Benvenuti al report dell'ultimo episodio di Smackdown, registrato ad Ottawa, in Canada. Questa sera avremo in azione i quattro protagonisti del Main Event di Payback, ovvero sia Seth Rollins, Roman Reigns, Dean Ambrose e Randy Orton. Alla tastiera BazingaHWF.

Pubblicità

La puntata si apre con un recap di Raw: per esattezza vengono riepilogati i fatti legati al titolo WWE. Successivamente parte la canonica sigla d’apertura.

 

Al centro del quadrato troviamo Jerry Lawler, che ci ricorda che in esclusiva sul WWE Network Bad News Barrett si è laureato King of the Ring 2015. Ed è proprio a King Barrett che Lawler da il benvenuto. L’inglese si presenta con corona e scettro.

Lawler: “Prima di tutto, da un re ad un altro…”

Barrett: “Ti devo fermare. Perché c’è solo un Re in WWE e questo di certo non sei tu. Infatti tu ti sei definito da solo così, mentre io me lo sono guadagnato sconfiggendo tre avversari nel giro di 24 ore. Devi dire la seguenti parole per iniziare una conversazione con me ‘lunga vita al re Barrett’. Tu sei un re farlocco come lo è il tuo concittadino Elvis Presley. Voi non avete il sangue reale, anzi siete dei veri e propri miserabili. Dunque pronuncia quelle quattro parole!”

Lawler: “Io non ho intenzione di farlo.”

Barrett: “Fallo!”

Lawler: “NO!!”

Barrett: “Come vuoi. Questa intervista allora è finita.”

Bad News a questo punto posa la corona e lo scettro e carica il Bull-Hammer, con l’intento di colpire il telecronista. Proprio a questo punto parte la musica di Dolph Ziggler, che sostanzialmente salva Jerry. Dolph fa i complimenti per la vittoria del King of The Ring a Barrett con un tono molto di sufficienza, aggiungendo anche che più che essere un re, lui è un rifiuto umano.

Match 1: Dolph Ziggler vs King Barrett (s.v.)

L’incontro inizia e Barrett riesce quasi immediatamente ad atterrare il suo avversario, per poi colpirlo con dei calci all’angolo. A questo segue un Suplex. Lo schienamento porta solo ad un conto di due. Dolph però riesce a riprendersi e a piazzare un Dropkick. Al rientro dalla pubblicità troviamo nuovamente Barrett in vantaggio. Quest’ultimo piazza un poderoso calcio all’angolo, non riuscendo tuttavia ad ottenere la vittoria. Il dominio dell’inglese continua incontrastato, grazie a delle mosse statiche al suolo. Riesce anche a mettere a segno il Wind of Change. Solo conto di due. Dal nulla però Dolph esegue la Fameasser. Schienamento. 1,2…Ma interviene Sheamus, che fa terminare l’incontro con una squalifica. I due europei iniziano dunque un pestaggio sul povero Dolph. Per sua fortuna un terzo britannico interviene, questa volta in suo favore. Ovviamente si tratta di Neville, che fa piazza pulita del ring.

Winner: Dolph Ziggler by DQ

 

Match 1.2 Dolph Ziggler & Neville vs Sheamus & King Barrett (2.5/5)

Al rientro dalla pubblicità Tom Philips ci informa che è stato appena sancito un incontro di coppia fra i Quattro. Il match è già iniziato, con i due heel in pieno controllo di Neville, che non riesce a liberarsi dalla morsa dei due nemici. L’inglese subisce, fra le varie manovre, l’Irish Curse di Sheamus e un potente Big Boot di Barrett. I vari tentativi di schienamento si fermano solamente al due. Dopo diverso tempo Neville riesce a bloccare i Tamburi di Guerra e a far schiantare Sheamus contro un paletto. Finalmente riesce a dare il cambio a Ziggler, il quale entra con uno sprint incredibile, mettendo fuori gioco l’appena entrato Barrett, concludendo la sua sequenza con una DDT, che non basta per ottenere la vittoria. Barrett prova la Wasteland, che viene però evitata da Dolph, che per tutta risposta lo mette KO con un Superkick. Inoltre Neville, con un salto spettacolare dalla corde, mette fuori gioco Sheamus. Non solo: grazie alla sua velocità, infatti, impedisce a Barrett di vincere illegalmente, distraendolo per giunta. Per Ziggler a questo punto è un gioco da ragazzi piazzare la Zig-Zag vincente.

