Nuova puntata ricca di NXT, con un super main event dove, per la prima volta, vedremo in azione in coppia Bobby Fish e Kyle O’Reilly contro i baffuti inglesi Tyler Bate e Trent Seven in un super main event.

Pubblicità

Prima della sigla, anche NXT rende omaggio al migliore manager di sempre, Bobby The Brain Heenan che ha salutato questo gnocco minerario all’inizio della settimana.

Entriamo quindi alla Full Sail Arena e ci viene ricordato anche il primo intervento parlato di Aleister Black ma si parte con Mr. Wrestling in persona!

Match 1: Johnny Gargano vs Tino Sabatelli (2,3 / 5)

Settimana scorsa Riddick Moss ha messo in difficoltà più del previsto Gargano, vedremo se oggi Sabatelli sarà in grado di replicar la discreta prestazione del compagno. Tino come sempre è molto spocchioso e provoca Johnny che però, a parte un dropkick e una side slam, non cade nella trappola e negli errori della scorsa settimana e reagisce agli attacchi in maniera immediata e incisiva. Sabatelli para la spear dall’apron decisiva contro Moss con una powerslam ma non procede allo schienamento immediato per un dolore alla spalla e prosegue con le provocazione si becca un calcione in faccia e poi la Gargano Escape che lo costringe alla resa.

Vincitore: Johnny Gargano

Regal sta raccontando un aneddoto quando arriva Roderick Strong che chiede una shot al titolo NXT. Il GM concorda e gli prenota un match titolato tra 15 giorni contro ovviamente Drew McIntyre.

Rivediamo ancora la scena in cui Asuka lascia vacante il suo titolo di campionessa femminile di NXT e vediamo un promo di Sonya Deville che dice che Asuka aveva paura di lei per esser sullo stesso ring e ora è pronta a prendere il suo posto e se qualcuna avesse qualcosa da ridire può farsi trovare fra le corde per una lezione.

Match 2: Lacey Evans vs Bianca Belair (1,8 / 5)

Rivediamo in azione la bionda ex Marine Lacey contro una delle sorprese del Mae Young Classic, e già vista anche qui a NXT, la lungocodata Bianca. Buon takedown di Bianca che dimostra buona forza e agilità ma la Evans specie nella prima categoria non è da meno. Belair comanda il match senza grande fatica con una bella double chickenwing faceslam ma Evans con una gomitata usando le corde prova a rimettersi in pista con poco successo visto il successivo suplex dell’avversaria. Lacey ci prova ancora con un broncobuster modificata di bell’impatto e una swinging neckbreaker che le vale un conto di 2, ma Bianca si riprende e prima le tira una frustata violenta usando i lunghissimi capelli e poi chiude il match con una alley-hoop.

Vincitrice: Bianca Belair

Eccoci arrivati al tanto atteso momento per le prime dichiarazioni ufficiali di Aleister Black che i prende tutto il tempo del mondo per il suo ingresso e apparire in abiti super eleganti e accolto dal pubblico della NXT Arena che canta le lyrics della sua theme song. Una volta preso il microfono e levata la giacca Black comincia a raccontare che 15 anni fa ha iniziato un viaggio che lo ha portato fino a NXT e in questi 3 lustri ha viaggiato per il mondo, visto e vissuto tante esperienze e tutto questo bagaglio se lo è segnato addosso sottoforma di cicatrici in modo da ricordare tutto ciò che ha passato, dal cuore sulla gola al demone sulla schiena. Il suo viaggio a NXT è tutto tranne che finito e ora sa bene cosa deve fare e il prossimo passo è… parte la theme song di The Velveteen Dream che si palesa sullo stage e, muovendosi verso il ring, dice che tutto ciò che vira verso l’oscurità deve prima o poi passare attraverso la luce e qui abbiamo un uomo che per tanti anni ha viaggiato nel buio ma che ora verrà abbagliato dalla sua luce e nonostante tutto questo bagliore non capisce cosa abbia di speciale e dove siano veramente queste cicatrici di cui parlava ma vede solo un uomo ferito e addolorato e, guardandolo negli occhi, nota come tutto quel che vede dipinto sono solo scarabocchi falsi. E questo non è neppure il suo più grande problema, continua Velveteen, è la sua mancanza di sentimenti e la paura, e sembra spaventato da lui e dal mostrare emozioni e della luce e, nonostante quanto dice, lui sa che ha un cuore ma è messo nel posto sbagliato. Black elabora queste importanti parole e reagisce in maniera pacata, Black Mass alla mano che regge il microfono di Dream e posa a gambe incrociate, ma Dream gli si avvicina in maniera molto ammiccante e poi scivola come una biscia fuori dal ring.

