Si prospetta un’altra scoppiettante puntata di NXT, con la battle royale femminile per il quarto posto nel match femminile di Takeover Houston e un signor main event.

Pubblicità

Prima della sigla, appare il GM Regal che annuncia che Nikki Cross farà parte del match di stasera viste le interferenze durante il suo match; inoltre settimana prossima gli Authors of Pain avranno il loro rematch titolato contro i Sanity, e i membri dei Sanity che non lotteranno sono banditi da bordo ring.

Sigla e siamo dentro alla NXT Arena dove si parte subito con un match di coppia.

Match 1: Oney Lorcan & Danny Burch vs Tino Sabbatelli e Riddick Moss (2,5 / 5)

Oh molto bene che mi si è dato retta con la formazione del team calciaculi per antonomasia che, visto la posa con cui arrivano sul ring, potrebbero chiamarsi i one-two punch, o cosa simile. Contro di loro i più rodati come chimica Sabbatelli e Moss ed è Riddick a trovarsi presto nell’angolo nemico e dover usare la sua forza bruta per prendere Burch e spostarlo dalla sua parte di ring. Tino tenta di continuare il lavoro del compagno ma Danny lo rispedisce al mittente con un gran missile dropkick ma l’ex giocatore di football resiste e lavora in coppia col suo socio mantenendo l’inerzia della sfida. Con una gran mossa d’agilità, Burch scivola tra le maglie nemiche e riesce a dar il cambio a Oney che, come da sua abitudine, parte sparato contro gli avversari a suon di chop e attacchi in corsa, abbatte Tino con la blockbuster ma poi viene scaraventato di forza contro il paletto da Riddick che si libera anche di Danny fuori ring e chiude il match con una interessante combo gory special\bulldog che vale la vittoria a sorpresa per il duo di ex giocatori NFL.

Vincitori: Riddick Moss & Tino Sabbatelli

Nonostante l’audio un po’saltellante, il trio al commento ci rifà vivere la interferenza di Tatyara Conti su Nikki Cross che le è costato il triple treat match di qualche settimana fa e ho come la sensazione che qualcuna cercherà vendetta stasera.

Match 2: NXT Woman Battle Royale for the Final Spot in the Fatal Four Way at Takeover Houston (2,5 / 5)

Per la precisione vi riporto tutti i nomi delle partecipanti: Rhea Ripley, Candice LeRae, Tatyara Conti, Lacey Evans, Sarah Logan, Dakota Kai, Bianca Belair, Sage Beckett, Zeda, Mercedes Martinez, Abbey Laith, Vanessa Borne, Santana Garrett, Aliyah e Reina Gonzalez. Billie Kay arriva ovviamente accompagnata da Peyton Royce mentre per ultima arriva dal pubblico Nikki Cross con occhiali alla John Lennon e va ovviamente a cercare subito la Conti mentre parte la rissa per tutto il ring. Nikki elimina subito la brasiliana che però la prende per i pien e la trascina da sotto le corde fuori dal ring e contro le barriere, e anche Peyton Royce già che è li manda la scozzese contro i gradoni. Bianca Belair si fa notare causando le prime eliminazioni e lo stesso fa l’imponente Sage Beckett. Nikki rientra sul ring e con una plancha volante abbatte un buon numero di lottatrici ed emina poi la Bourne, la Beckett e Santana Garrett, a cui segue poco dopo Abbey Laith.Billie riesce a fermare la scatenata Nikki mentre sull’altro angolo Sarah Logan viene eliminata da Martinez e Candice elimina Rachel Evans che si era messa incautamente sull’apron. Bianca solleva di forza Candice scaraventandola fuori ring e siamo rimasti con Bianca, Nikki, Billie e Mercedes come final four. Billie si appende ai capelli di Belair per non esser eliminata dimostrando grande astuzia, ma poi si becca una serie di scudisciate che manco il faraone d’Egitto agli schiavi dalla frusta crinologica di Bianca. Nikki si aggrappa alla Kay e le due rotolano fuori ring dalla corda centrale e non sono quindi eliminate mentre sul quadrato Bianca cerca di eliminare Mercedes che tiene però botta con grande coraggio e forza e con un big boot in corsa fa quasi eliminare l’avversaria che però si blocca sull’apron. Le due lottano sull’apron ma Nikki di gran carriera le manda fuori ring entrambe; Billie cerca l’eliminazione a ruota ed è convinta di aver eliminato Cross che però è abbarbicata alle corde e al tentativo successivo viene a sua volta ribaltata fuori ring da Nikki che diventa la quarta qualificata al Fatal Four Way.

