Pubblicità

Ysmsc analizza i punti di forza e i punti deboli degli attuali campioni di coppia WWE. Quale sarà il verdetto finale?

La categoria tag team in questi ultimi due anni ha vissuto di alti e bassi, alternando picchi di interesse assoluto a periodi di buio totale; generalmente, dalla formazione del team Hell No, si creavano ottime storyline che portavano a una conquista del titolo molto convincente (Kane e Daniel Bryan, lo Shield, i fratelli Rhodes) a cui però non seguiva un periodo da campioni particolarmente entusiasmante, poiché il team detentore dei titoli era troppo superiore, per star power, a qualsiasi possibile avversario, o perché una volta conquistati i titoli l'interesse a far avere ai campioni anche un buon regno è scemato, come nel caso dei fratelli Rhodes. Gli Usos sono gli attuali detentori delle cinture e sebbene non siano superstar affermate, o non abbiano conquistato i titoli tramite una storyline particolarmente entusiasmante, hanno comunque il pregio di aver posto fine all'indegno regno da campioni dei New Age Outlaws. Che dire di questi due giovani samoani e del loro primo regno come campioni di coppia?

Anzitutto, come già qualcuno saprà, gli Usos non rientrano nelle mie grazie per tanti fattori e questo mi porta ad essere spesso anche troppo critica nei loro confronti; tanto per cominciare, se il mio esimio collega Danilo li ritiene i wrestler più tecnici della federazione dopo mostri sacri come Cesaro e Daniel Bryan, io sinceramente ho sempre trovato i loro match buoni ma nulla di più, pieni di spot sicuramente spettacolari, ma non di chissà quale levatura. Tuttavia potrebbe anche questa essere una convinzione basata sul pregiudizio, perciò prendetela con le pinze.

Veniamo piuttosto ai motivi principali della mia diffidenza verso gli Usos.

Cominciamo col dire che qualsiasi tag team, a parer mio, prima o poi deve splittare e qualsiasi wrestler al mondo dovrebbe essere pronto ad affrontare una vita da competitore singolo e non . . . “limitarsi” (possiamo dire così?) ad una carriera esclusivamente in tag team; i tag team e le stable sono un ottimo modo per lanciare successivamente il singolo nell'olimpo, la WWE è piena di questi esempi, ma appunto tutto ciò presuppone che il wrestler prima o poi abbandoni quel periodo di competizione in coppia.

E dunque, ce li vedete gli Usos in una carriera come wrestler singoli?

La WWE, a mio parere, ha sbagliato a creare questi due personaggi così uguali tra loro che se non fosse per il face paint sarebbe impossibile distinguerli. Ovviamente in un tag team sta bene avere un ring attire ed uno stile anche simile, ma ognuno dei componenti deve avere un suo tratto distintivo, una particolarità che lo renda diverso dal proprio compagno, un stile suo

Riuscite a dirmi una manovra del repertorio di uno dei fratelli Uso che non sia usata anche dall'altro? Riuscite a farmi notare un qualcosa dell'aspetto di Jimmy che non ricordi anche Jey (tatuaggi e face paint esclusi appunto)? Vi viene in mente, a livello di promo, di interpretazione, di atteggiamento sul ring, una caratteristica che distingua l'uno dall'altro?

Pensate a wrestler che hanno cominciato in tag per poi passare a una carriera da singolo (chi più chi meno remunerativa), a parer vostro Edge&Christian o gli Hardy Boyz erano talmente simili da rendere impossibile distinguere il carattere dell'uno da quello dell'altro?

Gli Usos sono gemelli, questo è vero, ma pensate per un momento alle Bella twins (sì, proprio loro), sono gemelle esattamente come i samoani eppure ognuna di loro, oltre ad avere un ring attire tutto suo, adesso si sta specializzando in un particolare stile di lotta e si possono delineare dei tratti del carattere immediatamente riconducibili a Nikki o a Brie. Questo vuol dire che, paradossalmente, ognuna delle gemelle avrebbe davanti una carriera da singolo già ben definita, a differenza invece degli Usos che, in caso di split, si troverebbero a reinventarsi totalmente da zero per distinguersi tra loro, dovendo probabilmente cambiare stile, attitudine, parco mosse, forse anche gimmick, in quanto altrimenti sarebbe impossibile (ed anche inspiegabile se ci pensate) che l'uno raggiunga alti livelli mentre l'altro, ad esempio, resti a marcire nel midcarding.

