Come ogni settimana arriva l’appuntamento settimanale. Sul menu oggi il match a 3 per il posto di prima sfidante al titolo femminile di Asuka e, dopo la sigla, partiamo subito proprio con questo match!

Pubblicità

Match 1: N°1 Contender for the NXT Woman Championship: Ember Moon vs Peyton Royce vs Liv Morgan (2,5 / 5)

Match che parte molto veloce e con Ember vittma dei primi attacchi e costretta a spostarsi fuori ring, sul quale Liv cerca con la sua velocità di ottenere un pin veloce. Anche Liv e Peyton finiscono al di fuori delle corde e Ember ne approfitta per abbattere con una plancha Morgan, ma resta scoperta difensivamente e la Royce la spedisce di violenza contro i gradoni d’acciaio. Peyton ritorna sul ring e attacca intensmente Liv, lasciandole solo gli attacchi di rimessa e dominando la contesa, evitando anche che la Moon rientri sul ring. La sfida si dipana su questo spartito per diversi minuti fino alla reazione di Liv con un buon bulldog che ottiene un conto di 2 per l’intervento di Ember. Liv rimanda la Moon fuori ring con una headscissor e cerca il volo dal paletto ma viene bloccata dalla Royce che cerca il tentativo di superplex ma viene a sua volta bloccata dalla Moon e scatta la più classica tower of doom. Ember va sul paletto per la Eclipse ma viene disturbata da Billie Kay, che stazionava a bordo ring, e somministra all’australiana la finisher; Liv rispedisce Ember fuori ring ma viene colpita alla nuca da una violenta ginocchiata di Peyton che poi chiude con una Fisherman Suplex con ponte che le regala la possibilità di andare per il titolo.

Vincitrice: Peyton Royce

Una coppia di video ci presentano Mark Andrews e Pete Dunne, i due lottatori UK che si sfideranno stasera fra di loro.

E toh, ci ribecchiamo anche il video di presentazione di Kassius Ohno, e a riveder certi momenti penso che sia passato veramente tanto dal debutto di NXT.

Nuovo aggiornamento su Shinsuke Nakamura e vediamo che ha ricominciato a colpire il sacco con i calci, segno che il recupero procede spedito.

Match 2: Mark Andrews vs Pete Dunne (3,3 / 5)

Rematch della semifinale del torneo per il titolo Uk. Dunne parte con alcuni classici trucchi del mestiere e punta alle dita delle mani dell’avversario, mentre Andrews alza appena possibile il ritmo, usando anche uno spettacolare moonsault fuori ring trasformato in armdrag che esalta il pubblico. Pete rientra sul ring e riprende il suo lavoro molto old school sull’avversario, non risultando mai banale e piuttosto fluido nel passaggio tra una presa e l’altra, rifinisce fuori dopo un enziguri ma evita questa volta il moonsault e con un forearm manda Andrews a terra e ne approfitta per pestargli le dita contro i gradoni d’acciaio e un exploder suplex contro l’apron. Mark non molla e con una manovra acrobatica chiusa con un double stomp si prende dello spazio e con la running SSP si prende un conto di 2. Dunne para una mossa volante con un forearm e poi ottiene a sua volta un conto di due con la X-plex. Match molto fisico ora che culmina in uno scambio di enziguri, e poi Andrews mette a segno una notevole reverse rana che lascia Dunne stordito a terra al primo tentativo e poi un conto di due alla seconda esecuzione in modo più ortodosso. Pete cerca la sua finisher, la Bitter End, ma viene rovesciato in culla da Mark che poi colpisce con una stunner acrobatica che sembra aprire lui la strada per la Shooting Star Press, ma Dunne alza le ginocchia al momento giusto per parare il colpo e colpire con la Bitter End che gli regala la vittoria.

Vincitore: Pete Dunne

Billie e Peyton festeggiano la vittoria e si preparano al match di settimana prossima contro Asuka e le due australiane sono sicure che sarebbero già campionesse se non fosse stato per Nikki Cross e settimana prossima porteranno il titolo in Australia.

Settimana prossima: rivedremo in azione Patrick Clark e la sua Experience, inoltre Asuka vs Peyton Royce per il titolo femminile e #DIY vs The Authors of Pain per i titoli di coppia.

Intervista a Tye Dillinger al Performance Center e il Perfect Ten ringrazia No Way Jose e Roderick Strong per l’aiuto che gli stanno dando nella sua battaglia contro i Sanity e non vede l’ora di mettersi questa guerra alle spalle una volta per tutte.

Match 3: No Way Jose vs Bobby Roode (2,5 / 5)

Ottima accoglienza per entrambi i lottatori che si affrontano in un match non valido per il titolo NXT di Roode, che lotta per la prima volta dopo la conquista del titolo a San Antonio. Fasi iniziali di studio dove Roode non è impressionato dai balletti di Jose e lo prende anche un pò in giro, ma il ballerino sa ribattere colpo su colpo e si permette qualche sfottò a sua volta. Roode cerca di girare il match a suo favore con una spinebuster come sempre eseguita da manuale che gli permette di passar al comando e impostare la sfida sui binari più congeniali.Il pubblico cerca di incoraggiare Jose per avere una reazione e il capelluto lottatore riesce a metter a segno qualche colpo e combinazione di chop e pugni, e una uranage arriva a fargli ottenere un conteggio di 2 dall’arbitro. Il ballerino riesce anche a metter a segno il suo pugno micidiale, ma Roode è scaltro nell’uscire dal ring non appena subito il colpo e, nell’attimo in cui rientra fra le corde, metter a segno d’improvviso la GLORIOUS DDT che gli vale la vittoria.

Vincitore: Bobby Roode

Post match Roode decide di continuare ad attaccare Jose, infierendo sul ginocchio destro dell’avversario, ma arriva Kassius Ohno di gran carriera e fa allontanare il campione dal ring che prende un microfono e gli chiede chi diavolo si crede di esser per poter arrivare e interromperlo. Kassius risponde che il pubblico di NXT sa benissimo chi sia e sa anche che Roode lo conosce e sa che non è uno con cui aver problemi: è già stato su questo ring in passato ma ora ha viaggiato per tutto il mondo raggiugengo sempre ciò che otteneva ma aveva qualcosa di non concluso e Roode ha ciò che vuole ovvero il titolo NXT. Roode finge di piangere e dice con sarcasmo di esser toccato da questa storia ma ha di fronte un campione che lotta e non c’è bisogno di aspettare e potrebbe anche metter in palio la cintura subito. Ovviamente è tutta una manfrina e Roode colpisce al ginocchio Kassius ripetutamente ma Ohno si riprende e con una serie di gomitate, un lancio della scarpa e una clothesline manda Roode fuori ring e chiudendo in piedi al centro del ring la puntata.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
7
Qualità promo
6
Evoluzone storyline
6,5
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.