Diversi mesi fa, ho fatto un editoriale sulla situazione della categoria della X Division. Ho parlato dei 3 punti su cui la federazione dovrebbe lavorare: Roster, “TV Time” e storyline e maggiore caratterizzazione dei personaggi. Sul primo punto si è visto un piccolo miglioramento: son tornati Suicide, Sonjay Dutt(da questa settimana) ma al momento ma ancora un pizzico di profondità al roster. Sul “TV Time” siamo ancora ai soliti match multiuomo divertenti da vedere ma sempre identici. Sulla caratterizzazione dei personaggi e delle storyline invece si sono viste le cose migliori delle ultime settimane, visto che la federazione ha iniziato a costruire un feud che sembra destinato ad andare avanti alcuni mesi, con punti cardine le stelle della categoria. Ed uno degli atleti coinvolti è il protagonista del mio editoriale odierno: Andrew Everett.

Pubblicità

 

Atleta crescuito in Nord Carolina insieme agli Hardys in Omega e che proprio loro, insieme all’amico Shane Helms, hanno deciso di portare in TNA dopo le ottime cose mostrate da Everett in giro per le indy, soprattutto in PWG. Un eccelso high flyer che al momento farebbe faville ovunque ma che non ha iniziato al meglio la sua esperienza ad Orlando visto che lottò nell’ultimate X di Bound Of Glory 2015, edizione che si tenne proprio a Cameron, casa di Everett e degli Hardys. Dopo quel match, Everett è sparito dai teleschermi targati TNA per poi tornare ad Impact nell’estate 2016 aiutando Trevor Lee a sconfiggere Eddie Edwards e DJ Z, così da formare insieme a Gregory Shane Helms la Helms Dynasty, stable la cui idea di base del buon vecchio Huricane è quella di creare i futuri Helms nella categoria cruiser. Everett è stato proposto fin dai primi inizi come l’anello debole della stable, quello che causa le sconfitte finendo per sbagliare l’interferenza o prendersi il pin nei match tag team. Tanto che 2 mesi fa, dopo che Lee ha riconquistato il titolo della X Division grazie al Race for the Case, Helms caccia lo Skywalker dalla stable, accusandolo proprio di essere l’anello debole del gruppo, mentre Everett ha cercato di convincere Lee a far fuori Helms dal gruppo. E finalmente la TNA/Impact Wrestling ha deciso di fare una cosa un minimo sensata per la categoria dei cruiser: iniziare a costruire una faida, potenzialmente a lungo termine, fra i due wrestler che sono presenti nella categoria. Storyline che si basa su come Everett deve dimostrare di meritarsi una title shot contro Lee e l’unico modo che ha di farlo è vincere, cosa che prima del suo turn face non ha mai fatto e punto su cui si basano le provocazioni di Helms a livello di storyline: “non sei abituato a vincere e sicuramente una vittoria non basta per avere una title shot contro Lee”.

 

E così Everett ha iniziato a vincere: prima in un three way, poi un ulteriore three way e la scorsa settimana si è deciso di aggiungere un quarto atleta, rappresentato proprio da Helms, per rendere più difficile il percorso di Everett, che nonostante la presenza del più longevo campione dei cruiser della storia, riesce a portarsi a casa la vittoria e sembra pronto per otttenere la sua title shot contro Lee.

Ed infatti questa settimana Everett affronterà il technical savage con in palio il titolo della categoria..ma con un plot twist di proporzioni epiche(ma non finite male), il match non sarà un 1 vs 1 ma ci saranno coinvolti anche altri 4 atleti: DJZ(nella speranza che abbia recuperato dal grave infortunio che ha riportato lottando in Messico) Suicide, il rientrante Sonjay Dutt ed un quarto atleta che al momento non è ancora stato annunciato. Normalmente mi sarei lamentato di come ancora una volta la categoria è rilegata a match a più uomini e che i match 1 contro 1 si contano ormai sulle dita di una mano, ma in questo caso mi sento che fare un match a sei potrebbe portare a due scenari per mandare avanti il feud: due scenari diversi che vanno verso lo stesso finale.

 

Nel primo scenario, Everett si porta a casa il titolo sfruttando il fattore caciara del match e magari non pinnando Lee, così Helms potrà dire che la vittoria di Everett è stata fortunata e il nuovo campione dovrà dimostrare che la sua vittoria è stata legittima. Probabilmente Everett finirà per perdere subito il titolo nel rematch contro Lee e poi tornare ad inseguire il titolo.

Mentre nel secondo scenario mi sento che il wrestler al momento non annunciato potrà esser decisivo. Dubito si vogliano giocare la carta ritorno+ vittoria del titolo o debutto + vittoria del titolo, ma piuttosto credo che tale wrestler potrebbe finire per unirsi a sorpresa ad Helms e Lee ed impedire ad Everett di vincere il titolo. Così poi Everett potrà riprendere la sua caccia verso il titolo e sarà costretto a superare tutti gli ostacoli che saranno posizionati da Helms sul suo cammino. Finchè non arriverà al fatidico match 1 contro 1 con Lee con in palio la corona.

 

Precedentemente ho detto che entrambi gli scenari ipotizzati porterano un medesimo finale per la storyline ed il capitolo finale della storia è vedere Everett vincere il titolo in un grande palcoscenico. Slammiversary è a luglio e sarebbe il palcoscenico perfetto per incoronare ufficialmente e giustamente Everett come il futuro della X Division. Ma per ora dovrà continuare a volare alto nella Impact Zone, come soltanto lo Skywalker sa fare.

Mauro Chosen One
Nato in un paesino sperduto fra la nebbia della bassa Bergamasca, scrive per Zona Wrestling da 4 anni. Reporter di Impact, co-fondatore e co-curatore della rubrica "La Theme Song del giorno", editorialista a tempo perso. Tifoso sfegatato della Juventus e del Liverpool. Ha visto i suoi Dallas Mavs vincere le Finals. Si ritiene un gran fan di Edge,Scott Steiner, Drew Galloway Gail Kim, Emma, Bobby Roode, AJ Styles, Eli Drake, ECIII, Revival e tanti altri wrestler che non son tifati manco dai loro genitori. Sogna di diventare il nuovo Ron Burgundy.
  • leo

    Everett vs Lee può essere un buon inizio per la rinascita della X Division, però la categoria va rinforzata parecchio per il futuro, questi due non possono andare avanti all’infinito