Il titanic è la metafora più usata per parogonare l’attuale TNA: una nave che sta per affondare, anche se continua ad andare avanti pur essendo sempre più diretta al fondo del mare rispetto a nuovi orizzonti. Tuttavia, se devo usare una metafora per parlare degli ultimi anni della promotion, la paragono alle porte girevoli di un edificio. Diversi cambi di network, nuovi sponsor e sponsor persi, uscite ed ingressi nel creative, ma soprattutto un roster in continuo cambiamento con gente che esce e con gente che entra. Tutte le divisioni sono state colpite, ma oggi voglio soffermarmi su una in particolare, che questa settimana sarà nel main event di Impact. Le Knockouts,categoria che in TNA ha sempre goduto di una discreta gestione, sia negli anni buoni e sia in quelli più cattivi.

 

Analizzando soltanto il 2016, la categoria ha perso gente come Awesome Kong, che ha litigato con Queen Rebecca in Inghilterra ed ha quasi rischiato di farle parecchio male. Velvet Sky ha deciso di lasciare la federazione per lottare nelle indy, dopo aver cercato probabilmente di approdare in WWE dove già si esibiva il buon Bully Ray. La Terrell non è più tornata on screen, una delle migliori heel che avevano e che ha deciso di smettere col wrestling poiché contrastava la sua incredibile fede nel cristianesimo. Nomi importanti come Rebel (sarcasm allert)

 

Tuttavia, la categoria ha visto anche diversi innesti partendo dall’ultima arrivata Brandi, ancora troppo acerba sul ring ma che grazie agli insegnamenti del marito Cody (il cui cognome non può esser nominato a meno che non si ha voglia di ricevere una lettera dai legali della WWE) potrà migliorare sicuramente. Abbiamo anche Laurel Van Ness (aka Chelsea di TE) che ha dimostrato di poter essere una buona heel insieme a Maria Kanellis, pur avendo ancora bisogno di sistemare alcune cose del suo stile di lotta. La stessa Kanellis che si sta imponendo come una ottima top heel nella categoria. Sienna ed Allie sono altre due ottime aggiunte: la prima sa lottare ma pecca di carisma, la seconda sa fare entrambe le cose ma è andata over perchè fatta passare come la stupida ed inetta assistente personale della Kanellis, quando in realtà è una signora lottatrice. Altra aggiunta importante può anche essere Rosemary, che solo adesso sta iniziando a considerare di entrare nel giro titolato, dopo aver portato la Decay in cima alla categoria tag team della promotion.

 

Lottatrici che se ne sono andati, altre sono arrivate ma c’è chi ha deciso di rimanere: Madison Rayne che ormai è nel creative della federazione ed aiuta le colleghe ad andare over. Marti Bell che ha saputo migliorarsi,dopo un poco entusiasmante inizio di stint in TNA nelle dollhouse. Jade che finalmente ha ottenuto il suo più che meritato push in singolo, avendo l’opportunità di dimostrare tutto il suo talento sul ring. Infine rimane Gail Kim, prima HOF donna della TNA, che rimane il volto della categoria e nonostante l’età continua a dimostrare di essere una delle miglior performer del business.

 

Ho citato la Kim per ultima non a caso, perchè è proprio “colpa” sua se nel main event della puntata di Impact di questa settimana avremo un six side of steel match per sancire la nuova campionessa delle Knockouts: da una parte abbiamo Jade, dall’altra abbiamo Rosemary, al suo primo match titolato in TNA. Due stili diversi sul ring, due personaggi completamente diversi che però potrebbero dare vita ad un ottimo match, aiutate anche dalla stipulazione speciale, che si lega bene al personaggio violento di Rosemary, che nelle indy ha già lottato in match del genere.

Il feud fra le due è iniziato da poche settimane ed è scaturito dall’attacco della Death Dealer nei confronti di Gail Kim e Jade, che aveva appena ricevuto un pesante endorsement da parte della Kim, che la vede come la sua erede nel business. Ed infatti Rosemary si è posta come obiettivo quello di far fuori la prescelta della Kim, dopo aver “infortunato ulteriormente” la lottatrice di origini coreane.

 

Personalmente opterei per una vittoria di Rosemary, così da averla più coinvolta nella categoria ed allo stesso tempo per vedere la concretizzazione dello scenario che ho proposto diverse settimane in un articolo sulla Decay (se non lo avete letto vi consiglio di andarlo a recuperare..tanto avrò messo il link da qualche parte) e perchè son convinto che per un paio di mesi le due andranno avanti fino al ritorno della Kim, che spero finisca per portare ad un feud fra Gail e Rosemary, storyline che personalmente potrebbe riportare interesse intorno alla categoria femminile, che ha bisogno di un grande feud dai tempi di Gail-Kong, a mani basse il miglior feud femminile in TNA. Inoltre, già ai tempi occuparono il main event di una puntata di Impact, senza avere il bisogno di una “Womens Revolution” per capire che anche le storyline femminili possono avere la stessa importanza di quelle maschili.

Mauro Chosen One
Nato in un paesino sperduto fra la nebbia della bassa Bergamasca, scrive per Zona Wrestling da 3 anni. Newsboarder, reporter di Impact, co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno", editorialista quando vuole. Tifoso sfegatato della Juventus e del Liverpool. Si ritiene un gran fan di Edge,Scott Steiner, Gail Kim, Emma, Bobby Roode, AJ Styles, Eli Drake, ECIII, Mike Bennett e probabilmente l'unico che sopporta Mojo Rawley in Italia. Sogna di diventare il nuovo Ron Burgundy.
  • Alessio Massa Micon

    Gran bell’articolo, spero ne farai altri sulla TNA

  • Condivido le tue osservazioni sulle Knockout