Pubblicità

Saitama Super Arena, Tokyo, Giappone.

UFC Fight Night 52.

Un main event che potrebbe valere da solo il prezzo del biglietto in una card non proprio da bava alla bocca. Ma Nelson vs Hunt può diventare un classico di questo sport. Vediamo come è andata in questa review:

Pesi mosca, Kyoji Horiguchi (#14) vs Jon Delos Reyes

Il match non finisce il primo round, Horiguchi è una furia e mette subito per terra Reyes che riesce a tornare in piedi e prova ad attaccare, ma senza fortuna perchè Horiguchi è veramente molto in forma e connette un gancio sinistro potentissimo a un minuto dalla fine del round, pugno che storidsce Reyes, il quale è finito col ground & pound a terra.

Winner by TKO: Kyoji Horiguchi

 

Pesi welter, Kiichi Kunimoto vs Richard Walsh

Primo round dominato dall'aussie Walsh che rischia due volte di ottenere il knockout, prima con un gran gancio poi con un calcio che sfonda il naso del giapponese. Ma il nipponico regge l'urto, è sofferente e sanguinante, ha perso nettamente il round, ma sta tenendo botta dopo il ciclone iniziale. Grande impressione destata da Walsh, soprattutto come durezza e potenza dei pugni.

Il secondo round non è bello quanto il prima, Walsh amministra, mentre Kunimoto sembra essere in riserva d'ossigeno, il naso è abbondantemente rotto e non pare in grado di impenserire l'australiano che è partito a mille ed ora tiene botta senza particolare fatica.

Nell'ultimo round, dopo 3 minuti piuttosto statici e noiosi, Kunimoto porta a terra Walsh ed è in posizione alle spalle molto positiva, cerca la ghigliottina senza fortuna perchè la difesa dell'australiano è molto competente, il mento basso non consente al nipponico di chiudere la presa.

Kunimoto ci prova fino in fondo, ma non riesce a portare a termine il suo intento, tuttavia l'assurdità dei giudici porta a far vincere per decisione non unanime, il giapponese ed ovviamente Walsh è molto contrariato. Assurda decisione dei giudici, Walsh paga il fatto di non aver saputo chiudere l'incontro mentre il giapponese si salva e vince grazie ad un ultimo round molto positivo.

Winner by split decision: Kiichi Kunimoto

 

Pesi piuma donne, “Cupcake” Miesha Tate (#2) vs Rin Nakai

Non proprio brillantissimo il primo round, Nakai prova a portare a terra la Tate, ma le difesa dell'ex campionessa Strikeforce sono ottime. La Tate ci prova con le gambe e con il jab, è più alta ed ha braccia più lunghe della giapponese quindi arriva a bersaglio con relativa facilità. Primo round a favore della Tate, ma la battaglia è tutt'altro che scontata.

Prosegue il canovaccio dell'incontro, la Tate prova a chiudere la contesa in piedi a suon di ganci mentre la Nakai cerca di portare a terra l'americana che mostra il solito invidiabile judo per fronteggiare e respingere gli assalti dell'avversaria. Nei clinch, la Tate fatica ma comunque la situazione è sotto controllo seppur la nipponica stia lavorando molto bene con i takedown.

Terzo round che vede la Nakai all'assalto, porta ancora a terra la Tate, la frustra con un tentativo di ghigliottina, match meno scontato di quello che si pensava in partenza anche perchè l'ex campionessa Strikeforce sembra molto stanca a differenza della Nakai che è molto propositiva ed in forma.

L'incontro arriva ai punti, poco spettacolo, tanta sostanza ed intensità, ma la Tate non vince prima del limite nonostante sia chiaramente in vantaggio rispetto l'avversaria che desta un'ottima impressione in questo match molto complesso per lei. I giudici premiano l'americana per decisione unanime.

Winner by unanimous decision: “Cupcake” Miesha Tate

 

Pesi welter, Yoshimiro Akiyama vs Amir Sadollah

Round 1 a favore di Akiyama che porta a terra Sodallah, il quale fatica a chiudere la distanza e non riesce a trovare la strategia adatta per sorprendere il nipponico. Round iniziale piuttosto bloccato e bruttino.

