-OH IT’S TRUE! IT’S DAMN TRUE

Pubblicità

-We, Ysmsc

-Dica

-Guarda testina che quello era Raw, tu adesso fai i report di SmackDown, non te lo ricordi?

-Really?

-Tre mesi che non ti fai vedere poi rispunti fuori in queste condizioni?

-Perché? Dove sono stata?

-Guarda, parti col report che è meglio, barbùn!

-Ehm . . . ok

SmackDown parte, com’è giusto che sia, con i recap dei momenti di WrestleMania che coinvolgono il roster blu, quindi vittoria di Dean Ambrose, Naomi, proposta di matrimonio di John Cena e Shooting star press a vuoto, per concludere con la vittoria di Randy Orton ai danni di Bray Wyatt. Il primo a fare il suo ingresso nell’arena è proprio The Viper, adesso un tredici volte campione del mondo (e reazione mista per lui da parte del pubblico); Randy dice che quando ti unisci ai tuoi nemici per poi colpirli alle spalle, poi devi essere anche sicuro di batterli quando li affronterai a WrestleMania, adesso lui ha dato a Bray Wyatt una lezione indimenticabile

Sul titantron spunta il faccione di Bray, che dice a Randy che lui è il maestro del nulla e che vuole affrontarlo di nuovo in una stipulazione speciale, che gli distruggerà il corpo e la mente, promette di spingerlo sull’orlo della pazzia e di cambiare la sua stessa percezione del mondo, vedere la sua anima distruggersi pezzo per pezzo, vuole affrontarlo in . . . un House Of Horror match; Randy ammette di non sapere cosa sia esattamente questo tipo di match, ma accetta la sfida e invita Bray a salire sul ring all’istante, perché possa batterlo di nuovo, Bray acconsente e con un barbatrucco del tecnico delle luci compare alle spalle di Randy, tuttavia The Viper se lo aspettava e lo stende con una Powerslam, a questo punto, però, qualcuno lo afferra alle spalle e lo lancia contro i gradoni, si tratta di . . . Eric Rowan! Che, indossando una maschera in stile steampunk, riporta poi Orton sul ring per pestarlo assieme al suo Maestro, tuttavia in soccorso di Randy arriva Luke Harper, che stende Wyatt con un Big boot e costringe i suoi ex compagni ad una ritirata strategica, ottime reazioni da parte del pubblico, sia per Rowan che per Harper.

Nel backstake, Renee Young intervista Miz&Maryse riguardo la proposta di matrimonio di John Cena a Nikki Bella, i due rispondono che è stata tutta una manovra di marketing e che sono stati loro a mettere John alle strette perché chiedesse a Nikki di sposarlo, Miz conclude dicendo che stasera affronteranno i futuri sposi nuovamente e che sarà anche l’ultima volta che li vedremo a SmackDown

La grafica ci informa che stasera avremo il rematch tra Naomi e Alexa Bliss, più un tag team match tra Orton&Harper e Wyatt&Rowan, che a SmackDown non si cincischia mica

SmackDown Women’s Championship match Naomi(c.) vs Alexa Bliss  (3 / 5)

La Bliss attacca duramente l’avversaria portandola alle corde e tenta il primo schienamento, Naomi risponde con un Bulldog all’angolo e con un successivo Dropkick fuori ring, ma la Bliss torna nuovamente in controllo colpendo la campionessa al ginocchio guarito da poco (il pubblico canta “Delete”, così per gradire), Naomi subisce per qualche minuto, tenta una reazione e le due si colpiscono a suon di gomitate, poi è la campionessa a connettere un calcio alto alla testa, che tuttavia le vale solo il conto di due, Alexa non ci sta a cedere e prova a sorprendere l’avversaria con una DDT, Naomi tira fuori una Rare view dal nulla ma anche stavolta per lei è due, prova allora lo Split leg moonsault, ma Alexa la fa cadere e prova a capitalizzare con uno schienamento irregolare aggrappandosi alle corde, ma Naomi non solo non si fa schienare, ma ribalta la mossa nella sua presa di sottomissione, che costringe Alexa alla resa e la conferma campionessa femminile di SmackDown

Vincitrice e Still SmackDown Women’s Champion: Naomi

La grafica ci informa che stasera vedremo Ambrose vs Corbin in uno Street fight match . . . farlo a WrestleMania pareva brutto, effettivamente. Ma torniamo sul ring, dove Curt Hawkins si lamenta che su internet si parla più del WWE shake-up piuttosto che di lui, quindi lancia una open challenge a chiunque e conterà fino a dieci per . . .

Dieci?

Qualcuno ha detto “dieci”?

OH IT’S TRUE! IT’S DAMN TRUE!

-We! Pantula! Non siamo a Raw!

Ah già, dicevo: fa il suo debutto nel roster di SmackDown Tye Dillinger! Accolto dal boato della folla e dai cori “ten!” a profusione

Tye Dillinger vs Curt Hawkins (s.v.)

Hawkins subisce uno Snapmare, ma non si lascia impressionare e porta Dillinger all’angolo, poi connette un Back suplex, ma Tye si riprende a suon di colpi semplici ma efficaci, serie di dieci colpi all’angolo, seguiti dalla Tye breaker e tutti a casa

Vincitore: Tye Dillinger

Il buon Tye resta qualche secondo sul ring a prendersi i cori del pubblico, che sembra averlo accolto molto bene, vedremo se sarà solo l’emozione del post-Mania o il trend positivo continuerà.

Un’intervistatrice di cui devo recuperare il nome intervista il vincitore della ATGMBR(!) più inutile della storia, almeno fino a quella dell’anno prossimo, Mojo Rawley indossa una giacca improponibile sotto molteplici punti di vista e dice che vincere la ATGMBR(!) è un sogno che si avvera, gli viene chiesto come abbia festeggiato e lui sta per rispondere qualcosa che ha a che fare con Teddy Long e lo spaccio di alcune pilloline blu, ma si trattiene e inizia a parlare della capacità di André The Giant di scolarsi ettolitri di birra, Mojo pare, scherzi a parte, più serio e commosso del solito e promette che questo è l’inizio del suo momento, poi mi rivela il nome dell’intervistatrice chiedendole se può sentirlo, lei risponde di no ma non importa, perché lui e André lo stanno sentendo, oh yeah

Promo sul Superstar shake-up di settimana prossima, poi arrivano John Cena e Nikki B . . . no, anzi, arrivano Miz&Maryse travestiti dai loro avversari, Miz/Cena dice che non si dice “Cena Sucks!”, poi cerca di essere romantico dicendo a Nikki/Maryse che la ama, lei risponde che le ha dato tutto quello che vuole, ma lui risponde che quel diamante, come ogni cosa nella sua vita, è falsa, poi dice i due stanno lasciando la WWE (“Yes!” del pubblico) per andarsene ad Hollywood, poi fa partire un coro “No more Cena!”

Peccato che, quando fanno per andarsene, vedono che sullo stage un violinista di bianco vestito fa partire una particolare serie di note . . .

OH IT’S . . .

-Pirletti!

. . . SHINSUKE NAKAMURA!

Telefonato quanto volete, ma nonostante ciò l’arena esplode all’ingresso di Nakamura e anche la sottoscritta ha un mezzo mancamento, Shinsuke ci regala una lunga entrata durante la quale possiamo cantare la sua theme song e osannarlo a dovere, il pubblico è in deliro, tanto che Shinsuke decide che per oggi ha distribuito abbastanza figaggine, fa ripartire la sua theme e se ne torna da dov’è venuto, arrive, deliver phigaggeene, leave.

Passiamo ora al rematch tra Dean Ambrose e Baron Corbin, che è appunto uno Street fight match, ma non è valido per il titolo

Street fight match Dean Ambrose vs Baron Corbin  (3 / 5)

Anche Corbin usa la tattica del chiudere l’avversario all’angolo, scende poi dal ring cercando una sedia ma Ricamino(oh! Quant’è bello tornare a scriverlo) lo precede colpendolo con un Suicide dive, poi a suon di colpi lo manda tra il pubblico oltre le transenne, avviene uno stacco pubblicitario e al ritorno il ring è invaso da oggetti, compresi un tavolo su cui Corbin schianta Ambrose, il Lone Wolf afferra una cinghia da sotto al ring e inizia a frustare Dean, dalla parte della fibbia, che fa più male, poi prova a lanciarlo contro una sedia, ma Ricamino ribalta la mossa ed è Corbin a sbatterci contro, tentativo di Dirty deeds che viene però evitato, Ambrose allora recupera la cinghia, mena fendenti come se non ci fosse un domani e colpisce l’avversario in fuga con un Elbow drop fuori ring dal paletto, poi gli scatta la luccicanza e decide di posizionare Corbin su un tavolo, lanciandosi poi dal paletto per un secondo Elbow drop, sembrerebbe tutto finito, ma Dean decide di strafare salendo sul paletto una terza volta, stavolta Corbin lo precede lanciandogli addosso una sedia e colpendolo velocemente con la End of days

Vincitore: Baron Corbin

Please, non fate degenerare tutto in uno Strap match o simili, please, sono appena tornata.

Prima del main event, Austin Aries promette che diventerà ancora n°1 contender al titolo di Neville, nel Fatal 4 way che si svolgerà a 205 Live. E adesso l’ingresso degli atleti: Bray Wyatt e Eric Rowan entrano assieme, mentre gli avversari scelgono ingressi separati

E, vi prego, qualcuno faccia qualcosa per quella vipera plasticosa e scattosa che accompagna l’ingresso si Randy sul pavimento dell’arena, roba che neanche col Commodore 64 creavi abominii del genere

Bray Wyatt&Eric Rowan vs Luke Harper&Randy Orton  (2,5 / 5)

Rowan sorprende Orton con uno Spin kick e la Family sembra avere il controllo, pubblicità e Randy da il cambio ad Harper, che stende Bray con una Senton dall’apron (colpito per miracolo, ma vabbè), Luke tuttavia commette l’errore di concentrarsi su Rowan, colpendolo con un Suicide dive, non curandosi dell’uomo legale Bray, che lo colpisce con una Clothesline, Harper dunque subisce l’offensiva dei suoi ex compagni, incassando molti colpi duri, ma non cede e alla fine, dopo una Sideslam, riesce a dare il cambio a Randy, questi esegue una Powerslam su Rowan e una Silver spoon DDT su Bray, ma all’improvviso le luci si spengono e Bray ne approfitta per fuggire verso lo stage mentre Rowan dovrebbe attaccare Orton alle spalle, ma Harper viene in soccorso del compagno con un Superkick e Orton lo finisce con la RKO

Vincitori: Luke Harper&Randy Orton

E sulle immagini di un Wyatt alquanto scontento e di Harper ed Orton festanti si chiude questa prima puntata di SmackDown dopo WrestleMania!

And, it’s good to be back.

PANORAMICA RECENSIONE
Qualità dei match
6.5
Qualità dei promo
6.5
Evoluzione delle storyline
7
Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname