In WWE ci stanno provando in tutti i modi a farlo piacere. Ci stanno provando direttamente e indirettamente, scegliendo occasioni che lo possano favorire e personaggi che lo possano “salvare”. Roman Reigns però non fa click. Non accende il tifo completo, non fa vendere biglietti o merchandising. È un modello da wrestler WWE ma non lo rispecchia appieno. Perché?

Pubblicità

Partiamo dalle origini. Roman Reigns è un ragazzo che ha sempre lavorato sodo, che ha cercato di calarsi nella realtà WWE conscio che oltre al nome ci doveva essere di più. Un bene far parte di una delle dinastie più redditizie del wrestling, un bene essere associato a The Rock come un allievo che raccoglie il testimone dal maestro. Ha lavorato e sta lavorando come gli altri, più degli altri. Avere delle origini comporta che i tifosi si aspettino sempre di più, sempre di meglio. Comporta uscire ogni sera in una arena diversa, guardarsi attorno e partire all’attacco, seguendo passo dopo passo il proprio personaggio. Attorno non ci sono applausi convinti, ma fischi assordanti. Non c’è il proprio nome cantato, ma una serie di cori a sfavore. Solo una parte delle arene gioisce per le sue vittorie, per i suoi ingressi, per le sue azioni. Eppure ha tutto per sbancare il tavolo: un bel fisico, un buon personaggio, una mossa finale storicamente d’impatto, i favori della dirigenza e gli onori delle storyline. Non basta, non basta mai. Il pubblico ha cambiato pelle, cambiato volto e conoscenze: Afa The Wild Samoan lo rassomiglia al primo The Rock, ma quel Rocky Maivia ci ha messo un anno a cambiare il corso della propria carriera mentre Reigns sta vivacchiando da due anni in cerca di un appiglio a cui aggrapparsi.

La WWE non lo può sostituire. Non può girarlo heel. Non può mancare il grande e grosso che si sobbarca la federazione sulle spalle. Triple H ci sta lavorando, ma per quanto ci provi, i “suoi” campioni non hanno ancora segnato la meta: Rollins è un bravissimo inseguitore ma è anche stato un campione di carta. Non ha bisogno di una cintura per essere una star e ciò lo colloca alla destra del “wrestler tipo”; Kevin Owens sta lavorando benissimo con Jericho, ma il suo regno ha presto stufato e guardandoci indietro difficilmente riusciamo a trovare i temi che lo lasceranno in omaggio alle prossime generazioni; Sheamus non ha nemmeno lui il click giusto col pubblico pur avendo il fisico e le capacità; Dean Ambrose paga esattamente lo stesso identico problema di Rollins e quindi è da metter di lato; AJ Styles è stato “The Phenomenal” a Smackdown che, per quanto bello, nelle menti WWE rappresenta comunque un A- Show. E non è un caso che per rendere lo show blu di rilevanza A, gli abbiano succeduto John Cena e non, ponendo caso, Dolph Ziggler o The Miz o qualunque altra superstar.

Roman Reigns ha tutto. Su quel che non aveva, ci ha lavorato. Ora i suoi promo sono almeno decenti, segue a menadito le direttive del booking team, lotta come vogliono loro, quanti minuti vogliono loro, e si mantiene intatto nonostante gli sforzi fisici non indifferenti. Mentre gli altri purtroppo cadono, lui continua a correre. E più corre, più il pubblico lo fischia, più la WWE ci insiste. Il problema sta proprio qui: l’insistenza nel volerlo nelle posizioni di vantaggio. È lo stesso problema che gli fece vincere una Rumble e contemporaneamente fischiare da una arena intera, con The Rock incredulo. Ed è un problema che la stessa WWE gli ha creato, cieca nel voler puntare ogni anno sul cavallo sbagliato. Avrebbe dovuto vincere la Rumble 2014, e allora sarebbe potuto essere anche plurititolato, pluripremiato, nessuno avrebbe detto niente. Invece dopo l’infortunio hanno fatto capire dove sarebbero voluti andare a parare. Hanno bruciato le sue tappe e, assieme, hanno bruciato la stima che il pubblico aveva avuto nei suoi confronti ai tempi dello Shield. Come un Hogan o un Cena qualunque gli han fatto vincere quanto possibile, quanto desiderabile. Si è ritrovato col sedere in terra, riempito di fischi e insulti, come se fosse realmente colpa sua.