La WWE al momento mi sta rendendo impossibile pensare alla carriera da singoli di Jimmy e Jey Uso e questo, come ho specificato prima, mi rende critica nei loro confronti. È vero che qualora gli Usos, o la WWE per loro, decidessero di rimanere sempre un tag team tale e quale fino al ritiro non ci sarebbe niente di male e sarebbe una scelta assolutamente rispettabile, ma mi resterebbe sempre quel senso di occasione mancata, la decisione di non voler rischiare, preferendo adagiarsi su dei personaggi ampiamente collaudati evitando di rischiare un qualcosa di nuovo e totalmente imprevedibile.

Per quel poco che ho visto, posso solo dedurre che né Jimmy né Jey hanno le caratteristiche per sfondare da singoli e forse è bene che se ne restino in tag team, ove almeno nel corso della loro carriera potranno togliersi qualche soddisfazione e magari avere più di un regno da campioni, ma allora i due samoani rimarranno per me nient'altro che questo, un buon tag team, da cui è impossibile scindere l'uno dall'altro. Magari per due gemelli questo sarà un fatto normale o addirittura positivo, ma per me proprio no.

Concludo con una valutazione del loro regno da campioni: dalla conquista dei titoli il 3 marzo in quel di Chicago, gli Usos si sono resi protagonisti di un ottimo Fatal 4 way match nel pre-show di WrestleMania (protagonisti per modo di dire, visto che i Real Americans l'hanno fatta da padroni), hanno sconfitto i Rybaxel in un match decoroso a Raw ed hanno poi incominciato una faida contro la Wyatt Family affiancando John Cena, faida che potrebbe portarli a difendere le cinture di coppia contro Luke Harper ed Erick Rowan, due avversari che mettono seriamente in difficoltà il loro regno, senza contare gli Ascension che scalpitano per debuttare nel main roster e piantarla di squashare jobber a tutto spiano. Se realmente il regno degli Usos si concludesse così, si meriterebbero niente più che un sei politico e magari anche un bel sette se si dovesse considerare solo la qualità tecnica dei match (il match a tre squadre a cui ho avuto il piacere di assistere a Roma è stato spettacolare, anche se ancora una volta gli Usos non sono riusciti a spiccare sopra le altre due squadre). In definitiva un regno passabile, che magari risente della qualità generale della categoria tag team e della qualità degli avversari disponibili; ricordiamo che la WWE ha dovuto iniziare un paziente lavoro di costruzione dei Rybaxel per renderli degli avversari quantomeno credibili per gli Usos.

Personalmente non vedo l'ora che il loro regno finisca, anche se sono conscia del fatto che, senza un check up completo della categoria tag team, i loro successori non sarebbero comunque in grado di fare molto, una menzione d'onore va comunque fatta a quest'ultima parte del loro regno, i loro match contro Harper e Rowan sono assolutamente godibili e in caso di un match titolato mi aspetto una contesa più che soddisfacente.

Jimmy e Jey Uso non sono due atleti di cui la WWE può fare a meno e sono due talenti che non andrebbero sprecati, superiori a molti tag team che nell'ultimo periodo si sono avvicendati in WWE, ma devono necessariamente cambiare qualcosa, sia che si pensi ad una carriera come singoli sia che si voglia continuare ad usarli come tag team. Parola d'ordine, tanto per cambiare: evolution.

E voi cosa ne pensate? Siete fan dei fratelli Usos? Sono stata troppo critica nei loro confronti? Ritenete che avere due stili così simili rappresenti un problema? Che futuro pronosticate per loro?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia.

Ysmsc.

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname