A volte si fanno voli pindarici decisamente eccessivi, durante i quali ipotesi potenzialmente avverabili si tramutano in puro fantawrestling. Sarà anche questo il caso? Più imbarazzante di Mesto in Serie A, ecco a voi l’editoriale odierno!

Pubblicità

Chi è il lottatore favorito per la vittoria dell’IC Title a Wrestlemania? Ovviamente l’unico con una starpower superiore al midcarding, ossia Daniel Bryan. Chi è il favorito nel match tra Cena e Rusev? Ovviamente il primo, trattandosi di Wrestlemania e considerando che, a Fastlane, al Russo è stato concesso un job semi/pulito proprio dal nostro John preferito. In uno scenario tutto sommato probabile, dunque, nel post Wrestlemania potremmo trovare i due top face della federazione come detentori dei due Titoli secondari che hanno smesso di avere importanza da anni. Accantonati dunque i dubbi circa la fattibilità di tale ipotesi, procediamo con ordine.

L’idea che ho della collocazione di Bryan all’interno della card di WM è tutto sommato semplice. All’inizio vi era l’intenzione di inserirlo in un match a tre, poi la cosa è arenata ed i piani sono cambiati in rapida successione: Sheamus, Ziggler ed infine il ladder match valido per il titolo IC. Sono contento del suo coinvolgimento in questo match? Assolutamente no, perché non è un personaggio che dovrebbe respirare neanche per un secondo l’aria poco rarefatta del midcarding. Tuttavia non tutti i mali potrebbero venire a nuocere una situazione facilmente sanabile. Innanzitutto, Bryan ha dato una credibilità ed uno spessore ad un incontro che, altrimenti, sarebbe stato solo uno spotfest tra upper/midcarder (il midcarding puro starà ad azzuffarsi nella Battle Royale) ed in seconda istanza il tutto godrà sicuramente di un workrate che, per protagonisti coinvolti ed inevitabile ritmo, surclasserà qualsiasi altro incontro della card. Una volta inserito in un match del genere, tuttavia, Bryan non può non vincere: una sconfitta in un contesto del genere, anche a favore di un beniamino come Ziggler, non porterebbe nulla di buono ne a Bryan ne tantomeno alla WWE, dunque DB non solo è il favorito per la vittoria finale, ma lo è anche con ampio margine. Diverso il discorso invece per quanto riguarda la situazione del Titolo US.

Contrariamente al Titolo IC dove la Cintura è l’unico, vero motivo per cui questi atleti stanno feudando, lo scontro tra Cena e Rusev è totalmente incentrato sul sempreverde spirito patriottico che regna sovrano negli US, beati loro. Rusev è un monster heel particolare: stazza considerevole ma non mastodontica, parco mosse sufficiente ed una gimmick che, analizzata in modo asettico, potrebbe essere definita anacronistica. Ma c’è un però. Il paragone con Umaga, tirato fuori più volte per le gimmick più impensabili (Lord Tensai per dirne una), in questo caso regge: il performer con la sua interpretazione dà credibilità alla sua gimmick ed il manager, figura un tempo così importante, arricchisce tremendamente l’intero personaggio. Lana è probabilmente la prima, vera manager efficace (Heyman è assurto a ben altre definizioni) dopo Armando Alejandro Estrada, e la loro cartoonesca versione del rude uomo della Tundra così popolare negli anni ‘70/’80 si incastra in modo perfetto per essere contrapposta all’eroe Americano per eccellenza, il Marine, il perfetto soldatoall american John Cena. E se a questo aggiungiamo che c’è anche il Titolo degli Stati Uniti in “pericolo”, visto il suo attuale detentore, gli ingredienti per una faida un po’ sopra le righe ma comunque coinvolgente ci sono tutti. Spinner belt esclusa, purtroppo.

Le obiezioni sono le solite: “Cena potrebbe concedere il job a Rusev” oppure “Non ne guadagna nulla da una vittoria così”. Wrong. Cena non è stato messo davanti a Rusev con lo scopo di smontarlo, Rusev piuttosto è stato “cresciuto” in modo efficace per quasi un anno proprio per essere schienato in modo pulito, per la prima volta ed a Wrestlemania, dal Top Face della federazione, che dovrebbe rimettere le mani sul suo primo Titolo 11 anni dopo WM XX. La Russia deve essere dipinta come minacciosa per poter dare valore alla vittoria sudata dei valenti Stati Uniti. Ed il suo stock non risulterà assolutamente ridotto: una faida di rilievo con Cena, dopo aver raccolto qualche vittoria importante, è un tassello decisamente positivo per il suo avvenire…non dimenticando una cosa essenziale, ossia che stiamo parlando sempre e comunque di un upper/midcarder e non di un futuribile Main Eventer. Di quelli NXT ne è piena.

Arriviamo al dunque della mia dissertazione. Raw post Wrestlemania, con il Titolo dei Pesi Massimi che sarà conteso tra Rollins, Reigns e (forse) Lesnar, mentre due dei maggiori nomi della federazione, Cena e Bryan, momentaneamente saranno poco impegnati. Tuttavia questi due beniamini sono anche neo-campioni, ed entrambi sono di gran lunga troppo importanti per detenere a lungo due Titoli secondari: dunque quale momento migliore per unificare finalmente queste due cinture che non hanno motivo di esistere separatamente senza brand extention? Un face contro face, un incontro di unificazione semplice ed efficace, senza troppi fronzoli, in cui on the line c’è solo la voglia di vincere.

In questo modo, in un sol colpo, la WWE potrebbe finalmente ridare valore a ciò che un tempo era un Titolo secondario, ma importantissimo. Lo so, questa frase è stata detta e ridetta più e più volte, ma mai come in questo caso il tempismo potrebbe a dir poco essere perfetto: entrambi i contendenti potrebbero essere adattissimi al ruolo prestigioso di “unificatore” e finalmente, dopo anni, la Cintura potrebbe essere affidata ad un main eventer fatto e finito, che potrebbe ridarle lustro ed importanza.

L’ideale sarebbe, in uno scenario simile, affidare la Cintura Intercontinentale (la più prestigiosa delle due) ad un workhorse come Bryan, strizzando l’occhio al passato ed a chi ha detenuto lo stesso Titolo mantenendo settimanalmente elevatissimi  livelli di eccellenza in-ring. Cena, dal canto suo, avrebbe dato una mano a far risorgere un nuovo motivo di interesse che, attualmente, manca negli show televisivi: feudare per un Titolo che non sia quello dei Pesi Massimi.

E voi cosa ne pensate? Volo pindarico o ipotesi fattibile?

Secondo me potrebbe davvero essere la volta buona…

Danilo