Vincitrice e qualificata al Fatal Four Way: Nikki Cross

Appare un Regal selvatico sul ring con la cintura e Peyton e Nikki si mettono a discutere ma arrivano prima Ember Moon e poi Kairi Sane sul quadrato a rivendicare la cintura ma fino a quando saremo in Texas la cintura non sarà assegnata e una volta li che vinca la migliore.

Andiamo al Performance Center dove qualche giorno fa Drew McIntyre si stava preparando per un tour promozionale per NXT quando viene interrotto di nuovo da Zelina che si lamenta del fatto che Andrade non ha ricevuto il contratto per il match ma il campione le ricorda che si deve presentare lui di persona a chiedere e non mandare la sua galoppina a fare il suo lavoro sporco.

Ora sarebbe il momento di un match di Aleister Black ma, dalle nebbie del suo ingresso appare dietro di lui The Velveteen Dream che lo fa schiantare contro i gradoni e poi lo lega alle corde chiedendogli di ripetere il suo nome;l’olandese si rifiuta e si becca un paio di solidi schiaffoni ma poi si libera e con il tentativo di Black Mass fa scappare il suo avversario;il commento parla di schivata della mossa ma per me è solo scappato..

Roderick Strong è pronto e carico ad entrare sul ring per il main event di serata.

Match 3: Andrade Cien Almas vs Roderick Strong (3 / 5)

Prima del match Zelina ribadisce ancora una volta la sua pretesa di una shot titolata per il suo assistito e teme che al campione stia un pò mancando l’aria e abbia paura di Almas. Nuovo lettering per il titantron di Strong e mi piace abbastanza, son quei dettagli che fan la differenza. Partenza molto veloce con i due lottatori che cominciano subito molto aggressivi e decisi a prendersi fin da subito dei vantaggi importanti e la battaglia si sposta sull’apron ed è Strong a prender lo spigolo sulla schiena per una volta, lui che è famoso per i backbraker. Il messicano prende il comando delle operazioni e usa anche le corde per una armbar ed è chiaro che il suo piano partita sia attaccare il braccio sinistro di Strong che tiene bloccato in una lunga presa a centro ring. Roderick risponde lanciando l’avversario fuori ring e poi riattaccando con un big boot, prima di accender la macchina dei chop e chiudere la combinazione con un leaping lariat e una gutbuster. Almas non si arrende e riprova la armbar tra le corde ma Strong la contrattacca con una sottomissione a sua volta. Roderick connette con l’enziguri e la backbreaker sull’apron per un conto di 2 e prosegue poi i suoi forearm ma Andrade si erge sul paletto e colpisce con la Tornado DDT che vale un due e mezzo, stesso risultato che ottiene dopo la doppia ginocchiata in corsa al paletto. I due si scambiano forearm e gomitate in giro per il ring ma Strong colpisce con la ginocchiata in corsa e la Angle Slam che manda fuori ring l’avversario che ricolpisce con un doppio calcio in corsa. Tutto sembra volgere verso Roderick quand’ecco che la Vega con una hurracanrana in corsa dall’apron lo manda a sbattere contro i gradoni d’acciaio e questo permette a Almas di riportare l’avversario sul ring e chiudere con la Hammerlock DDT vincente.

Vincitore: Andrade Cien Almas

Post match Andrade e Zelina vanno al tavolo di commento e si rivolgono ancora a Drew e lo invitano settimana prossima a un incontro faccia a faccia direttamente sul ring. Una volta allontanatisi i messicani, rimane Strong solo sul ring ed arrivano gli Undisputed Era a fargli compagnia sul quadrato ed è chiaro come stiano provando a reclutando, giocando questa volta la carta della famiglia da non deludere. Il pubblico sembra convinto dalla proposta di Cole che lascia come promemoria una della sue fasce: Strong la tiene stretta tra le mani e non la restituisce, probabilmente vuole pensare seriamente alla proposta dei suoi ex colleghi in altri lidi.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità match
6,5
Qualità promo
6,5
Evoluzione storylines
7
Marsupilami
Reporter ufficiale di NXT, improvvisatore. non digerisce i peperoni, fan appassionato di Deadpool, fine umorista, fedele alla chiesa di Santo Stefano Curry e delle sue caviglie di cristallo da prima che molti di voi lo conoscessero.