Pubblicità

29 Giugno 2015, PWI esclude il TNA World Heavyweight Championship dalla lista dei World Championships lasciando al suo interno solo ed unicamente il WWE World Heavyweight Championship. Ma cosa significa realmente essere riconosciuto World Championship e soprattutto quali dovremmo ritenere tali? PWI ha proprio ragione?

Vi dirò che fin dall’inizio ho amato alla follia la questione. Come faccio a riconoscere un titolo come World? C’è chi dice che sia per il fatto di dove è stato difeso, se nel resto del mondo o no. Dalla caratura della federazione? Può essere. Cominciamo dall’analizzare i titoli che il PWI ha considerato come mondiali.

 

 

NWA World Heavyweight Championship. Forse il più leggendario tra i titoli del panorama del pro wrestling. Una cintura che ora non gode di grande considerazione, vogliamo parlare del perché? Vi dico solo Rob Conway. Curioso come il titolo sia stato difeso in Giappone di recente, è stato vinto anche da Tenzan e Kojima. Eppure persino in NJPW viene trattato quasi come un titolo da midcarding, relegato spesso in fondo alla card. Peccato. Ufficialmente, PWI riconosce due periodi in cui l’NWA World Championship poteva essere considerato tale, Luglio 1948 – 11 Gennaio 1991 (il primo). Nel 1948 si forma ufficialmente la NWA ponendosi a capo di una federazione TRA federazioni e riconoscendo come unico e indiscusso campione solo il proprio. Per quanto riguarda la fine, 11 Gennaio 1991, Ric Flair batte Sting per il titolo NWA ma viene ufficialmente annunciato come WCW World Champion. Il secondo periodo in cui viene riconosciuto World Champion, è tra l’8 Maggio 2006 e il 13 Maggio 2007. Il titolo assume di nuovo grande importanza in TNA e soprattutto viene riconosciuto nell’elite del wrestling durante il regno di Christian Cage, peccato che il tutto finisca un anno dopo quando a Kurt Angle viene ufficialmente strappato il titolo, il tutto dovuto alla fuoriuscita della TNA dalla NWA.

 

 

AWA World Heavyweight Championship. Il titolo più importante della AWA, diventa titolo del mondo a partire dall’Agosto 1960 al Dicembre del ’90. Titolo veramente storico che ora appartiene, insieme all’immensa libreria video della federazione, alla WWE. Tra i campioni da annoverare, Curt Hennig, Jerry Lawler, Nick Bockwinkel, Larry Zbyszko.

 

 

 

 

 

 

 

ECW World Heavyweight Championship. Il titolo massimo della ECW. La durata del riconoscimento di World Championship è seconda solo a quella del NWA Championship in TNA. Difatti l’ECW Championship dura dal 6 Luglio 1999 all’11 Aprile 2001. Curiosamente il titolo diventa mondiale durante il regno di Taz che, secondo PWI, ha conferito un valore decisamente alto alla cintura. Nel mentre Taz ha unificato il titolo massimo con il FTW Heavyweight Championship di Sabu. La cintura rimane considerata mondiale fino alla chiusura della ECW, ultimo campione Rhyno.

 

 

 

 

 

 

 

 

WCW World Heavyweight Championship. Il titolo che probabilmente ha più fatto concorrenza a quello WWE negli ultimi 25 anni. Ovviamente il WCW Championship diventa “World” lo stesso giorno in cui Flair diventa NWA Champion l’11 Gennaio 1991, difatti fuoriuscendo dalla NWA è la WCW a costituire la prima federazione tra le due. Naturalmente seconda solo alla WWE, almeno all’epoca. Titolo importante quanto l’allora WWF Championship. La definizione di World Championship finisce esattamente il 26 Marzo del 2001 con l’ultima puntata di Monday Nitro, ultimo campione Booker T.

 

 

 

 

 

 

 

TNA World Heavyweight Championship. Ecco l’ultimo World Championship che ha perso il suo status. Proprio come scritto nella premessa il TNA Championship non viene più riconosciuto come World da PWI. Ufficialmente riconosciuto dal Maggio del 2007, quando Jeremy Borash annuncia che si terrà un match per determinare il primo TNA World Heavyweight Champion della storia. Un titolo che, secondo me, comincia a perdere di valore nel momento in cui Chris Sabin sconfigge Bully Ray ad Hardcore Justice nel 2013. Sabin va ad interrompere un gran momento di Bully Ray e da lì comincia il declino. Si susseguono i regni di Magnus, Eric Young, Lashley per arrivare ad ECIII. Non fraintendetemi, mi piace molto quest’ultimo… eppure per me non è l’uomo adatto per rilanciare la TNA. PWI ci ha messo del suo per tentare di dare il colpo di grazia.

 

Naturalmente parlare del WWE Championship non è neanche necessario, è e rimarrà il World Championship per eccellenza. Vorrei però aggiungere alcune mie osservazioni personali per quanto riguarda i vecchi, cosiddetti “World Championship”. L’NWA World Heavyweight Championship ha avuto un declino, a mio parere abbastanza immeritato, in fin dei conti è stato il primo World Championship dell’era moderna e vederlo bistrattato in WCW, poi in ECW (la questione Shane Douglas) e successivamente in TNA. Spero in una ripresa prima o poi, di questa federazione e del suo titolo massimo. A questo proposito vorrei consigliarvi un DVD, “History & Tradition: The Story of The National Wrestling Alliance”, non ve ne pentirete. Per quanto riguarda l’AWA il titolo è stato riattivato quando Dale Gagne ha fondato la AWA Superstars of Florida, ora viene difeso in Zero-1 come Zero-1 World Heavyweight Championship. Parlando dell’ECW Championship, a mio parere, poteva essere considerato come World Championship sin dal PPV Barely Legal del 1997. Difatti, fin dal primo PPV ECW, la popolarità della ECW era decisamente popolare e i nomi che hanno detenuto il titolo sono diventati leggende, Raven, Terry Funk, Sabu, Tommy Dreamer, Jerry Lynn. Per me il titolo potrebbe essere considerato ancora come mondiale fino al regno di CM Punk in ECW. Onestamente RVD era ECW e WWE Champion contemporaneamente e il ritorno del titolo estremo fu in pompa magna. Poi i regni si alternano, da RVD a Big Show, dimenticando quello di Vince McMahon magari. Il titolo passa definitivamente in secondo piano da Chavo Guerrero, la difesa a Wrestlemania contro Kane, in poi. E il WCW Championship? Beh rimane comunque un titolo mondiale anche in WWF, la WWE riconosce tuttora i cambi di titolo tra il la chiusura della WCW e l’unificazione con il WWF Championship.

E ora arriviamo alla questione davvero spinosa. Nel panorama “wrestlinghiano” di oggi possiamo definire World Championship qualche altra cintura che non sia quella WWE? Abbiamo realmente dei titoli “pesanti” che possono essere definiti, non dico all’altezza, ma che comunque possono dare importanza al lottatore che li porta? Ora come ora, sono praticamente tutti World Championship (per quanto riguarda il nome attribuito proprio dalla federazione), l’Evolve World Championship, il CZW World Championship, il PWG World Championship.

Magari mi contesterete, magari qualcuno sarà d’accordo ma secondo me sono solo due i titoli che potrebbero legittimamente fregiarsi del titolo “World”: il ROH World Championship e l’IWGP Heavyweight Championship.

 World Championship. Il 27 Giugno 2002, una piccola e nascente federazione, mette in palio il suo titolo, l’ROH Championship, in un match a 4 per sancire il suo primo campione. A venirne fuori è Low Ki, un giovane lottatore in rampa di lancio che riesce a battere lottatori già affermati, come ad esempio Christopher Daniels. Oggi, 13 anni dopo, quella compagnia è ormai la seconda degli Stati Uniti e probabilmente la terza al mondo solo dopo la NJPW. La stessa ROH ha provveduto a dichiarare il suo titolo World durante il regno di Samoa Joe, dopo alcune difese titolate in giro per il mondo. A mio parere, il ROH Championship, può tranquillamente essere considerato World. Gode di notevole visibilità, annovera uno dei palmares più concreti e con più talento della storia (Samoa Joe, CM Punk, Bryan Danielson, Jay Lethal…) e soprattutto è stato difeso in più promotion finora.

 

 

IWGP Heavyweight Championship. Come può il PWI non considerarlo World Championship?! Il titolo della seconda promotion al mondo, con una fanbase gigantesca e diffusa in ogni continente. Anche qui, un palmares incredibile (Tanahashi, Nakamura, Lesnar, Mutoh, Okada). Per di più grazie al regno di Styles, il titolo è arrivato anche in America, in ROH, in HOH e altre promotion più piccole. Interessante vedere come si evolverà ora il regno di Okada, che io non amo, ma che magari può portare avanti buone rivalità. L’unica cosa che non tollero riguardante l’IWGP Championship è lo sviluppo delle storyline, ma quello vale per tutta la NJPW.

 

E voi cosa ne pensate? Quali pensate siano le federazioni che possono annoverare un “Real World Championship”?

ADIOS!

P.S. tranquilli, non ho dimenticato il World Heavyweight Championship della WWE ma a pensarci mi viene troppa nostalgia! 

Antonio
Fan delle indy e appassionato WWE fin da Wrestlemania XX. Estimatore dei wrestler tecnici ed innamorato di Aj Styles e Shinsuke Nakamura. Editorialista e recensore per Zonawrestling.net, traduttore freelance e nerd a tempo indeterminato.