Rivediamo gli screzi tra No Way Jose e Lars Sullivan delle scorse settimane, i due oggi si sfideranno finalmente sul ring per sistemare i conti una volta per tutte.

Minipromo per Dakota Kai che si presenta al pubblico di NXT e si dice pronta a puntare al titolo calcio dopo calcio

Match 3: No Way Jose vs Lars Sullivan (2 / 5)

Jose prova a giocare di astuzia e ad attaccare subito Sullivan in maniera rapida, ma la primo tentativo di spallata si spiaccica tipo mosca su carta moschicida sul monumentale avversario, che comincia a malmenarlo dentro e fuori dal ring senza alcuna pietà, venendo lanciato ripetutamente contro l’apron. Sullivan con un paio di splash all’angolo distrugge Jose, che tuttavia prova una nuova reazione più di nervi che d’altro cercando una improbabile sleeper hold e poi provando i colpi diretti che fanno solo barcollare Lars che addirittura va sul paletto per una diving headbutte e poi chiudere con la one arm rock bottom che chiude rapidamente la contesa.

Vincitore: Lars Sullivan

Bate e Seven si caricano nel backstage in vista del loro match di coppia di stasera.

Match 4: Tyler Bate & Trent Seven vs Kyle O’ Reilly & Bobby Fish (3,3 / 5)

Inglesi molto concentrati una volta uniti e saliti sul ring. Fish e O’Reilly son accompagnati da Adam Cole sulla strada verso il ring e la theme song è poco interessante e incisiva, non comunica molto e sembra una di quelle generiche presenti nei videogiochi. Bella partenza di Bate e Seven che in combo isolano O’Reilly che solo con un colpo sporco riesce a dare il cambio a Fish. Trent manda l’avversario subito fuori ring ma non riesce per una interferenza a capitalizzare e quindi Bobby lo stende e inverte l’inerzia del ring, con una senton dall’apron che vale un conto di due e riesce a portare Seven nel suo angolo e a lavorare in coppia con il compagno mettendo a segno un doppio suplex preciso e rapido.e un successivo doppo high kick che vale un conto di 2. Seven tenta una reazione a suon di chop e con un DDT improvviso ma O’ Reilly, astutamente, abbatte Bate prima del tag continuando quindi a infierire su Trent con una cross armbreaker da cui l’inglese si divincola passando sotto la corda più bassa. Adam Cole si mette a discutere con l’arbitro e Fish sfrutta l’occasione per lanciare violentemente l’avversario contro le transenne a bordo ring. Gli invasori continuano a dominare la contesa fino a che Seven con un lariat a sette stelle riesce a liberarsi per un attimo dalla pressione e dare il cambio a Bate che fresco attacca con un uppercut volante Kyle, di cui para un attacco in corsa che trasforma in un exploder suplex + standing SSP che gli vale quasi la vittoria, non fosse per il salvataggio in corsa di Bobby. Gli inglesi cerano la chiusura con una powerslam in coppia ma O’Reilly esce dal conteggio; Bate decide di lanciarsi fuori ring su Fish per evitare interferenze e Bate cerca la Tyler Driver 97 ma Kyle riesce a rovesciare in una guillottine choke ma Bate riesce a rialzarsi con tutto il peso dell’avversario addosso. Da fuori Fish si riprende e colpisce l’avversario prima di un delayed suplex, permettendo al compagno di tag di eseguire la mossa e tentare il pin ma Bate appoggia il piede alla corda rendendo nullo il tentativo. Bate fa sbattere gli avversari l’uno contro l’altro e ridà il cambio a Seven che dà fondo a tutte le sue energie per cercare la vittoria, ma viene cattuato nella Armbar di O’Reily che riesce a rovesciare in una presa al tendine d’achille. Ancora una volta Fish interviene a salvare il partner e fuori ring Cole con un superkick abbatte Bate che non può più aiutare il compagno che finisce vittima della Total Elimination avversaria e porta la prima vittoria ufficiale agli invasori.

Vincitori: Bobby Fish e Kyle O’Reilly

Il trio festeggia sul ring ma sullo stage appare un incazzato e senza camicia Drew McIntyre che, cintura alla mano, parte alla carica del terzetto che come fatto altre volte se la dà a gambe in mezzo alla folla. Stavolta però ad attenderli all’uscita secondaria ci sono i Sanity al gran completo che non si fan pregare per far partire la rissa per tutta l’arena, aiutati anche da Drew sul ring. Gli invasori per una volta se ne vanno con la coda fra le gambe e i campioni NXT si prendon la prima rivincita ma la guerra è lontanissima dall’esser finita.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
6,5
Qualità promo
7,5
Evoluzone storyline
7
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.