Il finale di Goldberg vs Lesnar ha fatto storcere il naso a molti, troppi fans del wrestling (e della WWE). Un finale veloce, sorprendente, e per molti deludente, tale da abbattere quel poco di aspettativa creatasi in tutto il mondo. Si è parlato di “cagata pazzesca”, si è fatto di tutto per distruggere un momento che, invece, risulta in linea con la storia della WWE. E, persino, un momento bookato in maniera perfetta rispetto a quanto dichiarato dai tifosi.

Pubblicità

Domenica scorsa siamo tornati al 2004. Siamo tornati al Lesnar cattivo ma superficiale, e al Goldberg cinico e deciso. Abbiamo visto non un uomo di 49 anni, fuori dal business da 12, ma quel fenomeno che nel 1998 spazzò via il roster della WCW, diventando campione mondiale in pochi mesi e con tutti gli onori. E come rendere credibile il tutto? Con un detto: mai dare le spalle al tuo avversario. Lesnar è stato presuntuoso, spocchioso, e ha commesso un errore grave per un wrestler del suo calibro. Per Goldberg è stato un gioco da ragazzi chiudere tutto in due minuti con una combinazione che nel tempo è risultata come la più devastante della storia. 1, 2, 3 e quando ti rialzi più? Non lo puoi fare, non ci puoi riuscire. Soprattutto se la seconda spear è eseguita (da Goldberg) e venduta (da Lesnar) col massimo trasporto per non esserci altra possibilità di salvezza. Da Man ha mandato The Next Big Thing all’inferno, ed ha vendicato tutti coloro che sono stati “bullizzati” dal Suplex City del suo avversario.

Quel momento è stato intrattenimento puro. Perché la WWE ci tiene a quella E finale, ci tiene che i suoi fans abbiano momenti shockanti al detto “anything can happen”. Tutto può succedere, e tutto concorre a rendere intrattenitivo uno spettacolo. Come la reunion dello Shield, la vittoria dei Wyatts, un Miz strepitoso con Bryan e la buona prova delle donne. È stato un anno dove oltre al wrestling, il fattore sorpresa è stato uno dei motivi fondanti degli show. Il divertimento è stato assicurato, seppur non sempre con risultati positivi. Ma han tenuto fede alla propria storia, ed han mostrato come sono comunque i numeri uno al mondo. Volete degli esempi di come ci siamo divertiti? Eccoli:

– il debutto di AJ Styles alla Royal Rumble e la vittoria di Triple H del titolo mondiale
– il volo di Shane McMahon dall’Hell in a Cell
– il big match tra Charlotte, Becky & Sasha
– il gran match tra Nakamura e Zayn ad NXT
– Seth Rollins e Dean Ambrose vincono il titolo mondiale WWE
– Finn Balor vince il titolo Universale
– il Draft di Raw e Smackdown
– Sasha e Becky campionesse femminili
– la lista di Chris Jericho
– Kevin Owens aiutato da Triple H
– Daniel Bryan gm di Smackdown
– le storyline di Heath Slater e James Ellsworth
– primo Hell in a Cell femminile
– Brock Lesnar annienta Randy Orton
– Randy Orton entra nella Family

….. e tanto tanto altro ancora. Questo è wrestling nelle sue più ampie sfaccettature. Questo è intrattenimento, divertimento, col meglio del business tutto attorno. Questa è la WWE e, per una volta, non mi sento di criticarla per le sue scelte.

Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • Adriano84

    Sono pienamente d’ accordo con te, la WWE è anche questo prendere o lasciare , a chi non piace può virare su altre federazioni che prediligono più il wrestling che l’ intrattenimento , a me sinceramente è piaciuta la costruzione della faida tra Goldberg e Lesnar ( apparte il segmento di Minneapolis dove non sono riusciti a far tifare Goldberg , ma li era veramente una missione impossibile ) e anche il match corto di Survivor Series non mi ha scandalizzato più di tanto , certo che se la vedi troppo realisticamente un cinquantenne non può sconfiggere il Lesnar attuale che ha fatto fuori nomi importanti e ben più in forma del Goldberg attuale , ma se la vedi in ottica mark come hai detto tu è stato il Goldberg dell WCW e non il Goldberg cinquantenne ha sconfiggere in poco tempo un Lesnar distratto che ha sottovalutato l’avversario e si è fatto fregare . In definitiva la WWE per il momento ha vinto la sua scommessa , il pubblico di Toronto era tutto dalla parte di Goldberg , e non era per niente facile farlo tifare a Toronto dopo quello che è successo tra lui e Bret Hart , nella puntata di RAW successiva c’ è stato qualche coretto “you screw Bret” ma alla fine era marginale e la stragrande maggioranza tifava per lui , quindi per il momento non mi sento di condannare la WWE per questa decisione , vedremo come proseguirà alla Rumble e successivamente a Wrestlemania la sua gestione e portremo giudicare meglio se è stato un flop o una buona decisione far tornare Goldberg , per il momento pare essere la seconda .

