Pubblicità

Qual è la ricetta per diventare una major? E perchè una federazione dovrebbe fare il grande passo?

Benvenuti a questo nuovo blog di Antonio "The Rabid"! Oggi voglio parlarvi dei perchè e cosa succede ad una federazione che vuole crescere e quali sono gli step fondamentali per diventare una grande realtà. C'è un gran parlare ultimamente della ROH e della sua crescita esponenziale negli USA. Io per primo seguo la federazione fin dall'inizio e ho visto i talenti usciti, la qualità degli show e il proliferare dei fan che ormai sono veri e propri addicted. E come non si potrebbe?! 

 

Il tutto è partito da una piccola fed di Philadelphia che si è evoluta in una realtà moderna e dinamica che collabora con le maggiori federazioni del mondo, vedi la NJPW. Ma quali sono gli step fondamentali per diventare una major? Prima di tutto avere una copertura televisiva decente. Ce l'ha la WWE, ce l'aveva la TNA e la ROH ha una grande visibilità dovuta alla SBG (Sinclair Broadcasting Group) che raggiunge tranquillamente il 40% delle case americane e in più trasmette abitualmente la sua ROH TV su internet, in streaming, GRATIS. Per fare un paragone, Destination America (TNA) trasmette nel 53% delle case americane. 

"Eravamo troppo piccoli per essere grandi e troppo grandi per essere piccoli". La frase, detta in maniera spicciola, è di una persona a voi conosciuta, Paul Heyman. Riferita alla ECW, questa citazione ben rappresenta la amara realtà di una crescita prepotente e spropositata in poco tempo. La crescita di una federazione deve essere graduale, step-by-step, mai troppo veloce e sempre consolidata. Fu il motivo del botto della ECW ed è per questo che penso la ROH possa invece tentare il passo decisivo. Hanno alle spalle una proprietà ben assestata e soprattutto molto ricca.

Secondo passo decisivo è avere un accordo per il merchandising, che può prevedere distribuzione di DVD, di magliette e di giocattoli. Ebbene si i giocattoli sono fondamentali, sia le action figure che le cinture replica. Anche perchè le cinture replica in vendita sul sito sono irragiungibili per chiunque, si parla di 3000 euro a botta mentre le cinture commemorative, come ad esempio quelle WWE sono vendute a prezzi più accessibili e contenuti. Personalmente comprerò la cintura della ROH appena uscirà. In più la ROH può giocare sul fattore nostalgia proprio avendo avuto tanti wrestler che ora sono colonne portanti di altre realtà. Perchè non fare action figure di CM Punk, dell'American Dragon Bryan Danielson, o di Samoa Joe?

Terzo passo: l'esclusività. Come fa una federazione ad attrarre i fan se possono comunque trovare gli stessi wrestler in un'altra federazione? Ti costruisci le tue stelle e poi le mandi ad accettare booking in giro per il mondo? Passi all'estero ma in America no. Quando un tuo wrestler di punta, vedi Michael Elgin, viene schienato da un rookie come Trevor Lee, che credibilità hai? Non puoi permetterti di costruire un character che poi perde peso o una winning streak in un'altra fed? Ed è proprio per questo che da adesso la ROH rinnova i contratti con una clausola di esclusività assoluta, non per nulla il primo a firmarla è stato proprio Adam Cole (ex ROH World Champion).

Quarto ed ultimo passo: il live e la durata. Per me una major ha bisogno del live, o almeno di una puntata ogni 2 live. Perchè il live ti rende imprevedibile, ti rende interessante, ti invoglia a vederti subito, immediatamente, nessuno spoiler, nessun risultato scontato, nessun amico "hai letto i tapings"? NO! La TNA del 2010 non sarà stata un granchè ma aveva attrattiva. In più ora parliamo della durata. 50 minuti di ROH TV sono pochi, sono davvero troppo pochi. 90 minuti sono perfetti. La durata standard di un buono show o presunto tale. In più per me il campione deve apparire in ogni singola puntata, i feud devono essere costruiti in maniera impeccabile e andare avanti di settimana in settimana. Per me, personalmente, vedere Jay Briscoe solo una volta ogni 3 settimane non va bene. Il campione e la cintura sono il fulcro della Federazione e quindi devono esserci e farsi vedere.

Per arrivare ad una conclusione, la ROH è pronta per il grande passo. Le premesse ci sono e la fan base è buona, in più i soldi ci sono e il booking team è ottimo. Probabilmente, anzi sicuramente il roster odierno non è il migliore di sempre ma è davvero il momento migliore. La TNA è in fase di reboot o apparentemente tale e quindi lo spot di seconda fed è lì ad un passo. NEXT STEP: NUMBER TWO.

ADIOS!

 

Antonio
Fan delle indy e appassionato WWE fin da Wrestlemania XX. Estimatore dei wrestler tecnici ed innamorato di Aj Styles e Shinsuke Nakamura. Editorialista e recensore per Zonawrestling.net, traduttore freelance e nerd a tempo indeterminato.