La ROH compie 16 anni e a darci il benvenuto è ‘The Enforcer” Bully Ray, che scalda il pubblico e ricorda a tutti che ”this is not sports entertainment, this is R-O-H!”.

Pubblicità

Anche Colt Cabana e Ian Riccaboni ci danno il benvenuto presentandoci tutti i match in programma. Si partirà con Hiromu Takahashi che se la vedrà con Flip Gordon.

Hiromu Takahashi VS Flip Gordon (3,3 / 5)

Un opener molto divertente e secondo me anche una sorta di test per vedere come se la potrebbe cavare Flip Gordon nella divisione Junior Heavyweight della NJPW. Già durante l’entrata vediamo Hiromu giocare in compagnia di Daryl (non il suo, quello di una fan), che poco dopo utilizzerà anche come arma impropria fino a che Todd Sinclair non lancerà malamente il pupazzo verso il pubblico. Divertente anche vedere Hiromu che si mette a ballare mentre Flip Gordon esegue la sua versione del ‘worm’. Hiromu resiste prima ad una Falcon Arrow eseguita in modo perfetto, poi alla Star-Sprangled Stunner e riesce ad evitare la 450 Splash girandola in un Roll Up che si ferma però sul due. Ha la meglio Takahashi dopo aver eseguito la sua Time Bomb, nonostante Gordon abbia davvero fatto di tutto per vincere e non abbia botchato nulla, a differenza degli ultimi eventi.

WINNER: Hiromu Takahashi

 

Marty Scurll VS Punishment Martinez (3,5 / 5)

Scurll questa sera ha optato per il viola, fregandosene di qualsivoglia superstizione teatrale. Un incontro disputato con molta intensità e dopo pochi secondi vediamo già Martinez lanciarsi fuori dal ring, con Scurll che invece punta più sulla tattica e attacca ferocemente le gambe del gigante. Spettacolare la Springboard Senton di Martinez e la seguente Suicide Dive. Scurll recupera da sotto il ring la borsa con dentro la sua ‘polvere magica’ che nelle scorse settimane lo aveva aiutato a uscire vincente da diversi match. Questa volta però la borsa è vuota, Scurll fa finta di averne piena la mano e Martinez si fa coglionare chiudendo gli occhi e venendo colpito da un calcio nelle parti basse, l’arbitro non vede e Scurll va per il pin!

WINNER: Marty Scurll

 

Kenny King VS Silas Young (2,8 / 5)

Match stranamente non annunciato e che va a replicare pari pari il match fatto dai due durante l’episodio di due settimane fa di ROH Tv. Sicuramente i due hanno lottato bene, ma come nel match disputato durante i taping non sono riusciti a far sì che lo spettatore si sentisse ‘dentro al match’. In più l’incontro è durato davvero davvero troppo. King si conferma campione Tv con la sua Royal Flush, con Silas Young che potrebbe venire dirottato nella 6-Men division in compagnia di Milonas e Beer City Bruiser oppure potrebbe anche lasciare la ROH, se le voci di un paio di mesi fa che lo vedevano vicino a NXT dovessero avverarsi.

WINNER and still ROH Tv Champion: Kenny King

Nel post match compare sullo stage Austin Aries con in mano svariate cinture compresa quella di Impact (che non è stata però nominata al commento) e dice che il titolo Tv è l’unico che non ha vinto in ROH, sfida aperta quindi per Kenny King, probabilmente in occasione di Supercard Of Honor.

 

SoCal Uncensored (Daniels, Kazarian & Scorpio Sky) VS The Hung Bucks (Adam Page, Nick & Matt Jackson) (4 / 5)

Tantissima azione. Dall’inizio alla fine. Per i nostalgici dell’hardcore sono state utilizzate le seguenti armi: bidoni (i SoCal se li sono portati da casa), sedie, tavoli, scale, un bastone da Kendo, una cintura chiodata che non so da dove sia uscita e perfino le transenne.

L’intervento di Shane Taylor è stato fondamentale nella vittoria dei SCU, vedremo quali risvolti avrà nella storyline SCU vs. Bully Ray. L’Enforcer interviene solo a fine match quando Marseglia e TK O’Ryan arrivano per prendersela con i Bucks, mentre Page è legato all’angolo e non può far nulla.

Con questa vittoria Christopher Daniels si laurea Grand Slam Champion. Gli Hung Bucks perdono, ma non senza combattere. Se dai fratelli Jackson ormai si è abituati e quasi assuefatti alle loro eccellenti prestazioni, Page sta facendo bene in qualsiasi ambito e sta mostrando sempre più sicurezza sul quadrato. Una sua futura vittoria contro Jay White per il titolo US della NJPW non mi sorprenderebbe.

