In un momento in cui i lottatori giapponesi e la divisione dei pesi leggeri stanno tornando in auge grazie, rispettivamente, all’approdo di diversi wrestler importanti dalla Terra del Sol Levante e al Cruiserweight Classic, ritengo doveroso dare risalto a uno dei precursori di ambedue le categorie, almeno in WWE.
TAKA Michinoku, infatti, divenne il primo Light Heavyweight Champion della federazione di Stamford, sconfiggendo Brian Christopher (figlio di Jerry Lawler e noto anche come GrandMaster Sexay nei Too Cool) nella finale di un torneo più breve dell’attuale CWC, ma dal format simile visto che vi presero parte atleti da tutto il mondo, quali Mr. Aguila (poi diventato Essa Ríos), Super Loco (che molti di voi ricorderanno meglio come Super Crazy) e lo stesso giapponese il quale ebbe l’onore di essere il primo lottatore a vincere la suddetta cintura, almeno in seguito al suo ritorno nell’allora WWF dopo che, per diversi anni, essa venne contesa in Giappone e vinta da leggende del puroresu (e del wrestling, più in generale) quali Ultimo Dragon e Jushin Thunder Liger.

Pubblicità

Il lottatore di Morioka mantenne il titolo per 315 giorni, difendendolo a WrestleMania 14 contro Mr. Aguila, per poi perderlo contro Christian; la cintura venne poi sostituita dal Cruiserweight Championship, proveniente dalla WCW, e rimasto attivo fino al 2008. TAKA Michinoku, invece, divenne parte della stable del KAIENTAI, poi divenuto tag team, per lo più comedy, insieme a Funaki, i quali spesso “recitavano” promo in giapponese doppiati, dietro le quinte, in un inglese volutamente storpiato da Shane McMahon, che diedero vita al tormentone “EVIL, INDEEEEED”. Nel 2001, in seguito a un infortunio alla spalla, Michinoku lascia la WWF e torna in Giappone, dove tutt’ora lotta e, tra l’altro, dirige la propria federazione/scuola, il KAIENTAI Dojo, rifacendosi al nome della stable di cui egli stesso fece parte.

Ora, in seguito a una domanda di un follower su Twitter (nella fattispecie, il sottoscritto) circa le possibilità di rivederlo combattere in America, proprio sulla scia dell’arrivo di numerosi pesi leggeri e lottatori giapponesi in WWE, TAKA Michinoku ha risposto:

 

taka

TAKA Michinoku, quindi, continuerà a dividersi tra il ruolo di promoter e di lottatore attivo nella propria terra natìa, per lo più in NOAH dove è parte della stable nota come Suzuki-Gun e, al suo interno, di un tag team di discreto successo con Taichi.

 

 

FONTETwitter.com & ZonaWrestling.net
ChristiaNexus
Cercatore di notizie nonché, occasionalmente, editorialista, reporter e co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno". Appassionato di wrestling di lunga data che odia l'ipocrisia e l'apriorismo sterile. Il suo compito è portare avanti l'opera di salvezza intellettuale avviata da Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, a costo di passare per grammar nazi. Segue, in un'ottica dialettico-inclusiva, tante federazioni, dalla WWE alla PWG, passando per TNA, ROH, NJPW, NOAH e Lucha Underground. Il Nexus, Christian, CM Punk, Daniel Bryan, Seth Rollins, Bray Wyatt, Undertaker, The Brian Kendrick e, ovviamente, Damien Sandow, ora noto come Aron Rex, sono tra i suoi lottatori preferiti, senza dimenticare AJ Styles, Chris Hero, "Broken" Matt Hardy, il Bullet Club, i War Machine, Pentagon Jr, Minoru Suzuki, Satoshi Kojima, Tomohiro Ishii e Togi Makabe.
  • The Irish Tommy

    Taka è di molte parole.
    ”in seguito a una domanda di un follower su Twitter”..mmh, un articolo fai da te, direi 🙂

    • ChristiaNexus

      In un periodo in cui i lottatori giapponesi e i pesi leggeri sono sulla bocca di tutti, ho colto l’occasione della, sia pur laconica, risposta per dare il giusto risalto a un nome che ha lasciato il segno molto tempo prima, come ho già scritto nell’articolo.

  • Daken Akihiro

    Ti do il premio per il titolo più fuorviante di sempre, tho.

    Che poi già lo sapevo che sarebbe restato nella Suzuki-gun, ma tant’è.

  • Jesus Quintana

    questo è più clickbait che novella2000 😀

  • Contro Nessuno

    ChristiaNexus….ti farei una statua!!!
    Questa news spero vada nel podcast radio show del trio implacabile!

  • Alberto Iizuka

    Tutto ‘sto panegirico per un semplice no. Applausi meritati

  • Alessio Massa Micon

    Sto ridendo come un pirla

  • Simone Giuliani

    Se non ci fosse stato the Miz, tu saresti il poeta della giornata.