    • Corey2

      La presenza di Ellsworth ha consentito al feud di proseguire bene per altri due mesi. È un modo per non abbassare mai la qualità e fomentare la sfida. È difficile portare avanti un feud per tanto tempo, a Smackdown hanno trovato il modo. Sì questo è intrattenimento Made in WWE, ed è intrattenimento che funziona visto come reagisce il pubblico

      • wakko

        La presenza di Ellsworth “intrattiene” poco ma sicuro;questo è intrattenimento.

  • Sergedge

    Non c’è niente di più realistico del favorito che sottovalutando l’avversario finisce per perdere.

  • MizThunder

    sono assolutamente d’accordo: la storia raccontata è stata coerente e raccontata bene: a partire dalle settimane pre incontro (con un Goldberg concentrato che sa di avere poche possibilità e vuole sfruttarle appieno a un Lesnar talmente spocchioso da non degnarlo neanche di una parola di persona e delega Heyman a sfidarlo) fino al ring, dove è evidente che Brock sottovaluti l’avversario ridendo dopo aver subito una spinta e rialzandosi dandogli le spalle in maniera lenta convinto che avrebbe risolto la pratica con poco sforzo come con tutti gli altri; invece ha subito l’offensiva violenta di un Goldberg che sapeva di dovergli scaricare tutto il suo arsenale subito per sorprenderlo e vincere.
    Me l’aspettavo? assolutamente no, mi ha lasciato senza parole. A mente fredda, dopo aver sbollito il fattore OMG sono convinto che si sia davanti alla possibilità di fare una bella storyline per WM, con i giusti accorgimenti. Vedremo. Se saranno in grado di dare un seguito alla storia, mostrando un Brock più concentrato che punta solo alla distruzione di Goldberg magari, allora ne sarà falsa la pena assolutaente

  • King Cuzzy

    Non avevo grande interesse per il match, li per li a caldo mi sono sparato tutto il pippone della streak buttata via e degli squash ecc. ma pensandoci bene
    1. chissene XD
    2. la spiegazione di Brock che prende Goldberg sotto gamba è legittima e se vogliamo anche una novità per il personaggio di Brock Lesnar.

  • AJ Ferr

    Se criticate la vittoria di Goldberg pensate come vi sareste incazzati di più se avesse vinto in 10 minuti o più. Vi rispondereste da soli

    • wakko

      Leggi sopra(per me è così)

  • Ottime considerazioni

  • wakko

    Opinioni rispettabili ma non sono assolutamente concorde mi spiace.
    Ok è intrattenimento ma questo intrattenimento DEVE “intrattenere” ;e quei 87 secondi hanno INTRATTENUTO ??A me assolutamento no,mi spiace ma effettivamente è styata una cagata pazzesca e parlo sopratutto non deel tempo non di quei 87 secondi ma del modo in cui è avvenuta la sconfotta di Lesnar !!
    Hai fatto degli esempi su come ci siamo divertiti;ok e quei 15 momenti hanno effettivamente divertito ed intrattenuto ma questi 87 secondi hanno intrattenuto ??E poi veramente veramente vogliamo paragonare la lista di Jericho a Lesnar vs Goldberg ??
    Io querto match lo paragono a Lesnar vs Cena di Summer Slam;spettacolo PURO per gli occhi ma match che fa PENA da qualunque angolazione lo si veda.
    Volevano alzare i rating e far proseguire il feud ?Ma perché se i lamtch fosse dirato non dico tanto ma almeno 4/5 minuti in + con qualche “apparizione” di Lesnar e fosse stato vinto sempre da Bill non sarebbe stata la stessa identica cosa ?
    Il feud sarebbe proseguito senza se e senza ma e ora sicuro sicuro mi si dirà che ci voleva una vittoria + che netta per far proseguire il feud,ma questa NON è una vittoria + che netta ma(tralasciando espressioni colorite)trattasi di squash e anche peggio…………………

    • Corey2

      Quel match ha raccontato una storia. Ha intrattenuto. L’intrattenimento non è solo fare i pagliacci, ma anche raccontare in modo logico una storia. Se fosse durato di più, non sarebbe stato credibile, adesso. Magari tra 3 mesi potrà durare di più.

      Gli esempi non sono stati messi per fare paragoni.

      • wakko

        Io ho 40 anni suonati di wrestling alle spalle visto rivisto in tutte le salse e sò bene ma molto bene che il wrestling NON è solo fare pagliacci !E’ stata narrata una storia ?A me non ha per NULLA convinto !Al cinema non vai a vedere Star Wars o Resident Evil solo per botti e botte ma anche per la storia !Anche qui nel wrestling è la stessa identica cosa;87 secondi di puro spettacolo per gli occhi e null’altro in cui la storia c’è stata eccome ma a me ha fatto pena
        Quanto doveva durare ?30 minuti ?15 minuti ?NON scherziamo;anche 7/8 minuti in cui Lesnar abbozzava un minimo minimo di reazione….
        Tutto qui

        • giovy2jpitz

          87 secondi possono essere un errore, una svista di Lesnar. 10 minuti no, sei finito, sconfitto, punto. Devi guardare come ti intrattengono si, ma anche in chiave futura. non dimenticarti che venivamo da un match di un’ora. Se il wrestling deve essere realistico, infondo, anche queste sono cose che possono capitare, ovvero perdere in pochi secondi per aversottovalutato l’avversario, posso capire la prima impressione, quasi uguale per tutti, ma 24 ore dopo quasi tutti hanno capito, cambiare idea è caratteristica dei non ottusi, prova a ragionarci meglio, con un match lungo si, avresti distrutto Lesnar, che nonostante aver avuto il tempo di ragionare e provare a reagire, comunque non ce l’avrebbe fatta. Invece cosi ha perso per un cavillo del suo carattere, ma poi vincerà. Intanto la WWE fa business per mesi e riproporrà il Match a Wrestlemania, oltre che un angle ottimo alla Rumble.

          • wakko

            Come scritto io bado pochissimo al tempo;anche 60 secondi mi vanno bene ma devono essere “bilanciati”,2 german suplex di Lesnar seguiti da una spear e dalla Jackhammer e tutti felici e contenti a casa

          • giovy2jpitz

            E’ uguale, Lesnar assestando qualche mossa avrebbe evidenziato ilfatto che aveva reagito e capito. Invece non doveva farlo, perché solo dando lespalle e sottovlutando Goldberg si poteva costruire questa storyline proteggendolo. Nessun attacco di Lesnar, mossa giusta per farlo perdere.

          • wakko

            Per me cambiava un bel pò ma ovviamente rimane una mia opinione

          • giovy2jpitz

            E certo che rimane tua.

      • Gourcuff87

        ecco,se mi leggevo prima questo commento evitavo di scrivere il romanzo alle due di notte…eh vabbè…

    • Se Goldberg avesse vinto in un match di 10 minuti sarebbe stato un vero e proprio scandalo, un calcio alle pall* a gente come Cena, Orton ecc che hanno perso contro Lesnar nonostante non siano dei pensionati. Parli della sconfitta di Lesnar come se lo avessero danneggiato, ma no, in chiave mark è stata solo “distrazione” in quanto non ha preso seriamente “Old”Berg, e quindi è stato sorpreso. Ma davvero volevi vedere un match più lungo? Credimi, a quest’ora saresti qui a tirare le peggio bestemmie se fosse successo. Il wrestling è anche questo, apri gli occhi.

      Guarda che la carriera di Goldberg non è famosa perchè ha fatto 4,000 match che durano +10 minuti eh.

      • wakko

        Per fortuna io guardo il wrestling fregandomene l’essere mark….mirk….o muk….
        A parte le battute,sapevo che “attiravo” commenti e chi ha detto che volevo un match di 10 minuti ?Bastava 7 minuti ma anche 87 secondi bastavano !!Solo che Lesnar doveva reagire tutto qui.
        ,Ma chi parla di ridimensionamento ?Dai;io gli occhi ce li ho aperti dal 1976…….anzi non aperti;SPALANCATI.
        Chi mi conosce sa benissimo che me ne frego altamente del tempo(15 gg fa sul tubo ho visto un match di

  • Jeff Hardy

    Andando avanti, giorno dopo giorno mi convinco che quel match è stato fatto nel migliore dei modi. Avevo pesantemente criticato la WWE perchè si parlava da tanto di Lesnar e di come lo si stava preparando per qualcuno. Alla fine una sconfitta in 86 secondi ha meno conseguenze rispetto a 10 minuti di match poichè si possono trovare tantissime scuse. Perciò confido ancora nella WWE.

  • Road Dogg

    Finalmente qualcuno che lo dice chiaramente, il main event di survivor series è stato bookato egregiamente.

    • Daniele

      Sono d’accordo con te, secondo me è inutile cercare di trovare spiegazioni dato che alla fine stiamo parlando di 2 part-time, che finiranno il loro compitino a wrestlermania…. E poi tanti saluti.

  • Yep.

  • wakko

    Ho scatenato un putiferio e dico la mia riallacciandomi a quel che ha scritto Giovanni,sperando di chiarire il mio pensiero;io non volevo un match di 10 minuti….nè di 20 minuti…..perché così effettivamente uccidevi il feud nascente !!
    Cosa avrei voluto ?Un match anche di 90/120 secondi + “movimentato” perché non stiamo parlando di pincopallino e vattelapesca stiamo parlando di 2 leggende !
    Tutto qui;se il match fosse stato come quello tra Lesnar e Cena a Slam allora qui saremo davanti al + grande SCANDALO degli anni 2000 ma anche così non è una cosa che si può giudicare positivamente solo per “guardare” al futuro

  • The Ass Kickin Machine

    Quoto il tuo pensiero, inoltre un avvenimento che mi è piaciuto molto è stato Zack Ryder che vincere il titolo Intercontinentale in quel di Wrestlemania.

  • Gourcuff87

    Finalmente qualcuno che si accorge di Lesnar che da le spalle a Goldberg,ovvero il momento su cui orbita tutto il resto.

  • Gourcuff87

    Una considerazione :

    Questo match potrà pure esser stato corto e insignificante ai più,ma è riuscito appieno nel suo compito e non mi riferisco al risultato.

    Son riusciti a raccontare una storia e a raccontarla bene. Ogni match è una storia. Alcune vengon bene,altre vengon male.In molte lo spettatore non coglie il senso del messaggio e si concentra solo sulle mosse. Quando questo avviene il match ha fallito. Quando invece i lottatori riescono a raccontare una storia,a mandare un messaggio che viene colto,lo spettacolo ha il suo successo. Questa è stata una storia breve ma raccontata benissimo,in cui non c’è stata una parola,ma è come se avessimo potuto assistere a un dialogo chiaro e lineare. Abbiamo tutti colto il messaggio e quei 2 minuti son stati estremamente intensi e pieni di significati.Bravissimi loro a raccontarla in questo modo.

    Se potessimo simulare un dialogo potremmo pensare che Lesnar sfida Goldberg con lo sguardo in maniera superba e arrogante,considerandolo uno dei tanti. Lo prende,lo solleva e lo porto all’angolo come se volesse ribadire che è più potente e forte di lui,che gli può fare quel che vuole,che gli riserva lo stesso trattamento che ha riservato a tutti quelli prima di lui. Goldberg con quella spinta è come se gli stesse dicendo che lui è diverso da tutti gli altri,non avendo lui nessun timore reverenziale,nessuna paura A quel punto in un primo momento Lesnar è incredulo,un istante dopo quell’urlo di Goldberg si mette a ridere come se stesse pensando “ma questo cosa crede di fare? Pensa davvero di potermi battere?!” andando a commettere un vero “peccato mortale”,ovvero dare le spalle a Goldberg che procederà in una esecuzione senza pietà.