Winner: Neville & Dolph Ziggler

 

Più tardi il New Day, in formazione completa, affronterà Tyson Kidd, Cesaro e un terzo partner, al momento sconosciuto.

 

Nel Backstage troviamo Renee Young. Il suo ospite è Dean Ambrose. Renee chiede a Dean come si sente ad essere il nuovo partecipante del Main Event di Payback. Dean si dichiara felice di aver sconfitto Rollins a Raw. Inoltre sottolinea come in un Fatal 4 Way possa vincere chiunque, anche colui meno probabile. Infine ricorda che questa sera ci sarà la firma del contratto, che coinvolgerà ovviamente tutti e quattro i contendenti.

 

Match 2: Luke Harper vs Fandango (s.v.)

Il primo a fare il suo ingresso è Harper. Successivamente entra il mitico Fandango accolto bene dal pubblico, che in un numero abbastanza cospicuo esegue la Fandangoing, ballata anche da Lana in quel di Raw. Inizia l’incontro e Harper simula di voler fare lo stesso, ma in realtà è solo una strategia. Infatti atterra il ballerino con il suo Big Boot. Ad esso segue un Bodyslam. Fandango riesce ad evitare il secondo, mettendo a segno un paio di chop, un Dropkick e uno spinning King. La sequenza è completata anche da una Tornado DDT. Harper sembra non aver sentito neppure un colpo: infatti fa cadere immediatamente il suo avversario, che stava per salire sul paletto, piazzando in rapida sequenza un Superkick e il suo Discus Clothsline. Vittoria per Harper.

Winner: Luke Harper

L’incontro è appena concluso, quando parte la musica di Eric Rowan, che si palesa sullo stage per poi avviarsi verso il quadrato. Entrato sul ring tutti si aspettano un attacco nei confronti di Luke. Tuttavia dopo essersi levato la maschera da pecora, inizia a pestare Fandango, eseguendo anche un Full Nelson Slam, lasciando poi il ring. Nel frattempo Harper ha assistito alla scena senza muovere un muscolo, limitandosi ad osservare il tutto in maniera molto interessata.

 

Al rientro dalla pubblicità troviamo sul ring Lana, che viene accolta dal pubblico in maniera molto positiva. Lei ringrazia, in inglese e non in russo. Tuttavia loro devono supportare Rusev.

Proprio in questo momento l’ex campione degli Stati Uniti si palesa , entrando sul ring palesemente nervoso, rimproverando la sua manager in russo per poi cacciarla.

“John Cena tutte le sue vittorie sono insignificanti e frutto di miracoli. Lo scorso Lunedì a Raw hai mostrato pietà a Sami Zayn. Che idiota. Io sono una macchina Cena e non ho pietà per nessuno! E a Payback ritornerò campione dell’America e tu dovrai piegarti a me. Per il prossimo episodio di Raw ti invito ad un faccia a faccia con me al centro del ring e già in quella occasione ti farò pronunciare ‘I Quit!’.”

 

Siamo nuovamente nel Backstage con Renee. Questa volta il suo ospite è Roman Reigns. La bella intervistatrice dice che tutti i suoi avversari sono rilevanti nella sua carriera. Orton per il feud avuto nel periodo di Summerslam, mentre Seth e Dean ovviamente per i trascorsi nello Shield. Reigns risponde che per quanto riguarda Orton sì i due si sono sfidati e non sono in ottimi rapporti, per Seth addirittura prova un sentimento di odio. L’unico con il quale non ha problemi è Ambrose, che lui definisce un fratello. Si fida di lui ed è ovvio che darà tutto quello che ha per diventare campione. Ma questo non basterà, perché lui darà vita alla prestazione migliore di tutti partecipanti del PPV e quello sarà il match migliore nella storia di Payback, vincendo naturalmente la cintura.

 

Al rientro dalla pubblicità assistiamo all’entrata dei campioni di coppia, il New Day. A seguire entrano gli ex campioni, accompagnati da Natalya. Il partner a sorpresa, invece, si rivela essere Ryback, che compie la sua entrata per ultimo.

Match 3: New Day vs Tyson Kidd & Cesaro w/Natalya & Ryback (3/5)

Ad iniziare sono il Big Guy e Kofi Kingston, con quest’ultimo che subisce un’Atmomic Drop. Il ragazzone da il cambio a Kidd, mentre Kingston a Woods. Il canadese da poi il cambio a Cesaro, che atterra Woods con un potente Braccio Teso. Ad esso segue un Vertical Suplex. Mentre lo svizzero mantiene la presa, prova ad interferire Big E, che però viene intercettato da Ryback, il quale esegue a sua volta un secondo vertical Suplex, mantenendo anch’egli la presa. Prova a questo punto Kingston ad intervenire, ma viene bloccato da Kidd; anche lui esegue un suplex, ma diretto. I tre del New Day impattano contemporaneamente al suolo. Kidd e Cesaro colpiscono a suon di calci Woods all’angolo, al ritmo del NEW-DAY SUCKS. Anche Ryback, divertito, fa lo stesso. Entra a questo punto Kidd che getta fuori dal ring Woods, per poi colpirlo con una Suicide Swenton. In contemporanea, Cesaro esegue un Suicide Dive classico, ai danni di Kofi Kingston. Tuttavia dopo poco Woods riesce finalmente a prendersi un break e a dare il cambio a Big E, che inizia a sballottare il povero Tyson nelle Barricate e nell’apron. Al rientro dalla pubblicità il New Day è ancora in controllo, con Kidd vittima delle loro azioni. Buona tornado DDT di Xavier Woods. Big E invece esegue dei Belly to Belly over the head. Finalmente però Kofi riesce a dare il cambio a Ryback, che mette fuori gioco in breve tempo Kingston, colpendolo con una Spainbuster. Cambio, dentro Cesaro che piazza una serie ripetuta di Uppercut, per poi eseguire anch’egli una Spainbuster, prima di provare lo Swing, annullato da Big E, che interviene. Cesaro allora lo caccia fuori. Nel contempo Kidd con un calcione dall’apron mette fuori combattimento anche Woods. Gli ex campioni a questo punto mettono a segno una manovra combinata, con Kidd che si getta dalle spalle di Cesaro sul nemico tramite un Elbow Smash. Ryback si sbarazza nuovamente dei membri del New Day, che hanno provato ad intervenire. Ad un certo punto si spengono le luci, mentre si vedono le classiche immagini flash di Bray Wyatt. Quando si riaccendono, Kingston sorprende Kidd schienandolo illegalmente. Fra l’altro Ryback si era completamente distratto da questo gioco della nuova Face of Fear.

Winner: New Day

 

Nel backstage è il turno di Randy Orton nel ciclo di interviste di Renee Young. La sua strategia per il Fatal 4 Way è semplice. Chiunque sia il suo avversario verrà fatto fuori, in modo tale da riuscire a diventare campione. In sostanza farà fuori tutto lo Shield e vincerà la cintura.