Sadollah non c'è proprio, mentre il giapponese è carico a mille, trova un gran diretto che mette per terra Sadollah, il quale però si difende alla grande dal nuovo assalto dell'avversario, tuttavia il match sembra segnato ed indirizzato, Sadollah incapace di reagire e sanguinante al naso.

Terzo round ancora a favore di Akiyama, calci, pugni, calci rovesciati, un intero arsenale ed ancora Sadollah portato a terra.

Tre round di puro dominio per Akiyama che vince ai punti senza problemi.

Winner by unanimous decision: Yoshimiro Akiyama

 

Co-Main Event, Pesi leggeri, Myles “Fury” Jury (#9) vs Takanomi Gori

Ci si aspettava la sorpresa, ma non c'è stata anzi l'incontro dura un minuto e mezzo poi Jury entra con un tremendo gancio su Gomi che va per terra stordito e poi è finito dal ground & pound del favorito. Grande affermazione per Jury, rimandato Gomi. Sesta vittoria a fila per Myles Jury, undicesima vittoria al primo round, continua la sua scalata.

Winner by TKO: Myles “Fury” Jury

 

Main Event, pesi massimi, Roy “Big Country” Nelson (#8) vs Mark “Super Samoan” Hunt (#6)

Due veteranissimi a confronto, due fra i migliori pesi massimi del mondo e della UFC, mento d'acciaio e pugni di titanio. Lo spettacolo non manca in questo main event dello spettacolo giapponese.

Ottimo primo round per Nelson, Hunt ancora fatica ad entrare nel match, mentre l'ex vincitore dell'Ultimate Fighter season 10 trova buone combinazioni in piedi con i suoi pugni ed anche qualche calcio a segno. Primo round tutto a favore di Nelson, Hun sembra spaesato e poco concentrato.

Il secondo round di Hunt è di tutt'altra pasta, il samoano è più aggressivo, più preciso, Nelson sembra già in debito d'ossigeno e Hunt ne approfitta per andare a bersaglio. Dopo circa 3 minuti, Hunt indovina un uppercut che è una locomotiva in pieno mento per Nelson che vola a terra come un sacco di patate per il knockout decisivo.

Splendida vittoria per Hunt che prosegue la sua ricerca di un incontro per il titolo, Nelson ancora rimandato nel momento della verità. Primo fighter ad aver messo k.o. Nelson, nuovo record per Hunt.

Per Hunt, si aprono le porte o di Andrei Arlovski o Josh Barnett.

Winner by knockout: Mark “Super Samoan” Hunt

 

Bonus della serata:

Performance of the Night: Mark “Super Samoan” Hunt & Myles “Fury” Jury

Fight of the Night: Kyung Ho Kang vs Michinori Tanaka (preliminary fights)

 

Commento Evento:

Due lampi nel co-main event e nel main event, non risollevano un evento piuttosto piatto, senza nessuna sorpresa e con una card decisamente poco accattivamente.

Questi eventi in terra giapponese continuano a non convincermi, troppo poco star power per gli atleti asiatici che indubbiamente stimolano pochissimo il tifo per la loro causa.

Hunt vince un incontro importante contro Nelson che lo rilancia al vertice della classifica di categoria, mentre Jury annienta in pochi minuti un avversario ostico e tifatissimo come Gori.

La Tate vince ma fatica parecchio per aver ragione della Nakai e dimostra ancora una volta come la Rousey non ha rivali in categoria. Gli altri incontri scarsamente sufficienti per un evento non proprio esaltante.

Voto: 5,5

 

Appuntamento a sabato prossimo, UFC 178: Johnson vs Cariaso.

MarcoManiac83
Il più "storico" di Zona Wrestling, grandissimo appassionato di basket NBA e fan UFC, ancora oggi in cerca dell'Eldorado. Festeggia quest'anno i 10 anni di collaborazione con ZW...oh my brother, testifyyyyy!