XL è passata agli archivi e ciò che è andato storto non può passare inosservato

SummerSlam è riuscito a colpire nel segno? È stato il grande PPV sperato da Triple H? Quattro ore sono troppe? Analizziamo i dieci momenti NO di WWE SUMMERSLAM 2015

10)MA COME TI VESTI?! SUMMERSLAM 2015 EDITION

A contendersi questo mese l'ambito premio abbiamo, in ordine di apparizione: Dolph Ziggler, che si è permesso di estendere come un cancro maligno il suo abbigliamento da “Figlio dei fiori metallaro anarchico giubbotto di jeansaro” a Lana, donandole quello stile che manco nel peggior remake di “Grease”, un sacrilegio per il personaggio di Lana; Seth Rollins e il suo attire alla Go Go Power Ranger bianco; Cesaro e una improbabile mutanda grigio scuro finto macchiato, di una tristezza rara. Esce clamorosamente dalla competizione Naomi, che questo mese ha sfoggiato un attire decente, dove andremo a finire? Anche The Miz delude le aspettative dei giudici, con un cappotto decisamente troppo sobrio per potergli regalare la vittoria

9)I DON'T CARE FOR MY HEALTH

Ritornano i bump assassini e stavolta a contendersi il titolo abbiamo Big E, che non ha ancora imparato a proteggere un minimo se stesso e gli altri quando fa la Spear attraverso le corde, e Sasha Banks, che durante il volo fuori dal ring batte una sonora coolata sull'apron ring. God save your back

8)BOTCH OF THE NIGHT

Non so se anche questo potrebbe diventare un punto fisso della mia rubrica, ad ogni modo per il titolo “Notice me BotchaMania” si danno battaglia Sin Cara e un #MatadoresPerCaso per la combo di Headscissor mal riuscita e Dropkick mai andato a segno, Seth Rollins che scivola al primo tentativo di Turnbuckle powerbomb su John Cena e Dean Ambrose che nella sua corsa tra i tavoli di commento di tutto il mondo finisce su Wyatt talmente male che alla fine sembra che Bray gli reversi la mossa e lo getti lui a terra, a Maffew l'ardua sentenza

7)SHEAMUS VS RANDY ORTON

Mi stavo chiedendo se questi due, dopo secoli di sfide uno contro uno, due contro due, tre contro tre, quattro contro quattro, tutti contro tutti, sarebbero riusciti a tirar fuori qualcosa di nuovo, un minimo, uno spot che non avessimo non dico visto, ma almeno non visto e rivisto; così non è stato, ma d'altra parte forse era impossibile anche solo sperarlo. Unica nota positiva la giusta vittoria di Sheamus

6)POINTLESS MATCH

Si sapeva che un mixed tag team match sarebbe stato il capitolo conclusivo (o il capitolo decisivo forse) della faida Ziggler&Lana e Rusev&Summer, ma dal momento che Dolph è tornato troppo tardi e a quanto pare non c'era tempo per creare il giusto hype la WWE ha preferito rimandare il tutto a PPV da definirsi e inserire, intanto, un match in singolo tra i due gentlemen coinvolti, match alquanto inutile con un finale altrettanto inutile anche se funzionale a . . . lasciare tutto esattamente com'era prima, salvo che questa faida dalla pessima recitazione e pessici segmenti di natura ittica continuerà ancora per un altro mese

5)ALLERGIA ALLE SUBMISSION

John Cena dimostra che la sua forma congenita di repulsione per le Submission move si è aggravata ancor di più, non contento di eseguire una STF improponibile da tutta la vita, questa volta il bostoniano ci delizia con una Figure 4 chiusa a metà, è più forte di lui, eseguire una Submission correttamente implicherebbe la fine della sua stessa esistenza terrena, e dire che sarebbe bastato piegare di più un ginocchio, santa miseria

4)TANTO RUMORE PER NULLA

Il Triple threat match per l'Intercontinental Championship è stata la degna conclusione di un feud mal gestito, mal costruito e funestato da infortuni vari, un match in cui il mio plauso va a Big Show per aver dimostrato di volerci ancora sorprendere dopo lustri di onorata carriera (tra parentesi, a cosa meenchia è servito quel “beccati la finisher” a Raw?) e a The Miz per essere riuscito a dimostrarsi ancora più inutile dell'inutilità

3)DALLE STELLE ALLE STALLE

Ok che Sasha Banks aveva combattuto un match a cinque stelle la sera prima e quindi, comprensibilmente, non volevano farla sforzare troppo (e stesso discorso dicasi per Kevin Owens), ma è una buona ragione per eliminare il Team BAD così presto dall'Elimination match femminile? Credo di no, credo che il match avrebbe potuto essere gestito molto meglio, a cominciare appunto dalla prematura eliminazione del Team BAD per passare ad un finale sin troppo affrettato per i miei gusti. E il bello è che questo match non è servito a niente dal momento che i tre team stanno continuando a scontrarsi in tutte le combinazioni ancora disponibili. Tra parentesi ringrazio la mia dolce metà e il suo odio viscerale per Alicia Fox, per avermi fatto notare e domandare come una lottatrice che milita in WWE da otto anni possa essere ancora ferma a un tale livello di scarsitudine, a cominciare dalla sua finisher che esegue #adminchiam da sempre (a Tough Enough Sara Lee si è beccata un calcio sulla schiena mica da ridere)

2)ANGLE VS TAKER RIP-OFF

Ditelo che ci avete pensato, ditelo, ditelo che vi è venuto in mente Undertaker vs Kurt Angle, tredici anni fa, un'altra gimmick, un finale decisamente più interessante, no? Non vi è sovvenuto? A me sì e il confronto è stato impetoso, questa brutta copia del cedo mentre pinno poteva essere gestita molto meglio, sarebbe bastato che la campana suonasse mentre l'arbitro aveva cominciato a contare lo schienamento, ma il tutto si è risolto in un gran pastrocchio. E questo per quanto riguarda la parte “tecnica” del finale, un finale che ha scontentato tutto e tutti, pare chiaro ormai che l'immagine di Undertaker è quella di un uomo disposto a tutto per ottenere vendetta, Low-blow e aiuti di time keeper che non stanno al loro posto compresi. Posso condividere la scelta di un finale non chiaro che non danneggi, per il momento, nessuno, ma la scelta del tipo di finale non è stata delle più felici

1)JOHN SCREWED JOHN

Seth Rollins non è mal gestito perché vince sempre sporco, no, Rollins è mal gestito perché vince sempre sporco e non per merito suo

Dico io, ci voleva tanto a scegliere un mini segmento in cui si spiegava come Rollins fosse riuscito ad allearsi con John Stewart? E invece no, meglio tirare in ballo le fantasie di un fan di vecchia data un po' avanti con l'età che non accetta che il record del suo mito venga infranto. Da un po' di tempo a questa parte è questo l'andazzo che ha preso il regno di Seth Rollins, che vince sporco non perché sia più furbo degli altri ma perché ha la fortuna che il suo avversario abbia un altro avversario che lo odia più di quanto odi Rollins, vedasi Stewart con John Cena, vedasi Taker con Lesnar. Non so voi, ma a me questa gestione lascia molto a desiderare, avrei accettato volentieri un Rollins che non riesce mai a cavarsela da solo, se fosse perché riesce sempre a stringere improbabili alleanze, #einveceno, ha solo un coolo che fa provincia

Sappiate che più è difficile per me stilare una FLOP 10 più sono contenta, più posso inserire momenti goliardici in questa classifica e più ne sono felice, perché vuol dire che il PPV ha fatto il suo dovere; come in altri casi passati, credo che SummerSlam sia riuscito a metà, voi che ne dite? La frase di rito è sempre la solita

Anche questo mese, se pensate che abbia omesso qualche punto fondamentale o se pensate che sia stata troppo cattiva, sentitevi liberi di integrare questa rubrica come meglio credete.

Ysmsc

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname