Pubblicità

Ysmsc cerca di far luce sul futuro nebuloso che attende Sheamus, tra Daniel Bryan, Triple H, un turn heel e persino un Roman Reigns.

14 luglio 2013, Money In The Bank, Sheamus lascia il PPV con le chiappe al vento, le gambe livide e una spalla a pezzi, non contento l'irlandese combatte la settimana dopo a Raw e SmackDown, giusto per vedere se le ossa ritornano a posto da sole, dopodiché sparisce, sul sito ufficiale della WWE viene annunciato che starà fuori dalle scene per circa sei mesi.

Dall'estate scorsa in molti hanno affermato che la mancanza di Sheamus non si sentiva particolarmente, a me invece mancava, non tanto per il suo personaggio o per i suoi promo accattivanti, quanto per i dignitosi match che mi regalava sempre, che dovesse scontrarsi con lo Shield o con Damien Sandow o con un membro della 3MB; chi mi conosce sa che apprezzo non poco Sheamus dal punto di vista del lottato e in fondo anche il suo personaggio face (sebbene molto lontano dall'heel originario) riusciva a divertirmi.

Ad ogni modo, sebbene la sua mancanza non si sentisse, una cosa se l'erano augurata tutti, ossia che l'irlandese tornasse, quasi sicuramente alla Royal Rumble, da heel. Sappiamo bene che dopo un infortunio, specialmente se molto lungo come capitato a Sheamus, un wrestler può essere turnato senza troppi giri di parole: attacca un heel o un face a caso (a seconda del turn da eseguire), tiene un promo, afferma che mentre se ne stava comodo a casa a rimettersi in forma ha guardato la WWE, ha visto qualcosa che non gli è andato a genio ed è stato fulminato sulla via di Damasco, per cui da buono è diventato cattivo o da cattivo è diventato buono, il succo è sempre quello. Ad alimentare le voci di questo turn è stata la comparsa di una news che avrebbe voluto Daniel Bryan contrapposto a Sheamus per WrestleMania, in una rivincita dell'ormai celebre match da 18 secondi che, paradossalmente, ha segnato l'inizio dell'ascesa di Daniel Bryan nel cuore dei tifosi.

Sheamus è tornato, alla Rumble è finito tra gli ultimi tre (per il secondo anno di fila tra l'altro), ma segni di turn non ce ne sono stati, la cosa inizialmente non ha preoccupato, gestire un turn all'interno della Rissa Reale magari non era la cosa migliore, magari ci avrebbero pensato il giorno dopo a Raw, invece anche a Raw le cose sono andate diversamente, Sheamus è ancora tra i beniamini del pubblico, con tutti i pro e i contro del personaggio, e la sua personale Road To WrestleMania appare alquanto nebulosa.

C'è chi da la colpa di tutto questo a CM Punk, o almeno indirettamente, infatti si pensa che, vista la dipartita (momentanea o definitiva) del ragazzo di Chicago, il turn di Sheamus sia stato accantonato per sostituire Punk, a cominciare dagli eventi di SmackDown per i quali era annunciato, senza contare il nuovo scambio tra Punk e Bryan nella faida contro l'Authority, che (sembra) porterà Daniel a scontrarsi con Triple H e quindi non più con il guerriero celtico.

Nulla di tutto ciò è confermato, la WWE potrebbe aver deciso autonomamente di spostare Bryan in un match di livello più alto, addirittura è stata presa in considerazione l'ipotesi di un Triple threat match tra lo Yes man, Orton e Batista, insomma il mancato turn di Sheamus potrebbe dipendere quanto non dipendere dalla defezione di CM Punk. A prescindere dalle motivazioni, Sheamus è tornato con lo stesso identico personaggio che aveva 6 mesi fa.

Quando torni dopo una lunga assenza può succederti di tutto, puoi perdere il tuo momento d'oro, come avvenuto per Wade Barrett e Dolph Ziggler, oppure puoi sfruttare la situazione per ritornare con un personaggio rimesso a nuovo, che ti porterà lontano (come accaduto a Jack Swagger, poi è stato lui che ha mandato tutto a peripatetiche). Se mi chiedessero in quale caso risiede Sheamus, propenderei per una via intermedia, la WWE infatti non sembra aver né promosso né bocciato Sheamus, il guerriero celtico continua a prendere a pugni tutti per il piacere di farlo, si guadagna un posto in match di prestigio (il Money In The Bank come l'Elimination Chamber) e si scontra con avversari di primo livello (a detta di Stephanie McMahon, presto ci sarà un Orton vs Sheamus) come con il Curtis Axel di turno. Io prendo questo sostanziale stallo della posizione di Sheamus come il segno che la WWE è conscia di ciò che l'irlandese può dargli, a cominciare dalla qualità dei match passando per un personaggio da rivedere in più punti; Sheamus potrebbe restarsene lì, buono buono, a fare il worker, finché non sarà di nuovo il suo turno. Paradossalmente l'essere un face che vuole solo combattere lo aiuta, non ha al momento la gimmick di un pretenzioso primo sfidante al titolo o un character particolarmente over, può sfidare il primo dei main eventer e l'ultimo dei jobber senza che ciò venga visto come un problema, è Sheamus, contro chi lo mandi lo mandi, va bene così. Insomma, l'attesa parrebbe non essere un problema, specialmente se fra qualche tempo la WWE decidesse sul serio di turnarlo heel.

Succederà? Sheamus tornerà dopo anni a vestire i panni del cattivo? E tutto ciò coinciderà con un push?

Difficile dirlo, di questi tempi c'è fin troppa gente che sgomita per poter afferrare il WWE World Heavyweight Championship, l'unico alloro massimo rimasto, tra Orton attuale campione, Batista, un Brock Lesnar in versione jolly, Daniel Bryan mai troppo over, l'onnipresente John Cena, un Roman Reigns che buono buono a fine anno potrebbe inserirsi nella corsa al titolo e persino un CM Punk se decidesse di tornare, elencata tutta questa bella gente, dicevo, per Sheamus sembra alquanto difficile inserirsi. Ovviamente sappiamo che un atleta può essere pushato, inserito in faide di rilievo, anche senza il titolo mondiale di mezzo, basta impegnarsi, vero WWE?

Si era parlato del fatto che, nell'eventualità di Daniel Bryan impegnato con Orton e Batista, Sheamus avrebbe potuto scontrarsi con Triple H, nuovamente in un rematch di WrestleMania (la XXVI questa volta), si era anche parlato della possibilità di Sheamus come nuovo protetto del COO Massimo, essendolo anche nella vita reale, con conseguente turn heel e vittoria del titolo, non si sa bene ai danni di chi. In realtà ci sono vari ostacoli al realizzarsi di queste ipotesi, nel primo caso è difficile credere che la WWE decida sul serio di mandare Daniel Bryan nel main event di WrestleMania, nel secondo caso il problema sta negli avversari che gli si porrebbero davanti: esclusa la vittoria nell'Elimination Chamber, se la vittoria del titolo di Batista a WrestleMania fosse cosa certa, vorrebbe dire che Sheamus verrebbe spedito contro l'Animale al posto di Randy Orton, colpevole agli occhi di Triple H di non essere riuscito a mantenere il titolo? Ricordiamoci anche che Batista non si è mai confrontato faccia a faccia con l'Authority, non sappiamo se, in termini di storyline, Dave sia un favorito di Triple H e soci oppure un elemento scomodo, né sappiamo se potrebbe essere l'Animale stesso a turnare heel in un prossimo futuro. Insomma, la strada per il titolo o per una storyline di rilievo appare tutta in salita per il rientrante guerriero celtico, che resta ancora in attesa di scoprire se a New Orleans gli verrà concesso di prendere parte a WrestleMania, se dovrà accontentarsi di stendere Ryback nel pre-show o se magari gli verrà trovato un degno avversario.

Punto fondamentale della questione irlandese resta, a mio avviso, il disperato bisogno di un repackage caratteriale per Sheamus. Se venisse turnato heel potrebbe essere libero di tornare ad essere la furia che era, ma anche se venisse usato in un qualche modo nella faida con l'Authority dovrebbe sforzarsi di tirar fuori qualche ideale di onestà, rispetto, correttezza, non solo affermare che a lui basta stampare il suo piede in faccia a qualcuno ed offrire a Triple H una pinta di birra per appianare le divergenze, proprio no.

In definitiva, non so quali progetti vi siano per l'irlandese in vista di WrestleMania, certo se Daniel Bryan si scontrasse veramente con Orton e Batista Triple H potrebbe decidere di prendersi Sheamus come avversario, non dimentichiamo che il COO Massimo, a mio avviso, non accetterà mai di essere fuori dalla card; tuttavia preferisco non puntare molto su questa ipotesi ed è più probabile che Sheamus venga inserito in qualche faida di ripiego costruita all'ultimo minuto, un po' come fu per Mark Henry e Ryback, sperando che questa volta il risultato sia migliore.

Dipendesse da me, seguendo la logica del fantawrestling, mi piacerebbe vedere Sheamus in corsa per uno dei due titoli minori, ad esempio potrebbe essere il primo sfidante per Roman Reigns o Seth Rollins nel caso questi strappassero il titolo a Dean Ambrose in quel di WrestleMania, non mi dispiacerebbe un Roman Reigns da poco turnato face che si trova in contrasto con Triple H (premesso che l'Authority continui ad esistere dopo WrestleMania, cosa probabile) ed il COO Massimo che per tutta risposta gli spedisce contro Sheamus.

E voi cosa ne pensate? Quale futuro attende Sheamus? Siete felici del suo ritorno? A cosa è dovuto il suo mancato turn heel? È uno di quelli che rischia di saltare WrestleMania o alla fine riusciranno a trovare spazio per lui? La qualità del match che potrebbe regalare giustificherebbe una costruzione di faida all'ultimo minuto? Essere un favorito di Triple H lo aiuterà in questo 2014?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia.

Ysmsc.

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname