Pubblicità

Benvenuti in Arizona, esattamente a Phoenix, al tavolo di commento per voi il trio composto da Phillips, Uso e Saxton, io sono Lucha Kappa e questo è WWE Main Event, che la lotta abbia inizio!

Ad aprire l'odierna puntata spetta, come la scorsa settimana, alle Divas. Partiamo col primo match della serata:

 

1)Becky Lynch (with Charlotte Flair) vs Brie Bella ( with Nikki Bella & Alicia Fox)

(Voto 2-/5)

 

Classica fase di studio al centro del ring tra le due atlete, con un susseguirsi di clinch. Becky lavora bene sul braccio della rivale, la quale, tuttavia, con una serie di gomitate in pieno volto riesce a divincolarsi e a scagliare l'avversaria all'angolo. L'irlandese dai capelli di fuoco ci mostra da subito la sua agilità schivando l'assalto della Signora Bryan e sfidando la stessa a farsi sotto al centro del quadrato. Brie attacca ma Becky schiva nuovamente l'offensiva e rifila alla rivale una serie di hip toss per poi chiudere la Gemella Bella in un lucchetto al braccio. Brie reagisce: spinge Becky all'angolo e si libera della presa. La Bella cerca di offendere la sua rivale con un poderoso calcio a metà altezza, ma Becky, per l'ennesima volta, interrompe l'assalto della Gemella intrappolandole a mezz'aria la gamba e connettendo con un dragon screw. Combo di tre legdrop da parte della Rossa, che costringe Brie a uscire dal ring, trovando riparo, conforto e amorevoli carezze dalle sue compagnie di team. La Bella tenta di salire sul ring, ma Becky fa buona guardie e abbranca la rivale. Brie si libera con una spallata e tenta di salire sul paletto. La Gemella è troppo lenta in questa occasione, l'Irlandese ne approfitta: sale anche lei sulla seconda corda e inizia a colpire l'avversaria. La Gemella riesce ad aver la meglio e ad allontanare la rivale. Brie prende il controllo delle operazioni: scende dalla corde e rifila alla rivale un running bulldog. Schienamento ma solo conto di due. Dopo la pausa pubblicitaria troviamo Brie intenta ad applicare una dolorosa leva al braccio dell'avversaria. Becky, sfruttando la maggiore capacità tecnica, si libera. La Rossa prende velocità sfruttando le corde ma Brie, di tutta risposta, la stende con colpo di avambraccio volante. Brie tenta ancora lo schienamento, ottenendo un conto di due. La Bella sfrutta gli insegnamenti del Maestro Bryan e colpisce furiosamente la sua avversaria con gli YES! Kicks chiudendo la combo con un rapido dropkick basso. Un pubblico molto coinvolto segue ritmicamente i calci dell'atleta di casa. L'offensiva della Gemella continua: trascina Becky alle corde colpendola con una ginocchiata in pieno addome. La Lynch si accascia, posizionandosi perfettamente per il Brie Mode. Classico urlo spacca timpani e ginocchiata in corsa da parte della Bella. Schinamento, ma Becky esce al due. Brie tenta di sfiancare l'avversaria con una presa statica al centro del quadrato. Vana offensiva di Becky che viene subito rispedita al tappetto dall'avversaria. Schinamento: misero conto di uno. La Bella porta avanti la sua tattica: ulteriore presa statica e gomitate sul petto della rivale. Brie è prevedibile e stavolta Becky riesce a liberarsi colpendo il viso della Gemella. Equilibrio tra le due lottatrice che si stendono, l'un l'altra, con un braccio teso in corsa. Le atlete sono provate e faticano a guadagnare la posizione eretta. Brie è la prima a rialzarsi. La Gemella tenta di colpire una Becky, ancora stordita, ma quest'ultima intercetta il pugno della rivale e connette con dei violenti colpi a mano chiusa. Braccio teso della Lynch e dropkick a chiudere la combo che sbatte all'angolo la Bella. Rincorsa dell'Irlandese, stomp in springboard e calf kick. Ottima l'offensiva di Becky. Pin: solo conto di due. L'atleta europea tenta di connettere con una body slam, Brie, tuttavia, le scivola alle spalle ponendosi in posizione di vantaggio. Irish whip della gemella abilmente bloccato e restituito dalla lottatrice irlandese. La Lynch carica ma ad aspettarla trova le ginocchia di Brie. La Signora Bryan sale sul paletto, imposta il navigatore, e connette col doppio calcio a missile brevettato. Schienamento, ma, ancora, conto di due. Brie tenta di usare, nuovamente, le sue lunghe leve per attaccare l'avversaria, la quale, con maestria, bloccando i colpi della rivale riesce a connettere con un t-bone suplex. Pin: solo conto di due. Brie vuole chiudere la contesa, tenta il Bella Buster ma la Lynch le abbranca il braccio e la porta a terra. Becky non molla la rivale e riesce a mettersi in posizione per il suo Dis-Arm-Her. Brie da sfoggio di tutta la sua resilienza e con fatica si trascina verso le corde fino a sfiorarle con la punta del piede. L'arbitro ordina il break. Becky chiede spiegazioni all'arbitro e così fa Charlotte, salendo sull'apron. Il direttore di gara, intento a parlare con la Campionessa, non si avvede di Nikki, la quale afferra Becky alle spalle sbattendola al tappeto. L'intervento della sorella è sufficiente per permettere a Brie di connettere col Bella Buster. Conto di tre e vittoria all'esponente del Team Bella.

 

Winner: Brie Bella

 

Come sempre la grafica ci ragguaglia su quello che sarà il nostro main event di stasera, ovvero Neville contro Rusev. Ci attende sicuramente uno scontro tra stili di lotta totalmente differenti.

Ma ora è il momento di entrare nel mondo delle stranezze e delle bizzarrie, siamo, difatti, pronti per il secondo match della carta:

 

2)Stardust (with The Ascension) vs Zack Ryder

(Voto 2/5)

 

Clinch trai due al centro del ring, con Ryder che applica una leva al braccio del rivale. Stardust si trascina verso le corde, sporgendosi col busto verso l'esterno del quadrato. L'arbitro ordina il break. Stardust, sul apron, rientra sul ring con una agilissimo balzo per poi regalare a Ryder e al pubblico un elegante inchino. Zack non cede alle lusinghe del suo avversario e lo colpisce con un braccio teso. Rapido scambio di colpi trai due: irish whip di Ryder, ribaltato dall'ex Dashing che tenta un hip toss, a sua volta, counterato (ndr: mi si consentirà il termine videoludico) da Zack. Secondo hip toss da parte di ZR con annessa leva al braccio. Stardust si erge in piedi e si libera con un originale sgambetto del lucchetto del suo rivale. Rincorsa del lottatore cosmico e schiaffone in scivolata su Ryder. Zack reagisce e connette con uno splendido dropkick ai danni di uno Stardust che tentava ancora di prendere velocità sfruttando le corde. Il fu Cody scivola fuori dal quadrado. Pescado di Ryder, ma Stardust, furbo come una volpe cosmica, solleva la copertura del ring causando la rovinosa caduta del rivale. Stomp in salto di Dust, a cui segue un allegro giovarsi del fatto che una fan in prima fila porti i suoi stessi guanti. Ryder viene trascinato sul ring e colpito nuovamente con un calcio in pieno petto. Stardust lavora la schiena del rivale con delle ginocchiate, per poi immobilizzarlo con una full nelson. Zack reagisce, si solleva in piedi e si libera dalla presa con una jawbreaker. Rincorsa del ragazzo di Long Island propedeutica per uno splash in salto, tuttavia Dust si sposta all'ultimo secondo facendo impattare il suo avversario contro le corde. Schienamento: solo conto di due. Ryder è chiaramente provato. Stardust continua ad infierire sul rivale con stomp e ginocchiate basse, bloccandolo, da ultimo, al tappeto con una presa al braccio. Zack riesce, nuovamente a sollevarsi. Stardust tenta il suplex, ma Ryder, sfruttando la proiezione della manovra, riesce a passare alle spalle del rivale e a portare a segno una neckbreaker di livello. Pin, ma solo conto di due. Ryder ci crede: pugni sul rivale, ginocchiata in difesa all'angolo e missile dropkick dalla seconda corda. Zack is still alive! L'offensiva di ZR continua con una gomitata in salta su di uno Stardust rifugiatosi all'angolo. La posizione è quella ideale: pugni al cielo come nelle migliori discoteche di Ibiza e Broski Boot. Schienamento, ma ancora conto di due. Ryder si prepara a chiudere, inquadra l'obbiettivo e tenta il Rough Ryder. Stardust è ancora vigile: blocca il suo avversario in posizione da powerbomb e lo accompagna fino alle fine del quadrato. ZR si salva ancora una volta, proiettando il rivale all'esterno del ring con una forbice alla testa. Zack abbranca il figlio del leggendario Dusty Rhodes spingendolo sul quadrato. ZR fa per seguirlo, ma viene frenato dal tentativo d'intervento degli Ascension. La frazione di tempo è sufficiente a Stardust per riprendersi e colpire con un calcio Ryder. Il Combattente Cosmico afferra la nuca dell'avversario e mette a segno la Queen's Crossbow. Arrivano l'uno, il due e il tre. Esultanza in puro stile Val Venis da parte di Stardust, solito soffio alla telecamera e si ritorna a mirar le stelle.

 

Winner: Stardust

 

Recap dell'ultima puntata di Raw, nella quale un match a quattro ha decretato il primo contendente al titolo del mondo. Come sempre vi rimando all'ottimo racconto della serata scritto da Ysmsc.

 

E' arrivato il momento dell'ultimo match della carta. Una sfida tra velocità e potenza, tra forza bruta e agilità, in poche parole:

 

3)Neville vs Rusev

(Voto: sv.)

 

Evidente differenza di stazza trai due atleti. Rusev non ci mette molto ad avere la meglio del rivale in un clinch e a portarlo all'angolo. La Bestia Bulgara sfodera il suo più beffardo “sorrisetto” (cit.), allontanandosi da Neville e sfidando l'Inglese a dar prova della sua forza. Seconda clinch trai due e stavolta, sfruttando tutta la sua tecnica, ha la meglio Neville, il quale spinge il suo avversario all'angolo. L'Inglese sembra dire a Rusev: “hai visto gigante ti tengo testa !”. Rusev irretito tenta l'assalto, ma Neville schiva il colpo e lo abbranca con un lucchetto laterale alla testa. L'Inglese tiene fermo a fatica il rivale, il quale più volte lo solleva da terra. Il Bulgaro fa valere la maggiore forza fisica, spingendo il suo avversario verso le corde e liberandosi dalla manovra. Rusev costringe alla corsa Neville per poi stenderlo con un placcaggio. Elbow drop del Bulgaro che va a vuoto e Neville guadagna nuovamente una posizione di vantaggio, bloccando il braccio dell'avversario. Un Neville metodico continua la sua tattica, offendendo a più riprese l'arto superiore di Rusev. E' nuovamente la potenza a salvare il Bulgaro, il quale connette con una Body Slam dopo aver sollevato di peso il rivale. E' Rusev ora a poter procedere all'attacco: stomp in corsa, douple axe handle e serie di colpi su di un Neville costretto all'angolo. Irish whip di Rusev verso l'angolo opposto del quadrato, Neville, tuttavia, sfruttando il corner come supporto cambia direzione, sfuggendo, altresì, alla carica del rivale. I soliti salti mortali conducono Neville direttamente sul paletto opposto del quadrato. L'Inglese sfrutta l'incredibile slancio per connettere con uno splash in springboard ma Rusev, vigile e attento, lo afferra, ancora in volo, caricandoselo sulle spalle. Neville si divincola costringendo il suo rivale a retrocedere fino alle corde. L'Inglese raggiunge l'apron, scivolando dalla presa del Bulgaro. Colpo di avambraccio di Neville utile per far barcollare l'avversario e permettergli di portare a segno un ottimo springboard dropkick che costringe il Bulgaro a scivolare fuori dal quadrato per evitare il pin. Dopo lo stacco pubblicitario i due contendenti sono di nuovo sul quadrato pronti a darsi battaglia. Un Rusev dolorante sembra aver accusato il logorio al braccio portato avanti da Neville. Il bicipite del Bulgaro pare essersi gonfiato parecchio e ora l'arbitro va a sincerarsi delle condizioni dell'atleta, con il medico che sale sul quadrato. Già ad una prima occhiata le condizioni non paiono le migliori, ma Rusev vuole continuare a combattere. L'arbitro non è dello stesso avviso e per tutelare il lottatore chiama il gong, decretando la fine dell'incontro.

 

Winner ( per decisione medica): Neville

 

Con un Rusev gonfio di rabbia per la decisione dell'arbitro e dello staff medico si chiude questa puntata di Main Event.

 

Cosa mi è piaciuto: E' difficile trovare qualcosa che mi possa essere piaciuto di questa episodio. Il match finale avrebbe potuto regalarci un buon spettacolo. Contento comunque di aver visto lottare Ryder e Stardust, ma questi sono miei puri gusti personali.

 

Cosa non mi è piaciuto: Puntata mediocre e insipida, in cui è mancata la qualità e il pathos sul ring. Match a stento sufficienti. Speriamo in una puntata migliore settimana prossima: Owens salvaci tu !

 

Voto generale: 5–/10

 

 

 

 

LuchaKappa
Reporter mascherato in stile Uomo Ragno e SuperMan, tuttavia piú concentrato a scrivere di Wrestling che a salvare il mondo ! Deve la sua formazione alla celeberrima Tana del Cinghiale, rivale storica della Tana delle Tigri ma molto molto più prestigiosa.