Merita questo trattamento? No. Merita di pagare colpe non proprie? No. Avrebbe bisogno di scendere di livello, di passare 8/9 mesi in storyline di medio livello. Da face o da heel non importa. Vi è la necessità di ricostruirlo, di rimodernarlo. Per The Rock venne scelta la soluzione Nation Of Domination, per lui potrebbe anche valere un turn o un approccio con personaggi di natura differente (New Day? The Club?). Ha bisogno di perdere, e a volte perdere male. Di soffrire come tutto il mondo soffre, di recuperare energie e risalire lentamente dopo aver rischiato di annegare. Di essere ridicolizzato in modo pulito da un atleta che secondo il modello WWE non dovrebbe mai batterlo: un Bobby Roode, uno Shinsuke Nakamura, un Samoa Joe. Un outsider che lo ridimensioni e gli dia una nuova posizione. Poi potrà tornare in alto, e lì il pubblico riprenderà ad applaudirlo, apprezzerà la sua purezza e il suo percorso di rinascita. Ha bisogno di una nuova possibilità, prima che venga scartato del tutto dall’universo che dovrebbe amarlo.

Corey
Dal 2007 redattore di Zona Wrestling e autore di rubriche come il Pick The Speak, Wrestling Superstars, The Corey Side, Giro d'Italia tra le fed italiane, Uno sguardo in Italia e Coppa dei Campioni. Attualmente coordinatore ad interim del sito.
  • TagliateIlPassato

    Apprezzo l’editoriale e concordo in pieno
    Roman Reigns versione 2017 potrebbe solo migliorare visto che ha dalla sua l’età ancora giovane come Rollins ad esempio o Ambrose che comunque ha qualche annetto in più
    Di certo è stato costruito male davvero,nel 2014 in corso d’opera la WWE doveva cambiare il piano anche in ring stesso e approfittarne,nel 2015 doveva transitare ancora e dargli una faida qualunque dandogli la Rumble 2016 ma sappiamo come sia andata
    Anche a livello fisico è impressionante,lavora sodo e mantiene la fatica però non basta e credo che questo ormai abbia segnato il percorso in WWE del samoano

    • Fringe

      Ambrose ha la stessa età

  • _Romanov_

    Belgl’editoriale, uno dei migliori sull’argomento più scottante degli ultimi anni. La cosa che più mi dispiace è pensare a come si debba sentire questo ragazzo, che si fa il mazzo probabilmente più degli altri e viene deriso nelle sconfitte e fischiato continuamente, nonostante il suo ruolo preveda altri “trattamenti”.

  • Broken Daniel

    Sarebbe molto bello un editoriale dove “analizzate” la gestione di Roman in questo periodo.
    Alla wwe ormai non le interessa più far tifare Roman reigns, sapete il perché?
    Perché reigns fa guadagnare, nonostante non lo “ami” nessuno è pieno di attenzioni ed alla wwe basta questo.
    Se la wwe lo fa diventare heel paradossalmente potrebbe diventare noioso è poco tifato = meno soldi

  • Lok23

    E’ quello che penso da mesi anche io. Ha bisogno di un giro bello lungo nei bassifondi per poi tornare alla carica. Ovviamente senza vincere una Rumble, altrimenti siamo punto e a capo…

  • Contro Nessuno

    Non c’era stato tempo fa un editoriale con lo stesso titolo???

    • Irish Tommy

      Reigns is everywhere.

    • Sergedge

      Ottima memoria 😀 http://zonawrestling.net/saving-private-reigns/
      Semplice coincidenza 😉 Deve essere proprio salvato.

      • Contro Nessuno

        Ho appena soffiato sulla canna della pistola. Nella mia mente. 😉

  • I’mChrisBenoitGuy

    Io credo che possa stare quanto voglia lui nella mid-card, ma quando poi tornerebbe nei piani alti, verrebbe sempre fischiato, perchè odiato e incapace(cose vere d’altronde). Credo che solo un turn heel come quello avuto a rocky maivia possa salvarlo.

  • Irish Tommy

    Posso dire platealmente ‘che due gran cojoni parlare sempre di Reigns’?
    Non ha vinto nulla alla Rumble, NULLA. Potete dormire sonni tranquilli.
    So che il web fan medio più si lamenta più pensa che le cose cambieranno ma non è cosi.
    Ha 31 anni..io direi che 8-9 titoli mondiali non glieli toglie nessuno.
    E scusate, ma dire che ”non fa vendere” è una cagata pazzesca.
    A sto punto scrivete ”a sl 4 mOsse!1!1”, ”rakkomandato di de rockk!!1!”.

    • Alberto Iizuka

      Cagata mica tanto. Sarebbe più corretto se si dicesse “non fa vendere come nelle aspettative”? Perchè tutta una fascia di fruitori del prodotto temo che ad ora se la siano sufficientemente giocata con lui.

      • Irish Tommy

        Se le aspettative sono da paragonarsi agli introiti che produce Cena ok.
        Ma vende e vende bene. Dire che ”non vende” sarebbe come dire che la WWE lo pusha per perderci soldi e no, non è cosi. It’s all about money.

        • Alberto Iizuka

          Sbaglierò ma, visto che ancora un po’ e la WWE aveva solo da sacrificare tre vergini sul suo altare, credo si aspettassero che quantomeno fosse stabilmente dietro il colosso Cena a vendite. Purtroppo quando vedi che certi HS con lui presenti hanno meno pubblico di quelli con lui presente e che oggi (dato campione discutibilissimo, eh) la sua maglia sia richiesta meno di quella di Dillinger sullo shop che venda benissimo secondo le attese è discutibile.
          Sul perchè ci puntino ancora si possono fare ipotesi. Magari giocano ancora su una certa figura di “controversial”, andando avanti per la loro strada sperando che il tempo sia clemente, o solamente non vogliono ancora buttare via un progetto su cui hanno investito oltre il normale. Certo è che ‘sto poveretto con il pessimo lancio ricevuto e le discutibili doti personali PER IL POSTO IN CUI LO HANNO COLLOCATO nella card (perchè io lo sfotto bonariamente, ma ha dei limiti pur vedendosi e vedendosi di peggio) non si è manco potuto creare una base numerosa che possa attutirne i fischi (Cena docet). Vedremo.

          • Irish Tommy

            Raccoglieranno con il tempo.
            Nello shop se non sbaglio 2-3 mesi la t shirt che vendeva di più era quella di Ellsworth, ora Dillinger perchè ha fatto sta comparsata alla Rumble(finirà presto la cosa), in fin dei conti non è quanto vendi in un mese ma quanto vendi nel lungo periodo.
            Secondo me ci puntano ancora perchè ci hanno investito troppo.
            Anche io lo vedrei meglio nell’uppercard che nel mainevent ma depusharlo ora creerebbe solo un altro Swagger o un altro Miz(con molto meno carisma) quindi penso preferiscano perseverare in ciò che stanno facendo. Conta anche che, nel bene o nel male, si parla spesso e sempre di lui.
            Non ha il carisma necessario per fare da campione, ma sul ring non lo vedo scandaloso come dicono alcuni, sarà che non mi aspetto dei moonsault, sarà che io mi ricordo come fosse ieri quando Khali è diventato campione mondiale.
            Il tempo ci dirà. Nuovo The Rock o nuovo Swagger.

          • Alberto Iizuka

            Si parla di spesso di lui e si prende più critiche perchè al centro dell’attenzione dove lo hanno messo, come avviene in tutte le cose.
            Guarda Corbin. Manco lui è un fenomeno, ma pushato bene viene digerito meglio (e prevedo comunque critiche pesanti future, è il gioco delle parti). Così dovevano fare.

    • TheMoneyMaker

      Fa figo criticare Reigns, è così, che tristezza…

      • Irish Tommy

        Già, oltre a ciò è la mancanza di un giudizio critico proprio che mi fa venire i nervi.
        A me non piace, character anonimo e che non si è mai evoluto, promo da 6- e poco carisma.
        Si può anche dire che ha bisogno del giusto avversario per fare un buon match a livello tecnico.(ma in fin dei conti il match si fa sempre in due)
        Sentire cose come ”è incapace” oppure ” non vende bene”, mi suonano come luoghi comuni abbastanza stupidi e poco razionali.

        • TheMoneyMaker

          Lo criticano ma se gli chiedi il perché ti rispondono con i soliti “non sa parlare e lottare” come se un 2 metri per 110 kg debba saper fare una 630º senton.

