Pubblicità

22.02.2014 – Kill Steen Kill

Andrew Everett vs. Cedric Alexander (3/5)
Un bel match ma non di più, arricchito da una buona fase finale. Molto più solido Alexander come wrestler (occhio che questo diventa un fenomeno), il quale neutralizza bene gli svolazzi dell'avversario nella prima parte, conducendo per gran parte del match. Everett viene fuori, spinto dal pubblico (diviso, comunque) e prova più volte a portare a casa la vittoria. Ci va vicinissimo con 630° Senton Splash ma Alexander alza le ginocchia d'esperienza e capitalizza con una Backbreaker, davanti a Roderick Stong al commento (un caso?)
Vincitore: Cedric Alexander

Viene annunciato un match per il titolo TV per la settimana prossima: Tommaso Ciampa vs. Hanson, vincitore del Top Prospect Tournament. Il campione avverte lo sfidante che se vuole quel titolo, dovrà ucciderlo, perché non lo cederà…e Tommaso non è uno che muore facilmente.

Kevin Steen vs. Kyle O'Reilly (4/5)
Quando metti due atleti del genere sul ring, non ti può non scappare il matchone. Steen gioca inizialmente con Kyle, sbeffeggiandolo a più riprese ed impedendogli una qualsiasi offensiva. O'Reilly non è però un lottatore da sottovalutare e si vede, poiché demolisce Steen pian piano, focalizzandosi sulla spalla e sul braccio sinistro. Ad ogni offensiva di Steen c'è una controffensiva letale di Kyle. Nel finale si risvegli Mr. Wrestling e vediamo un'ottima fase di near falls, dove entrambi i lottaotir provano a chiudere l'incontro: Steen con delle mosse devastanti (es. Powerbomb sull'apron, Senton dal paletto) e Kyle capitalizzando tutto il buon lavoro fatto durante il match (le Cross Armbreaker e le varie counter sono eseguite alla perfezione). A "rovinare" il match ci pensa Cliff Compton demmerda, il quale prova a distrarre Steen e ci sta per riuscire ma Kevin è un osso duro ed esce dalla terza (!!!) Armbreaker del campione di coppia, chiudendolo nella Sharpshooter e sottomettendolo al centro del ring.
Vincitore: Kevin Steen
Finalmente Compton e Steen vengono alle mani, sbarazzandosi della security. Mr. Wrestling sembra poter controllare ed è sul punto di distruggere il rivale con un Package Piledriver sul tavolo. Cliff si libera della presa con alcuni Low Blow ed, incredibilmente, va a segno con un Superfly Splash su Kevin, posizionato sul tavolo, distruggendo tutto e mettendo un grosso punto esclamativo sulla loro rivalità (che sfocierà presto in un match, credo senza squalifiche).

Cosa mi è piaciuto: il lottato, soprattutto il main event
Cosa non mi è piaciuto: /

===============================================================================

01.03.2014 – Lethal vs. Styles

Michael Elgin raggiunge il ring e prende il microfono. Unbreakable dice di avere due obiettivi: diventare ROH World Heavyweight Champion e distruggere Matt Hardy, tanto da farlo uscire dall'arena in barella. Purtroppo Hardy non è presente stasera, poiché ha preferito rimanere altrove invece di affrontarlo. Per cui stasera niente gli impedirà di celebrare i 12 anni di vita della Ring of Honor (sono immagini tratte dal ppv 12th Anniversary n.d.r.), la migliore compagnia al mondo, la quale dà a tutti una possibilità di diventare qualcuno d'importante. Ogni volta che vede lo show dal backstage, può facilmente notare chi diventerà presto una star della compagnia. Stasera vuole testare una di queste star emergenti e chiama fuori Raymond Rowe, per provargli di essere degno della ROH e di provarlo a sé stesso. Rowe esce dal backstage e parte questo match.

