Recentemente il WWE SmackDown Live Commissioner Shane McMahon ha avuto una conversazione con il WWE Hall Of Famer Steve Austin. Tra le tante cose, McMahon ha parlato come questa generazione differisca dalle altre.

Pubblicità

 

“I lottatori delle scorse generazioni si mostravano come prodotti finiti, oggi questo aspetto non esiste più. E’ molto diverso, oggigiorno i lottatori arrivano, imparano, si fanno le ossa e poi, quando sarà arrivato il momento escono fuori e si fanno valere nel Main Roster, dove comunque continueranno a imparare e a fare esperienza.”

 

“I talenti d’oggi però son costretti a camminare sui gusci d’uovo per paura di perdere il posto di lavoro, non hanno tanta libertà d’espressione come un tempo, perchè non c’è tanto tempo a disposizione a causa degli spazi televisivi. In un certo senso sono limitati. Voglio dire, hanno la possibilità di esprimersi meglio negli house show, vedere se certe cose funzionano o no, e allora a quel punto possono portarle avanti negli show televisivi.”

 

“Tuttavia le attuali WWE Superstar sono spaventate dal provare qualcosa di nuovo, in quanto non sanno se potrà funzionare. Così se non sono sicuri di riuscire a fare qualcosa di diverso, per non rischiare non lo fanno proprio. Abbiamo dovuto trovare un modo per permettere loro di esprimersi senza questi rischi e senza preoccupazioni, ed ecco che NXT diventa il loro territorio di sviluppo per eccellenza”

 

“Paul (Triple H ndr) ha fatto un lavoro fenomenale con tutto il suo staff per dar vita a NXT. Dusty Rhodes prima di lui, e poi Paul lo ha elevato ad un altro livello. Originariamente volevamo che la ECW fosse un territorio di sviluppo, ma alla fine ciò che avevamo in mente per quello show, Paul lo ha fatto con NXT.”

 

  • _Romanov_

    La ECW territorio di sviluppo? Bella str*nzata, complimenti. Come rovinare il glorioso passato di una federazione, in 2 semplici mosse.

    • JohnMorrison96

      Dal 2008 in poi è diventato a tutti gli effetti un territorio di sviluppo, estremamente scadente, per giunta

  • Fringe

    Ma sta parlando della WWE o di lavoro e giovani in Italia?

    • beh i talenti della wwe, stanno lontani da casa mesi, sudano, faticano, fanno sacrifici. In Italia ci sono tanti giovani meritevoli ma anche tanti che se il lavoro è a più di 10 km o oltre le 19, allora è troppo faticoso.

      • LookAtMyBuzzard

        Se ti pagano cinquanta euro a settimana, puoi dirlo forte che è troppo faticoso.

  • Give me a Spell yeah! TFT

    Lo show rosso non è più quello di vent’anni fà e purtroppo si vede. Nel post precedente accennò al fatto che si sono dovuti abbassare i toni per compiacere le solite cassandre. Appunto li hanno abbassati così tanto che la gente gioca con il telefonino, invece di guardare lo show.
    Non so in cosa sperare. Forse In uno tzunami economico che travolga ogni sottogenere di spazzatura nata negli anni 2000 e che ci ha portato a guardare certi scempi senza alternativa alcuna. Ora, la creatura televisiva si sta accartocciando su se stessa da ormai diverso tempo e la sua probabile dipartita, probabilmente ci libererà da questa gogna pseudo creativa. Nel frattempo, gradirei comunque rivedere il nostro caro vecchio wrestling essere concepito come lo conoscevamo. Ormai mi limito a riguardare il periodo attitude con il sottofondo di un vecchio nastro grunge o rap metal. D’accordo l’età che avanza ma cercate almeno di lenire i miei dolori.

  • Give me a Spell yeah! TFT

    Lo show rosso non è più quello di vent’anni fà e purtroppo si vede. Nel post precedente accennò al fatto che si sono dovuti abbassare i toni per compiacere le solite cassandre. Appunto li hanno abbassati così tanto che la gente gioca con il telefonino, invece di guardare lo show.
    Non so in cosa sperare. Forse In uno tzunami economico che travolga ogni sottogenere di spazzatura nata negli anni 2000 e che ci ha portato a guardare certi scempi senza alternativa alcuna. Ora, la creatura televisiva si sta accartocciando su se stessa da ormai diverso tempo e la sua probabile dipartita, probabilmente ci libererà da questa gogna pseudo creativa. Nel frattempo, gradirei comunque rivedere il nostro caro vecchio wrestling essere concepito come lo conoscevamo. Ormai mi limito a riguardare il periodo attitude con il sottofondo di un vecchio nastro grunge o rap metal. D’accordo l’età che avanza ma cercate almeno di lenire i miei dolori.

  • JohnMorrison96

    Parole sante, Shane…

  • Eddie Guerrero

    parole giuste di Shane, che sono d’accordo oggi le superstar WWE sono limitate rispetto a quello che facevano nelle indy ma nonostante tutto uno come Aj Styles pur non essendo come quello delle indy, comunque sta facendo un buon lavoro fenomenale e considerando che la WWE come è successo a Ranallo non ti fa fare tutto quello che sai fare e che hai fatto in federazioni diverse come le indy.