WINNERS and new ROH 6-Men Tag Team Champions: SoCal Uncensored

 

Cody VS Matt Taven (2,8 / 5)

Taven si ritrova con le spalle scoperte visto che il Kingdom ha avuto qualche problema con Bully Ray nel match precedente. Invece Cody può contare sul supporto di Brandi e della sua mascotte: Bury The Bear. Anche in questo caso, come in King vs. Young, devo dire che il match che i due hanno avuto in Tv ha dato spunti migliori di questo. Arriva e supera la sufficienza ma è pur sempre il vecchio caro blando e piatto Cody. Ottimo a fare l’heel, certo, ma bravissimo anche a farmi pensare ”oddio, ma quando finisce sto match?”. Vince Cody che quindi chiude presumibilmente la sua rivalità con Taven, riprendendosi il suo anello e preparandosi alla sfida con Omega.

WINNER: Cody

Nel post match Bury The Bear attacca Cody e si rivela essere Kenny Omega! Esegue la sua V-Trigger su Cody. Brandi gli va faccia a faccia e.. bacia Kenny! La situazione ‘baci rubati’ ora è sul pari, dopo il bacio a tradimento dato da Cody a Ibushi durante la seconda notte di Honor Rising. Come successo poco prima con King vs. Young, non è il match ad essere al centro dell’attenzione, ma l’angle che lo segue.

 

The Briscoes VS Motor City Machine Guns (3 / 5)

Posso dirmi felice ma deluso allo stesso tempo. Un grande traguardo per i Briscoes che raggiungono il nono titolo di coppia, ma vengono un pò offuscati da una prestazione al di sotto delle aspettative. Non c’è stata una storia nel match, nonostante i presupposti ci fossero tutti. Abbiamo assistito a diversi spot di valore ma neppure i fan che erano li ad assistere al match dal vivo sembravano essere molto eccitati a riguardo. Per quanto riguarda la questione face/heel conti relativamente in ROH, sembra che il pubblico fosse confuso su chi supportare. Un altra cosa che non ho apprezzato è stata la durata del match; un quarto d’ora passa veloce se c’è una storia nel match, in assenza di essa non capisco perchè continuare ad arrivare al conto di due con un pubblico che non risponde come dovrebbe e non per colpa sua. Una cosa bella di questo incontro? I Briscoes che vincono.

WINNERS and new ROH World Tag Team Champions: The Briscoes

 

Dalton Castle VS Jay Lethal (4,3 / 5)

Un match davvero ottimo. Entrambe le parti hanno dato e rischiato tutto, partendo piano, studiandosi, per poi avere una escalation man mano che il match progrediva. La storia raccontata in questo match ha visto un Lethal provarle tutte e Castle rialzarsi sempre. E’ stato epico vedere uno dei Boy di Castle in braccio all’announcer Bobby Cruise, che lo lancia via schifato per vedersi fiondare addosso Jay Lethal con una Suicide Dive. Assurdo il German Suplex eseguito poco dopo sull’apron verso il fuori ring da Castle con Lethal che atterra letteralmente di collo. Vince Castle dopo essere riuscito ad eseguire la sua Bang-A-rang e mantiene così il titolo confermandosi campione. Un gran bel modo per chiudere questo 16esimo anniversario.

WINNER and still ROH Champion: Dalton Castle

Nel post-match si presenta Marty Scurll che reclama una title shot per la cintura di Dalton Castle e Bully Ray dice che il britannico ha dimostrato di poter sfidare il campione massimo dopo che ha battuto Punishment Martinez. Il main event di Supercard Of Honor vedrà quindi Dalton Castle difendere il titolo contro Marty Scurll.

Un evento a tratti ottimo, la media matematica dice 7, ma in realtà questo evento meriterebbe un voto più alto. Si delinea la card di Supercard Of Honor, con King che affronterà Austin Aries e la costruzione di Cody vs. Omega che continua mentre Scurll raggiunge la tanto agognata title shot al titolo ROH.

 

RECAP

  • Hiromu Takahashi batte Flip Gordon in 12:24
  • Marty Scurll batte Punishment Martinez in 10:43
  • Kenny King batte Silas Young in 14:39
  • SoCal Uncensored battono The Hung Bucks in 18:50
  • Cody batte Matt Taven in 14:15
  • The Briscoes battono The Motor City Machine Guns in 13:41
  • Dalton Castle batte Jay Lethal in 26:04
VIAzw
FONTEzw
Irish Tommy
Ho 27 anni, seguo il wrestling dal 2001, newsboarder, reporter di ROH e di Lucha Underground. Appassionato di libri, criminologia e musica.Promotion seguite: RoH, Lucha Underground, NJPW e WWE. Wrestlers preferiti: Eddie Guerrero, Chris Benoit, Brock Lesnar e Steve Austin.