Pubblicità

Si dice che Edge sia stato l'unico wrestler ad aver costruito tutta la sua carriera (da singolo) partendo dalla vittoria del Money In The Bank, autodefinendosi “The Ultimate Opportunist”, un nome che lo ha accompagnato fin quasi alla fine della sua carriera. Si dice che nessuno sia poi stato in grado di sfruttare quella valigetta a dovere. Si sono susseguiti personaggi che non avevano certo bisogno del MITB per elevare il loro status (Kane, John Cena, Randy Orton), vincitori dimenticabili (Jack Swagger) vincitori mal sfruttati (Damien Sandow e il suo sacrificio sull'altare del pushamiJohnCena) e così via. E poi siamo arrivati a Seth Rollins.

Non si vedeva da tanto un possessore della valigetta gestito così bene, certo ha avuto i suoi scivoloni, le sue sconfitte, ha avuto quei momenti in cui sembrava essere caduto nel vortice del “sono Mr MITB dunque jobbo a tutti”, ma è anche vero che Rollins detiene la valigetta dorata ormai da sei mesi ed in un periodo di tempo così lungo è normale che non sia stato gestito sempre al meglio. Da parte sua, Seth Rollins si è ritagliato uno spazio in cui i più credevano non si sarebbe mai trovato, lo davano già come un giovane buono solo per fare degli spot spettacolari durante i suoi match, un midcarder, invece si sono ritrovati non solo un performer che ha dimostrato di potersi confrontare con gli avversari più disparati, nei palcoscenici più diversi, ma anche un character convincente, un heel come si deve, in grado di trascinare uno show quando serve, un personaggio che il più delle volte non si è nascosto dietro la figura dell'heel codardo, ma che si è posto come un giovane pieno di voglia di fare e ansioso di mettersi alla prova, seppur schierandosi dalla parte dei cattivi e facendosi dare una mano in alcune occasioni; bisogna ammettere che ci vuole coraggio nel decidere di affrontare Brock Lesnar, anche se sai di avere due guardie del corpo al seguito.

Se il premio di character dell'anno gli è stato soffiato sotto il naso da Dean Ambrose, Seth Rollins si è meritatamente conquistato il premio di “Most improved wrestler” del 2014, un'ascesa che non accenna a fermarsi data l'eccellente prestazione alla Royal Rumble e la storyline attorno al titolo del mondo dalla quale non può ancora chiamarsi fuori essendo possessore della valigetta.

Sembra che la WWE abbia deciso di puntare su Rollins come uno dei suoi uomini di punta per gli anni a venire ed i fatti dimostrano che la loro scelta si sta rivelando azzeccata, sperando che nel lungo periodo i fatti continuino a darci ragione.

Il povero Dean Ambrose al momento sembra essere stato messo da parte, non fraintendetemi, la WWE continua a dargli spazio, ma è palese che adesso preferisca concentrarsi sugli altri due membri dello Shield, costruendo l'uno come top face e l'altro come top heel. E se anche Rollins fosse stato in qualche modo “scelto” per quel ruolo, non ci vorrebbe un genio per capire come mai, al contrario di Reigns, non resta inviso al pubblico: le sue abilità sia in ring che al microfono sono lontane anni luce da quelle di Roman Reigns, che viene visto dai più come un wrestler che ha ottenuto il suo spot perché qualcuno ha deciso di mettercelo senza assicurarsi che ne avesse le qualità, al contrario di Rollins, che ha più volte dimostrato di meritarsi di stare dove sta.

Adesso per Rollins c'è un PPV da cui è al momento fuori dai giochi (Fast Lane) e poi il grande palcoscenico di WrestleMania, dove tutti e tre gli ex membri dello Shield dovrebbero disputare il loro primo match in singolo (dico “dovrebbero” perché con Dean Ambrose non si può mai dire, no, hai visto mai, le pazzie dei booker). L'avversario più papabile per Rollins potrebbe essere un rientrante Randy Orton, con cui ha un feud in sospeso ormai da mesi; il feud in sé si scriverebbe da solo, terrebbe occupato Rollins mentre Reigns, Bryan, Lesnar e via dicendo sarebbero in altre faccende affaccendati e gli darebbe la possibilità di competere a WrestleMania in un match di rilievo. Qualità della contesa? Orton è un wrestler dalle prestazioni altalenanti, ma sappiamo che se l'avversario è di alto livello lui riesce ad adeguarsi senza troppi problemi, perciò con Rollins dovremmo andare sul sicuro.

Un altro avversario potrebbe essere Daniel Bryan, se questi venisse escluso dal main event di WrestleMania, il match sarebbe spettacolare, l'effetto “inedito” un po' meno dato che i due si sono affrontati già altre volte. In ultimo, Seth potrebbe riuscire ad inserirsi ancora una volta nel match per il titolo per trasformare il tutto in un Triple threat, cosa che però avrebbe un sapore di forzatura ancor più marcato che nel caso della Royal Rumble.

E qui concedetemi una breve parentesi: se la Royal Rumble per voi ha ancora uno straccio di senso, siate coerenti con voi stessi e non togliete a Roman Reigns il suo posto a WrestleMania, se proprio volete trasformate il tutto in un Triple threat o in un Fatal 4 way, aggiungeteci chi vi pare, ma non vi azzardate a togliere Reigns dal suo posto. Non che io sia entusiasta all'idea di un Lesnar vs Reigns, ma abbiamo visto troppi PPV violentati ripetutamente nel corso di questi ultimi anni, la Royal Rumble sembra stia perdendo sempre più dignità e con quale coraggio adesso volete toglierle anche l'ultimo punto fisso che le rimane, ossia che il vincitore di essa ha il main event (o almeno il match per il titolo del mondo) di WrestleMania in tasca? Davvero vogliono creare un pericolo precedente in cui vincere la Rumble non conta nulla, dal momento che il posto ti può essere tolto in qualsiasi momento?

Avete fatto la meenchiata, adesso conviveteci con un po' di dignità, grazie.

Sto divagando, perdonatemi, l'argomento era Seth Rollins. Un paio di settimane fa scrissi che la WWE doveva sbrigarsi a costruire i top heel del futuro, oltre ai top face, e Rollins ha tutte le carte in regola per ricoprire questo ruolo.

Voi cosa ne pensate? Siamo di fronte a un novello Edge? È stato gestito bene come possessore del Money In The Bank? Che ruolo vedreste più adatto a lui nel lungo periodo? E per WrestleMania quali sono gli scenari possibili per lui? È destinato ad incassare la valigetta su Roman Reigns il prima possibile, entrando a far parte di un piano ancora più a lungo termine che lo vedrà scontrarsi con il samoano in una serie di match per il titolo?

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra che ho detto la mia

Ysmsc.

Ysmsc
Celeste "Ysmsc", gli utenti stanno ancora cercando di capire come si scrive il suo nome, lei sta ancora cercando di capire cose le succede intorno. Scrive con orgoglio i report di Raw e le sue amate FLOP 10. Le cose che ama di più sono il wrestling, il cibo giapponese e Killer Mask (non necessariamente in quest'ordine). Si sentirà realizzata quando non si useranno più i tasti "copia-incolla" per scrivere il suo nickname