 

Match 4: Naomi vs Emma w/Tamina (2/5)

L’incontro inizia con una fase in cui entrambe si scambiano colpi pesanti al centro del ring e all’angolo. Emma sembra prendersi un vantaggio grazie ad un Dropkick basso. La sua rivale tuttavia si riprende presto, gettandola con forza al suolo. Il tutto viene seguito da un Neckbreaker. Con questa manovra Naomi riesce ad ottenere il controllo della contesa. La moglie di Jimmy Uso esegue anche uno Standing Dropkick, gettando subito dopo la sua avversaria all’angolo. Tuttavia sbaglia la rincorsa successiva. Emma ne approfitta, mettendo a segno un Roll-up, che non riesce però a valergli la vittoria. La bionda ci riprova in altre due occasioni, ma non riesce completamente a mettere spalle al tappeto la rivale. Naomi dal nulla esegue la sua Culata, che le garantisce lo schienamento vincente.

WInner: Naomi

Nel post match Tamina entra sul ring e inizia a picchiara l’inerme Emma, che subisce anche un potente Superkick da parte della samoana.

 

Vengono mostrati alcuni estratti dai provini per Tough Enough

 

Ci troviamo nuovamente nel backstage. L’ultimo ad essere intervistato da Renee Young è il campione WWE, Seth Rollins. Renee chiede come si senta in vista dell’incontro di Payback, valido per il titolo. Seth ricorda di come abbia sorpreso il mondo a Wrestlemania, sconfiggendo sia Reigns che Lesnar nel Main Event. Renee Young dice a Seth che Kane ha detto che l’unico motivo per cui ha vinto il titolo è per il fatto che il Money in the Bank lo ha conquistato  grazie a lui. Seth risponde che Kane è inutile ed irrilevante. Inoltre è geloso del suo successo. Fra l’altro Kane non avrà mai il suo intelletto. D’altronde lui è l’uomo di punta e il futuro è adesso.

 

Match 5: Los Matadores w/El Torito vs Los Matadores (2/5)

Kalisto parte subito forte, eseguendo una bella head scissors ai danni di Diego. Entra poi Sin Cara con una Swenton. L’uomo senza volto esegue anch’egli una head scissor. I due toreri mettono a segno una strana mossa combinata. Fernando poi getta fuori dal ring Sin Cara, colpito poi da El Torito, mentre l’arbitro è distratto. Al rientro dalla pubbicità i due toreri eseguono un doppio Vertical Suplex. Ben presto il wrestler mascherato si riprende e riesce a dare il cambio a Kalisto, il quale entra in maniera perentoria mettendo a segno le sue numerose manovre tipiche spettacolari. Il messicano fa fuori uno dei toreri, colpito anche da un Suicide Dive di Sin Cara. L’altro riesce a piazzare una bella Power Bomb su Kalisto, che comunque riesce a dare il cambio a Cara, che con un gioco di equilibri schiena Fernando, ottenendo la vittoria.

Winner: Kalisto & Sin Cara

Nel post-match Diego e Fernando se la prendono col Torito, reo di non essere intervenuto.

 

Al rientro dalla pubblicità è tempo di firma di contratto. Sul ring c’è Kane, che dirigerà le operazioni in questo segmento. Il Demone inizia a presentare i quattro contendenti. Il primo ad entrare è Randy Orton. Il secondo è Roman Reigns. Il terzo nome ad essere annunciato da Kane è Dean Ambrose. Per ultimo il campione in carica, Seth Rollins, accompagnato dalla J&J Security. Il campione ha un microfono in mano e si ferma sullo Stage non volendo entrare sul ring.

Dean Ambrose: Ehi, Ehi! Perché Justin Bieber non entra sul ring? Dai Justin vieni qui.”

Seth Rollins: “Divertente Ambrose, divertente.”

Roman Reigns: “Seth io firmo ‘sto contratto e poi ti prenderò a calci in culo.” Firma il contratto

Randy Orton: “Sì Seth. Notizia Flash genio. Tutti noi vogliamo quella cintura.” Firma il contratto

Ambrose: “ Dopo aver firmato questo contratto ti verrò a prendere e ti romperò il culo!!” Firma il contratto

Rollins: “Il direttore delle Operazioni potrà firmare il contratto in mie veci, poiché siamo entrambi membri dell’Authority.”

