Pubblicità

Benvenuti cari lettori alla Review di questa edizione numero 12 di Slammiversary. La card era piuttosto interessante, vediamo come è andato il PPV. Alla tastiera il vostro Marco Giannelli.

Ladder Match for the TNA X-Division Championship: Sanada (c) vs. Davey Richards vs. Eddie Edwards vs. Manik vs. Tigre Uno vs. Crazzy Steve 8-

Match of the night a mani bassissime, ottimo modo di cominciare un PPV che successivamente avrà pochi picchi alti nel proprio svolgimento. Grande prestazione di buona parte dei partecipanti. Crazzy Steve era lì per fare simpatia, dato che del suo moveset non abbiamo visto praticamente nulla. Sanada invece sta dimostrando di meritare questo spot, e a quanto pare sarà lui ad andare per il titolo mondiale a Destination X. Dei Wolves che dire, fantastici, sono stati loro la colonna portante di tutto l'incontro con le loro combinazioni, i loro scambi e i loro spot. Bravi anche Tigre Uno e Manik: se sul secondo non avevo dubbi, sul primo ero ancora incerto ma mi ha veramente convinto. Ottimo mix di tecnica e voli, tutto molto bello.

Winner and still TNA X-Division Champion: Sanada

Qualification Match for the main event: Bobby Lashley vs. Samoa Joe 4

Nella preview scrivevo: Joe è una vita che jobba a  minchioni, figuriamoci ad uno che ha battuto pulito il campione mondiale in 5 minuti. Ecco la mia previsione si è avverata e nel peggiore dei modi. Su Lashley non avevo dubbi che fosse un paracarro, ma devo dire che anche Joe non mi sta piacendo. Complice la sua gestione con il culo, il buon samoano si è trasformato in un wrestler alla RVD, scazzato come non mai. Male, anzi malissimo. Match lentissimo e orrendo, che ha rubato fin troppi minuti ad alcuni match successivi.

Winner: Bobby Lashley

Magnus w/Bram vs. Willow w/Abyss 5.5

I due hanno dimostrato di non avere una grande alchimia più volte e domenica non ha fatto eccezione. Temevo che Hardy facesse lo stronzo, fortunatamente ha jobbato ed in modo piuttosto pulito ad un Magnus che aveva bisogno di una vittoria di più rispetto ad una notte con Mickie James. Mezzo voto in più per questo. Per il resto, l'incontro si è trascinato piuttosto lentamente verso poi l'intervento finale dei due enforcer e allo schienamento del britannico che lo rilancia tra i top name della TNA.

Winner: Magnus

Hall Of Fame Induction

E così sarà il Team 3D ad essere introdotto nell'Arca della Gloria che per adesso conta solo i nomi di Sting e Kurt Angle. Segmento emozionante e aspettiamoci un'ultima passerella per una delle coppie con più titoli nel proprio albo, ed una delle più importanti degli ultimi vent'anni.

 

Qualification Match for the main event: Kenny King vs. Austin Aries 6+

Questi due liberi su di un ring possono fare un match da 8. Slammiversary però è stato il PPV delle occasioni mancate e questo incontro è l'esempio lampante. I due hanno dato vita ad un incontro sufficiente o poco più, limitandosi però a fare il compitino e senza una voglia di esaltare che dovrebbe essere insita nelle loro caratteristiche e nella loro fame di andare al top. Vince, come da mio pronostico double A, diamante mai troppo sfruttato, se non nel suo primo regno nella X-Division. King deve tornare proprio nella divisione che più gli si addice.

Winner: Austin Aries

The Von Erichs vs. The Bromans 6 politico

Vetrina più o meno noiosa per i nuovi Von Erichs accompagnati dal padre. Parto dal finale. Piuttosto che una vittoria sporca con intervento di Kevin, avrei ben visto un'affermazione dei due debuttanti. Ho trovato Marshall molto più avanti di Ross sul ring nonostante sia anche più giovane di 5 anni (e alla tenera età di 21 anni punto su di lui). Vediamo se andranno a rimpolpare una categoria tag team praticamente morta.

Winners: The Von Erichs by DQ

Knockouts Championship: Angelina Love (c) w/Velvet Sky vs. Gail Kim 5

Poteva essere un buon match ed è stata la sagra dell'overbooking. Dico è troppo difficile buttare due buone performer su di un ring e bookare in modo semplice un incontro? E fu così che venne fuori la controversia dei due arbitri, una cagata immonda per far mantenere il titolo in modo sporco ad Angelina. Eppure fino a quel momento non si era visto nulla di così immondo..

Winner and still TNA Knockout Champion: Angelina Love

Texas Deathmatch: Ethan Carter III vs. Bully Ray 6.5

Questo è il match classico in cui l'overbooking ci sta e anche bene e così è stato. Una contesa abbastanza solida, con un Bully Ray bravissimo a prendere EC III per mano e portarlo a disputare un incontro abbastanza duro. Bully Ray è perfetto nel far crescere i giovani, sia durante le puntate settimanali quando deve interagire con il microfono alla mano, dando interesse alla storyline che occupa, sia sul ring, dove è una sicurezza. EC III porta naturalmente avanti la sua streak che ora è davvero importante visto che vanta tutti gli Hall Of Famer della TNA più altri nomi di un certo livello.

Winner: Ethan Carter III

James Storm vs. Mr. Anderson 4
Di buono o di cattivo gusto, la faida aveva assunto una certa rilevanza ad IMPACT, specialmente per i nomi in gioco. Poi si arriva in PPV e, visto che erano andati troppo lunghi in altri match (Joe vs. Lashley per dire), hanno riservato 5 minuti a quello che è stato solo un segmento per coinvolgere i giocatori dei Cowboys a bordo ring. In più ennesima sconfitta per Storm, sempre meno credibile, ed ennesima vittoria inutile per Anderson. Quando capirà la TNA che il fenomeno è Storm?
Winner: Mr. Anderson

3-way Steel Cage Match for the TNA World Heavyweight Championship: Eric Young (c) vs. Bobby Lashley vs. Austin Aries 7
Quando il tuo Daniel Bryan viene fischiato e viene applaudito l'avversario, c'è qualcosa che non va. Così è successo ad Eric Young nello scambio di cazzotti avuto con Austin Aries; il pubblico chiaramente non è stupido, e l'illogicità dietro alla vittoria del titolo di Young non è finita nel dimenticatoio. Parliamo di un buon incontro, con ottimi spot di tutti i wrestler (Spear di Lashley, doppio Fireman's Carry Slam e Elbow Drop dalla cima della gabbia di Young), anche se mi sarei aspettato un pò di più da Aries. Niente male, specialmente in questa morìa generale.
Winner and still TNA World Heavyweight Champion: Eric Young

PPV
Da Sacrifice non ti aspetti nulla e ricevi nulla, per questo non ti senti di essere troppo cattivo. Da Slammiversary, così come dalle Survivor Series ti aspetti tanto. E così come fui cattivo con le Series dello scorso anno (4 al PPV). A parte lo spreco di alcuni talenti (per dire, addirittura Roode inutilizzato) e il gusto mancato di vedere MVP campione, è stato un evento che mi ha fatto davvero arrabbiare tanto. Perchè me la prendo? Perchè alla TNA un tempo ci tenevo ed ora ho un prodotto diverso da quello del pre-2010 che non mi soddisfa per nulla.
Voto: 5.5