          • Irish Tommy

            Esatto, ma poi con tutti i big men semi-immobili che ci sono stati non vedo perchè lamentarsi del lottato di Reigns.
            Voglio dire.. Batista era una chiavica sul ring per dirne uno

          • TheMoneyMaker

            Batista, Goldberg erano dei bidoni nel ring, ma sono venerati come Dei, e non ci credo alla storia del perché furono costruiti bene, erano scarsi nel ring e osceni da vedere.

          • Irish Tommy

            Beh, Goldberg al debutto era stato costruito bene come character, uno spaccaculi a cui non serve nemmeno parlare, ma una costruzione simile alla sua non sarebbe controproducente oggi giorno. Altri tempi.

          • Irish Tommy

            *sarebbe

          • Vick

            Inutile tirar fuori Goldberg e Batista! È vero, Roman è la copia sputata di questi due messi insieme, anzi è pure leggermente meglio sul ring, ma i due sopracitati sono esistiti in tempi diversi! Allora il wrestling era preso molto più alla leggera. Poi diciamoci la verità, ai tempi molta gente pensava più a Trish Stratus o Torrie Wilson, comprando paia di occhiali su paia di occhiali, se capite cosa intendo. Se Roman Reigns fosse venuto fuori in quel periodo, sarebbe stato un dio oggi! Il povero Joseph purtroppo soffre di quello che definirei “odio da riflesso”. Lui fa solo il suo dovere, ma viene odiato per le scelte sbagliate fatte da altri. Al giorno d’oggi la gente (come stiamo facendo noi d’altronde) analizza i match, i suoi protagonisti, le storie, le mosse etc. Non si accontenta più di 3/4 mosse per vincere. Vuole un grande spettacolo con i giusti protagonisti. Il talento non passa più inosservato.
            Poi si dovrebbe fare una netta distinzione, quello odiato è Roman Reigns, in quanto personaggio, in quanto rappresenta le scelte sbagliate di qualcuno e non Joseph Anoa’i, che è solo un uomo che sta lavorando.
            Infine, uno dei fattori che secondo me, hanno contribuito a far odiare Reigns da moltissima gente, è il fatto che, ragazzi ben più talentuosi, abbiano dovuto jobbare a lui per mesi come il povero Rollins, oppure Owens, oppure Aj Styles ed anche Rusev per quanto mi riguarda.
            Quando ho saputo che Samoa Joe ha debuttato a Raw, la prima cosa che mi son detto è stata “Speriamo che non venga mandato in pasto a Roman”. È diventata una presenza ingombrante ormai. È questo che secondo me lo rende tanto odiato. L’ultimo tentativo che si può fare, per cercare di salvarlo, è il turn, e qualche colpo di genio, che inizi a farlo apprezzare anche da cattivo (un po’ come lo era nello shield d’altronde), solo allora si potrà riprovare a riproporlo come top Face.

          • Irish Tommy

            ”i due sopracitati sono esistiti in tempi diversi”

            Ho per caso detto che Batista e Goldberg sono due giovani in rampa di lancio? No. Ho detto ”altri tempi”.
            E comunque c’era chi dava spettacolo anche nel ’95, non era la gente che ”era distratta dalle divas”, semplicemente veniva promosso e ‘sponsorizzato’ un certo tipo di wrestler con un certo tipo di fisico. E gli anabolizzanti non ti fanno volare il più delle volte.
            Un favore, non chiamarlo Joseph, fa tanto groupie di Justin Bieber.

          • Vick

            Ma hai letto qualcosa di quello che ho scritto?
            Ho scritto che Batista e Goldberg, che erano pippe, ma erano amati comunque perché erano tempi diversi e la gente era diversa. Chi ha mai detto che tu abbia detto che sono due giovani in rampa di lancio?
            E comunque so che c’era chi dava spettacolo nel ’95, altrimenti il wrestling non sarebbe così tanto famoso oggi. Ho semplicemente detto che la gente faceva meno “analisi” rispetto a quanto facciamo noi oggi, grazie a o per colpa di (dipende dai punti di vista) internet. Ai tempi di Batista o Goldberg anche Roman Reigns sarebbe stato tifatissimo. È una sorta di persona giusta, ma nel momento sbagliato.
            Poi l’ho chiamato Joseph per distinguerlo da Roman, nel senso di “uomo” e “personaggio”.

