Intervistato da Journey of a Frontman, l'ex WWE Tyler Reks ha parlato dei suoi colleghi 'scontenti', della loro attuale posizione in WWE e di veterani come Regal e CM Punk:

Pubblicità

Zack Ryder: "La discesa di Zack Ryder in WWE è stata uno schifo. Quel ragazzo ha un sacco di fan e non capisco perché non abbiano più gradito la sua presenza sulla cresta dell'onda. È come se d'un tratto l'avessero affossato, così da un giorno all'altro. Ma lui continua a scalciare, continua a rimarcare che non gli piace il dimenticatoio e che c'è! È un mio grande amico, è un innovatore ed i suoi fan gli vogliono molto bene. Sono certo che tornerà alla ribalta un giorno".

Matt Striker: "Lui è un altro grande, ha una conoscenza strepitosa ed è il tipo di persona capace raccontarti una storia che va oltre al semplice wrestling lottato. Mi ricordo che guardava tutti i match ed i promo di me e Hawkins, poi ci prendeva da parte un minuto e ci diceva velocissimamente ciò che gli era piaciuto, ciò che dovevamo migliorare e se avessimo potuto osare di più. Ed il 99,9% delle volte aveva ragione."

William Regal: "È un libro di sapienza. Ci dava consigli e ci aiutava su ogni singola cosa. Per esempio ci ha spiegato come interagire meglio con il pubblico creando un contatto visivo con gli spettatori più agitati, come farli reagire positivamente o negativamente a seconda delle esigenze, come prenderti il tuo tempo sul ring e come craere un buono storytelling. Queste sono le cose che puoi imparare solo lavorando con esperti come lui."

La transizione da Johnny Curtis a Fandango : "A me la gimmick di Johnny Curtis ad NXT piaceva molto. Era un po' strana, paurosa, perversa. Lo chiamavamo Creepy Curtis. Di certo non era un personaggio come Fandango, di cui ti ricordi per forza i vestiti, gli atteggiamenti e che cosa fa sul ring. Credo che Hunter e Vince volessero di più rispetto a Creepy Curtis: un personaggio sopra le righe capace di attirare l'attenzione ed i giudizi del pubblico" 

L'addio di CM Punk : "Io e Punk siamo concoscenti, non utilizzerei la parola amici perché non c'è mai stato un solido rapporto di amicizia tra di noi, parlavamo, ci divertivamo assieme, mi ha dato preziosissimi consigli sul wrestling, ma niente di più. Non è una persona facile da capire, ma la sua scelta la condivido appieno, qualsiasi cosa sia realmente accaduto. Quando arrivi ad un punto in cui il tuo fisico risente della vita on the road e di tutti i match che fai e sei mentalmente stressato per un sacco di altre ragioni extra wrestling che siano il ritorno di part timer, questioni sullo stipendio e simili,allora capisco bene la voglia di allontanarsi da tutto e prendersi del tempo per se stessi".

Ultimo consiglio per gli atleti che vengono licenziati dalla WWE: "Io sono stato fortunato perché ho una laurea in ingegneria civile e capendoci qualcosa di Internet, ho fondato una società di marketing online con mio cognato. Il segreto comunque è non abbattersi mai ed essere in grado di reinventarsi in altri settori. Oppure entrare a far parte dello staff di Body Spartan con me!"

 

Fonte: WrestlingInc.com & ZonaWrestling.net