Kane: “Corretto Seth. In teoria per … Ti devo ricordare che mi hai definito inutile ed irrilevante? Comunque sia, potrei certamente firmare il contratto in tue veci,  qualora non fossi nelle condizioni fisiche per farlo. Ma vedo che stai benissimo, quindi vieni qua e firmalo!”

Rollins: “D’accordo.”

Il campione si avvia sul ring, mandando però avanti la Security. In particolare Joey Mercury entra prende il contratto e lo porge a Seth fuori dal ring.

Rollins: “Bene ci sono tutte le firme. Dean Ambrose… o dovrei chiamarti Roddy Piper? Roman ti chiamava così un tempo. D’altronde ti comporti come un idiota. Poi abbiamo… Roman Reigns. Certamente lui è migliore nel firmare autografi che nel combattere. Infine abbiamo Orton. Mi ricordo di quando sia Dean che Roman ti definivano un raccomandato, che non sarebbe mai arrivato in WWE da solo.”

Finalmente Seth entra sul ring e firma il contratto.

Rollins: “Mr.Inutilità sei felice? Ho firmato questo stupido contratto

Seth e Kane iniziano a battibeccare, nel frattempo Ambrose inizia a sbarazzare tranquillamente il ring, ponendo il tavolo su uno dei quattro angoli. L’Authority se ne accorge.

Ambrose: “Sappiamo come andrà a finire comunque.”

Dopo aver detto ciò getta Mercury sul tavolo. Da qui scatta la rissa. Orton getta fuori Rollins, per continuarlo a picchiare. Reigns combatte con Kane, mentre Ambrose con la Security. Noble viene travolto da una delle poltrone. Dopo il Lunatic Fringe colpisce Kane con un Suicide Dive. Il Demone tenta poi una Chokeslam, ma Reigns interviene con il Superman Punch, mettendolo KO. Dean porta sul ring Rollins e prova colpirlo con la Dirty Deeds, ma Seth capovolge la situazione. Interviene nuovamente Roman, ma Seth evita il colpo e quasi Reigns impatta con Dean, fermandosi in tempo. Seth però li colpisce entrambi con un Dropkick. Entra dunque Orton che prova una RKO sul campione, che la evita fuggendo fuori dal ring. Orton lo insegue. Sul ring rimangono Dean e Roman. Il Luntatic Fringe è incazzato con Reigns e lo accusa, i due sono faccia a faccia, ma non arrivano alle mani, poiché interviene Orton, che esegue l’RKO ai danni di Ambrose. Reigns a sua volta colpisce la Vipera col pugno di Superman. Infine entra Seth che colpisce con una ginocchiata volante Roman, per poi metterlo KO con l’Avada Kedavra. Come unico uomo in piedi, Seth alza la cintura al cielo, chiudendo da protagonista questo episodio di Smackdown.

 

Cosa mi è piaciuto: Carino l’incontro tre contro tre, nonostante il finale non molto pulito. Interessante il segmento della firma del contratto, con Seth che riesce a prendersi l’ultima parola. Per poco non assistevamo al primo scontro fisico fra Dean Ambrose e Roman Reigns, rimandato credo direttamente a Payback a questo punto.

Cosa non mi è  piaciuto: Incontri in generale mediocri.

Considerazioni generali: Credo sia la prima volta che venga concesso ad Emma un minutaggio al di sopra dei due minuti, per una contesa one vs one, in quel di Raw o Smackdown. La prestazione non è stata male da parte di entrambe, con Naomi molto più incisiva del solito. Dovendo eseguire meno piroette e salti idioti con questo nuovo ruolo, il rischio di botch e imprecisioni si riduce notevolmente.
Turn di Rowan un po’ così. Vedremo se vi sarà una super reunion della Wyatt Family, con l’aggiunta magari del chiaccherato Bo Dallas.

Voto puntata: 6