          • Irish Tommy

            Era per dire che era qualcosa che si era già detto, paragonandolo a Batista e Goldberg.
            E avevo già scritto che erano ‘altri tempi’.
            Comunque sia, è odiato per moda ora e perchè è stato pushato alle stelle prima, indifferentemente da chi abbia battuto durante il push.
            Chiamarlo per nome faceva tanto ambiguo, ecco.

          • Vick

            Hahahhahah siamo noi che abbiamo menti maliziose.
            Diciamo che, almeno secondo me, non è ANCORA, odiato per moda! Cioè, se tu lo vedi entrare come numero 30 ad una Rumble, già un po’ moscia di suo, ti sale il nazismo no?
            Poi vabbè sono punti di vista. Io per esempio lo detesto quando subisce e subisce e comunque alza sempre quella maledetta spalla! Io sono convinto che per riflesso condizionato, alzerà la spalla perfino nella tomba! A volte mi da tanto l’idea di quei bambini che fingono di fare la lotta, e uno dei due vuole vincere per forza, quindi non finge nemmeno di subire i colpi!
            Se la sua gestione non fosse così “sono figo e sono forte e vinco sempre” mi piacerebbe parecchio! Inoltre ha come mossa finale una delle mie preferite!
            Non riescono a trovare il giusto equilibrio tra il “Subisco tutto il match e vinco con 5 mosse” (come il peggior Cena) e il “Non subisco mai e c’è bisogno di un esercito per abbattermi”. Una via di mezzo magari… sarebbe meglio!

          • Irish Tommy

            In realtà no. La sua entrata ha ravvivato una Rumble che aveva poche idee, il farlo entrare come numero 30 mi ha fatto prendere malissimo. Diciamo che nel male ha fatto qualcosa di buono, se mi avessero detto 4-5 mesi fa che Orton avrebbe vinto la Rumble mi avrebbe deluso ma cosi facendo(e non avendo vincitori all’altezza) penso sia stata una buona mossa di booking.
            Se lo facevano vincere tutt’altra cosa.
            E’ un face che fa cose da heel, ma che non può fare l’heel perchè se no sarebbe face.
            Sul riflesso condizionato mi hai fatto venire in mente un video della NJPW dove Jushin Liger si aggirava per l’hotel dove risiedeva tutti i wrestler e gli andava a pinnare nel sonno per vedere la loro reazione: Okada è uscito dal conto di due dell’arbitro nel sonno, giusto per dire.
            Sulla mossa finale devo dissentire. Oggi giorno vediamo spesso mosse finali del passato usate ‘normalmente’ durante un match, basti pensare alla Frog Splash o al Super Kick. Ecco, la Spear dovrebbe far parte di questa categoria, come mossa finale non mi piace, è già stata usata troppo.(Rhyno,Edge,Goldberg,ecc..)
            Il superman punch è una cagata e basta. Spero lo tolgano, mettetegli una variante di qualche powerbomb perchè appare veramente ”finto”.

          • Vick

            Hahahhahahah no vabbè, la cosa di Okada mi ha ucciso hahahhahha. Comunque sulla mossa finale è che la Spear (almeno come la faceva Goldberg) mi ha sempre dato un senso di potenza incredibile! Poi, molte mosse sono state inflazionate, quindi hanno perso il loro tocco! A me piace pensare che chi usa una determinata mossa come mossa finale, è perché la sappia far meglio, giusto per non razionalizzarlo troppo il wrestling. Il Superman punch che io sappia esiste anche in MMA, ma non so quanto sia realmente forte. Di certo è molto molto scenico. Una mossa che mi piace molto è la Crucifix into a sit-powerbomb (sempre che si chiami così), l’unica cosa che non gradisco è il pin da seduto, preferirei che dopo averla utilizzata, chiudesse dal lato.

          • Irish Tommy

            ”Jushin Liger tries to pin sleeping NJPW wrestlers after a night out” è il titolo. Mi dimenticavo che avevano fatto pure serata.
            La crucifix se non dico cagate la sa fare, anche se ci sarebbe il problema di non poterla fare su alcuni atleti.

          • Vick

            Ora vado a vederlo subito!
            Credo che anche per questo abbiano scelto la spear come mossa. Non ha bisogno di sollevamenti per funzionare. Magari potrebbero dargli una mossa di sottomissione, che sugli heel funziona sempre bene!

          • Irish Tommy

            Perchè precisare la distinzione tra uomo e personaggio? Ho parlato di lui SOLO come personaggio.
            Il turn lo farebbe stare sul catso anche alla fetta di pubblico che acquista il suo merchandising, ecc.. Dai fischi si passerebbe al rumore dei grilli!
            E no, non è inutile tirare fuori Goldberg e Batista, è tutta gente che avrebbe fatto meglio a fare qualche concorso alla Schwarzenegger con qualche slippino orribile addosso ma che, per qualche ragione, hanno avuto la botta di culo di ritrovarsi nel wrestling.

          • Vick

            Se è per questo anche Hulk Hogan faceva pena, eppure è uno dei personaggi che più hanno rappresentato la WWE. Il punto non è che c’era chi non doveva far wrestling o chi doveva, il punto è che se vuoi proporre un personaggio per proporlo come volto della compagnia, devi saperlo costruire. E visto che con Roman hanno voluto strafare, ora l’unico modo per salvarlo è turnarlo. Immagina se non avessero mai turnato Rocky Maivia. Oggi non avremmo avuto il The Rock che tutti conosciamo. Il fatto è che bisogna rischiare in questo business e loro non lo stanno più facendo. Perfino Hogan nella sua carriera ha turnato, e di certo non si può dire che non vendesse.

          • Irish Tommy

            C’è una cosa che differenzia Reigns da The Rock: il carisma.
            E quello se c’è c’è, non si crea con il tempo, per questo e per altre ragioni credo che un suo turn potrebbe essere controproducente.
            Che non rischino è vero, basti pensare a Cena.

          • Vick

            Il carisma credo sia innato, però non si può mai sapere, magari da cattivo, e con un po’ più di libertà, potrebbe venir fuori qualcosa di buono anche da lui. Per me dovrebbero provarlo perché, se va bene, ottimo, saremo contenti tutti, se va male, ce lo leviamo dalle balle una volta e per tutte, e siam comunque contenti tutti!

          • Irish Tommy

            Ehehe tranne loro che ci perdono sghei

          • Vick

            Eh beh, mica possiamo perdere sempre noi! Qualche volta pure loro!

  • Michele Giovagnoni

    Reigns ha un buon personaggio? Ma dai!

  • King Cuzzy

    Penso che il tifo del pubblico se lo sono giocati quando nei primi mesi del 2015, partendo dalla Royal Rumble, hanno seppellito ogni wrestler tifato per far rimanere Reigns. Detto questo, col passare del tempo il samoano è diventato un parafulmine e un male a prescindere in maniera secondo me eccessiva. Inoltre credo che alla WWE di averlo tifato ormai non interessi più, è il nuovo controversial champion.

  • TheMoneyMaker

    Comunque ho visto una Top 60 delle mosse di Reigns e mi è sembrato tutto fuorché un incapace, ai tempi di NXT se la cavava al Mic, mi sembra più che altro limitato e molto.

    • Alessandro Carzeri

      Considera che molte mosse di cui é ampiamente capace non le si vedono da un po’, per esempio la crucifix powerbomb (che adoro?) ma anche la schoolboy non si vede da parecchio, dire che non sia capace di lottare è una stronzata, la spear in molte occasioni la ha fatta molto meglio dei più quotati goldberg edge batista etc, l’unica cosa su cui avrei da ridire è il superman punch che nell’ultimo anno è involuto, sembrando sempre più finto

      • TheMoneyMaker

        La cosa bella è che il superman punch è usato addirittura nelle MMA, quindi non capisco quelli che dicono che non è credibile

        • Alessandro Carzeri

          Ma come mossa ci sta, solo che in MMA colpiscono col pugno mentre lui per ovvi motivi deve colpire con la parte tra mano e gomito, che fa meno male, detto ciò mi manca la scenografia pre-supermanpunch, stanno diventando supermanpunch outtanowhere

  • Peppe Black

    Amiamolo, odiamolo, critichiamolo e tutto ciò che più vogliamo ma Reigns ormai è e rimane una top star dell’intera federazione. La WWE sa esattamente dove vuole Reigns tra 10 anni e in un modo o nell’altro lo otterrà.
    Personalmente a me piace come wrestler. Quando guardo un match di Reigns so e sono consapevole di non star guardando Styles o CM Punk (buonanima) ma so esattamente di guardare Roman Reigns e a me piace. Piace perché è migliorato in una maniera innegabile, è fisicato, non ha uno stile spettacolare ma molto potente comunque. Mi ricorda Batista per certi aspetti. Detto questo non piace affatto il suo personaggio, il suo ring attire e tutto quello con cui attualmente lo propone la federazione. Odio quando gli fanno dire le pagliacciate del tipo “i’m not a good guy, i’m not a bad guy” e quant’altro ma ce un sacco di potenziale e troveranno il modo di farlo venire fuori.
    Dunque secondo me un turn heel non basterebbe per farlo piacere al pubblico americano “come fecero con the rock”, per carità sono passati secoli dai tempi di Rocky, i pubblico è parecchio più smart, vede lo spettacolo in modo diverso. Reigns oltre che turnato dovrebbe avere uno stravolgimento totale del suo personaggio. Via la theme dello shield, via la tuta corazzata, via quelle catch phrases orrende. Prima ancora di far questo lo si dovrebbe mettere un bel po di tempo in un dimenticatoio, nessun tipo di titolo, nessuna storyline interessante. Poi un cambio di look generale e di nuovo in pompa magna all’occasione giusta e il pubblico ritroverà modo di incitarlo.

  • Kish

    fondamentalmente non è colpa sua, lui nel 2014 era comunque over come face. la storia del wrestling è piena di grandi wrestler tecnicamente inferiori a un sacco di gente che c’è ora. gioca tutto la gestione dei talenti. è stato spinto in gola dopo un improvviso infortunio che gli ha fottuto la costruzione che avrebbe dovuto portarlo al main event contro lesnar e da allora hanno sbagliato tutto con lui. vi prego, turnatelo. mi fa male vederlo usato così…

  • Francesco “Red Monster”

    Ragà io lo voglio heel a sto ragazzo, lo voglio che insulta il pubblico, che spacca tavoli sotto poveri face tranquilli e che va a fare caos nel backstage (scene che non so perchè, se ne vedono sempre meno). Insomma vederlo in una veste diversa da questa attuale e, perchè no, dare impulsi nostalgici di Shield!

  • Matteo Zanardi

    Hanno splittato troppo presto lo shield appena 2 anni e qualcosa dovevano farlo durare almeno 5 anni era uno dei migliori team in WWE di questi ultimi anni, ora in singolo sono troppo acerbi e hanno perso una gimmick fantastica.

  • Abi

    Non credo che un ridimensionamento li possa far bene ,sarebbe ugualmente fischiato sia da mid sia da main , perché l’80% delle persone che lo fischiano lo fischiano a caso.
    La cosa del club mi è piaciuta … lui capo del club (da heel ovviamente) che semina distruzione…
    O una reunion dello shield potrebbe migliorare la situazione.
    o un turn heel ma di quelli ca*zuti.

  • Give me a Spell yeah! TFT

    E’ un wrestler limitato dal booking come molti altri e costruito male e in fretta, persino nell’improbabile ring attire. Dicono che oggi in WWE il lavoro che facevano Pat Patterson e Vince McMahon è ricoperto dall’equivalente numero di dipendenti che riempiono due piani di un condominio. Beh forse è il caso di riconsiderare il vecchio adagio che recita: Chi fa per se fa per tre…o tremila.

  • Give me a Spell yeah! TFT

    Ah a proposito. Ho visto un post di Michele Posa dove parla di un’intervista fatta a Reigns nella quale l’atleta samoano, a suo dire, dava sfoggio di una dialettica abbastanza sciolta e complessa. Limitato, sempre a suo dire, dalle direttive del creative team che DEVE sempre tenere conto del politically correct per non incorrere nelle solite reprimende della censura che farebbe crollare gli interessi degli sponsor, le quotazioni della borsa e i voti necessari dei soliti quaquaraqua. Qualcuno ha detto booking? Questo grande impero targato WWE che si rivela un elefante impaurito dai mille topolini che gli rosicchiano le unghie, impersonati dai loro pesanti e opprimenti investitori. Mo Money Mo Problems.

    • Irish Tommy

      Beh..
      Parlare con una persona normalmente è una cosa più ”sciolta” rispetto ad essere sul ring, con quelle cavolo di luci addosso, con 20000 o piu persone che ti guardano e dovendo dire tutto a memoria.
      Poi vabbè, Michele Posa non ha esattamente la stessa ”attitudine” di Steve Austin.