Michael Elgin vs. Raymond Rowe (3/5)
Match molto fisico tra i due atleti più potenti della federazione. Elgin è la solita macchina distruttrice e domina ampiamente il match; Rowe non è però da meno, riuscendo a resistere alle migliori offensive di Michael (molto bello il non-sell dopo alcune mosse, esempio il Lariat…ha infiammato il match). Elgin però è una furia e distrugge Raumond con una Buckle Bomb sulle transenne, prima di finirlo con la Powerbomb sul quadrato. Nonostante tutto, Rowe ha guadagnato il rispetto di Elgin con una gran prova: non una cosa da tutti.
Vincitore: Michael Elgin
Dopo la stretta di mano tra i due, Adam Cole irrompe e prova a colpire Elgin alle spalle. Unbreakable non cade e si prepara a restituire il favore. La "fortuna" del campione si chiama Michael Bennett, il quale irrompe sul ring e stende i due face con altrettanti low blow, capovolgendo la situazione in favore di Cole. Ma non finisce qui: arriva sul ring anche Jay Briscoe, il quale se la prende con Bennett, spedendolo fuori dal quadrato senza troppi complimenti, mentre Cole se la dà a gambe.
Dopo la pubblicità, abbiamo sempre il Briscoe sul ring, stavolta con un microfono in mano. Jay si rivolge a Nigel McGuinness, dicendo che tutti nell'arena vogliono vedere il SUO WHT difeso stasera. Fa quindi partire un match per il World Title (ovviamente quello di Jay, non l'originale) tra lui e Bennett.

Jay Briscoe vs. Michael Bennett (2/5)
Parte come un lungo brawl all'esterno del ring, per poi tornare ad essere un match di wrestling. Non mi ha emozionato, devo dirlo, in più nel finale abbiamo lo stesso copione di Fish/Briscoe di qualche settimana fa. Vince Jay, con la Jay Driller, dopo essere andato vicinissimo alla sconfitta a causa di un Low Blow, con conseguente Roll Up.
Vincitore: Jay Briscoe

Adam Cole si congratula con Chris Hero per essere diventato #1 Contender in così poco tempo dal suo ritorno in federazione. Prima ha messo KO sia lui che Hardy a Final Battle, poi lo ha schienato con tanta fortuna. Ma tutto ciò non gli basterà per strappargli il titolo, perché non importa quantyo grande ed abile sia Hero: non sarà mai al livello di Adam Cole. La prossima settimana avremo la resa dei conti tra i due, con il ROH World Title on the line!

Jay Lethal vs. AJ Styles (4/5)
Non c'è niente in palio ma i due danno l'anima in questo match, provando in ogni circostanza a vincere ed a dimostrare di essere migliori dell'avversario. AJ non sbaglia nemmeno il secondo match dal ritorno in federazione, anche se gli avversari proposti finora sono dei worker con i controcazzi (Strong e Lethal). Tornando all'incontro, ho davvero apprezzato la tenacia con cui i due hanno combattuto, trasmessa bene in quella serie di colpi  a metà incontro e nelle continue counter alla finisher di turno. Entrambi tirano fuori ogni arma a loro disposizione (la Lethal Combination, il Diving Elbow Drop, il Pelé Kick, ecc..) ma tutto si può risolvere solo con la finisher ed connetterla è proprio AJ, il quale ribalta un tentativo di Lethal Injection e mette a segno la decisiva Styles Clash, dopo quasi venti minuti di pura battaglia.
Vincitore: AJ Styles

Cosa mi è piaciuto: il main event e Jay Briscoe (voglio vedere dove arrivano con questa cosa del custom title)
Cosa non mi è piaciuto: Briscoe/Bennett, troppo lungo e mai veramente coinvolgente

Alla prossima settimana con la ROH, and have a nice day!
8-Bit

8-Bit
Appassionato di wrestling fin da quando trasmettevano Velocity su Italia 1, col tempo ho ampliato il parco di federazioni da seguire, tra major e indies, andando a recuperare pure federazioni storiche come la ECW (di cui ne ripercorro la storia sul mio blog). Da ottobre 2012 scrivo report per il sito: sono partito da Superstars fino a toccare un po' tutti gli show (WWE e non); attualmente mi dedico a tempo pieno a Main Event.