Il brano di oggi è Smack, realizzato da Jim Johnston e utilizzato come prima sigla per Smackdown!.

Pubblicità

ChristiaNexus: Brano techno/rock tendenzialmente strumentale (salvo qualche parola come “Everybody On The Ground” che si credeva essere il titolo del pezzo fino alla recente pubblicazione con Uncaged) che apriva le prime puntate di Smackdown! e che fa molto fine anni ’90. Lo associo principalmente a WWF Smackdown! Just Bring It (ove l’ho sentito per la prima volta) e, ovviamente, a Botchamania FUCK, HE GOT A BICYCLE, YOU WANNA PLAY 21, I’VE BEEN IN THE DANGER ZONE, JEEZUS, WE’RE COMING FOR YOU NI**A, GIMMYAPAPA, JEFF HARVEY, LOOK IT, HERE COMES MANGO, MINUS FIVE STARS, LOOK AT THE ADJECTIVE, I DON’T KNOW, UAAAAHHH, SUPERDRAGON. Insomma, forse, ce l’ho ormai in testa più come sigla di Botchamania che di Smackdown.

Mauro Chosen One: Oggi finalmente abbiamo in rubrica l’opportunità di parlare della storica theme song di Botchamania. No scusate volevo dire una delle storiche theme di Smackdown. Pezzo che è stato pubblicato soltanto con il primo Uncaged e che nella versione completa non è manco malvagia anche se purtroppo sono uno dei tanti che quando la sente la rimanda subito a botchamania tanto da citare tutti i suoi vari tormentoni. Theme non male anche se onestamente non l’ho mai apprezzata tanto tra quelle dello show blu targato WWE. Come Theme di botchamania è semplicemente perfetta.

Ed ecco la versione di Botchamania:

 

N.B.: Si chiede all’utenza di commentare la canzone in questione, non il lottatore che la usa, il suo destino, se sia stato valorizzato o meno o simili e, a fortiori, si chiede di evitare ogni altro commento che non riguardi il brano, grazie.

Mauro Chosen One e ChristiaNexus

 

 

 

ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.