In una recente intervista con la stampa, Triple H ha parlato molto di Roman Reigns, suo avversario durante l’ultima Road to WrestleMania, a cui ha ceduto il titolo del mondo proprio nello showcase of immortals “Si è trattato di una situazione stimolante da parecchi punti di vista. Roman è un personaggio unico in questo business, uno di quelli polarizzanti, come John Cena. Sicuramente lo è se sei di fronte a 100.000 persone e si prospetta un evento da più di sei ore. Sono soddisfatto di quanto fatto anche se non mi sono riguardato. La cosa buffa è che a questo punto della mia carriera quando riguardo i miei match fatico a guardare gli aspetti positivi. Ma c’ero, so più o meno come sono andato e, si, sono contento di come è andata. Credo che siamo andati bene e che abbiamo fatto quello che dovevamo. Per me siamo arrivati al punto dove dovevamo”.

Pubblicità

Su Reigns e sul suo atteggiamento da “tweener”, Triple H ha spiegato: “Si, credo che il mondo sia diverso adesso. Penso che ad un livello così alto è molto difficile dire se qualcuno è un buono o un cattivo. Se girate su internet e guardate conversazioni su qualsiasi argomento, che sia politica, musica, sport, qualsiasi cosa, troverte gente che la pensa come voi e gente che la pensa all’opposto di quello che pensate. Questo rinforza la vostra posizione no? Quindi credo che il tempo dei buoni e dei cattivi sia finito. Qualsiasi cosa tu faccia, non importa se sei la persona peggiore del mondo che fa le cose peggiori del mondo, c’è sempre qualcuno che dice ‘Mi piace questo, è figo, mi piace che sia cattivo, è figo’. Ci sono persone che poi vogliono l’eroe che non si arrende, ecc”.

Triple H ha poi aggiunto: “Credo che vi ritroverete in questo. La reale posizione del businessi n questo momento, e quello che facciamo noi, è essere veri. Essere se stessi, essere veri con il personaggio che si crea. Se sei vero, se ci credi veramente e lo senti tuo, la gente farà lo stesso, positivamente o negativamente, saranno dalla tua parte in un modo o nell’altro. Se ti allontani da quel personaggio, allora non vieni creduto perchè la gente vede in te solo apparenza”.