UFC Fight Night 59: McGregor vs Siver

Pubblicità

Boston, Massachussets

 

Secondo appuntamento dell'anno per la UFC, siamo nell'est degli Stati Uniti, al TD Garden di Boston ed abbiamo due incontri molto interessanti in programma. L'incredibile Cerrone prova a fare il passo decisivo verso la title shot, provando a sconfiggere l'ex campione pesi leggeri Henderson.

Allo stesso tempo, anche lo stesso McGregor prova a superare un avversario duro e tosto come Siver per arrivare al match per il titolo. Qui sotto la review dell'evento:

Pesi leggeri, “Stormin'” Norman Parke vs Gleison Tibau

Primo round molto interlocutorio, i due non si scoprono, aggrediscono poco e continuano a muoversi nell'ottagono. Entrambi sono ottimi grappler, ma il brasiliano Tibau è migliorato alla grande anche nello striking, un match aperto che per ora non ha offerto molto al pubblico di Boston, carichi a molla visto che i Patriots torneranno a giocarsi il Super Bowl il prossimo 1 febbraio a Glendale, Arizona.

Bruttino anche il secondo round, tanti clinch, poca lotta, Tibau mette a segno un takedown, dal quale Parke si libera subito, il pubblico inizia a mugugnare, il controllo della contesa è in mano al brasiliano che non colpisce tanto, ma tiene in scacco il nord-irlandese con relativa facilità.

Terzo round che non si discosta molto da quanto visto nei primi due, non c'è molta aggressività, i due cercano di rispettare il game plan senza esporsi più di tanto. Tibau trova un altro takedown e cerca senza fortuna una ghigliottina. Parke fa poco, meglio Tibau, il pubblico non gradisce il match e rumoreggia male. I giudici danno la vittoria per split decision a Gleison Tibau, giustamente. Inizio di evento comunque negativo.

Winner by split decision: Gleison Tibau

 

Pesi medi, Urijah “Prime Time” Hall vs Ron Stallings

3 minuti di scaramucce, poi Hall entra con un gran jab che mette per terra l'esordiente Stallings, il quale è coperto da una raffica di colpi a terra, pugni, gomitate e proprio in uno di questi colpi, Stalling subisce una bruttissima ferita sul sopracciglio sinistro che costringe l'arbitro a sospendere la contesa. Vittoria devastante e importante per Hall, un “caloroso” benvenuto per Ron Stallings!

Winner by TKO: Urijah “Prime Time” Hall

 

Co-Main Event, pesi leggeri, Donald “Cowboy” Cerrone (#3) vs “Smooth” Benson Henderson

Dopo soli 15 gg, Cerrone torna nell'ottagono…incredibile! E lo fa con l'ex campione di categoria…doppiamente incredibile!

Discreto il primo round, i due si studiano molto, sentono il peso del match perchè vale molto per entrambi e non si sbilanciano più di tanto. L'incontro è ancora in grande bilico, molto intenso ed equilibrato, per ora niente di spettacolare, ma sicuramente da seguire.

Secondo round migliore del primo, tanti calci per i due, Cerrone trova una bella combo con cui fa sentire la presenza a Henderson e trova anche un bel takedown. Henderson lotta bene, non si scompone mai, ma pare sempre troppo in attesa.

Proseguono i due a calciarsi continuamente, Cerrone è meno brillante del solito, il pubblico lo adora e lo tifa, ma Henderson è molto tosto, trova un bel calcio alto, tanti colpi al corpo, Cerrone non trova il modo di stenderlo nemmeno con i takedown e Henderson non ha mai perso due match a fila. Per la prima volta nell'ultimo anno, Cerrone pare un po' in difficoltà. E' una battaglia molto intensa, non super spettacolare, ma comunque piacevole, il pubblico è coinvolto alla grande.

Bella chiusura di match per entrambi, i due si stimano, sono molto amici, si abbracciano, ma i giudici non hanno un compito facile…alla fine danno la vittoria per decisione “politica” a Donald Cerrone per l'incredibile sorpresa di Henderson e per Cerrone che è imbarazzato da questo verdetto. Vergognosa decisione, Henderson merita la W, ma Cerrone va lanciato in alto. Si critica tanto la WWE, ma non siamo poi tanto distanti…

Prima volta che “Smooth” perde due volta a fila, stavolta immeritatamente. Henderson con la t-shirt dei Seahawks, campioni 2014 NFL!

Winner by unanimous decision: Donald “Cowboy” Cerrone

 

Main Event, pesi piuma, “The Notorius” Conor McGregor (#5) vs Dennis Siver (#10)

Due forze della natura a confronto, la completezza, la freschezza e la convinzione di essere il più forte di Conor McGregor contro i pugni ed i calci di ghisa del tedesco Dennis Siver.

Si parte subito col botto, Siver rifiuta il touch pre-incontro e l'irlandese gli schiaffa in faccia un dito medio da antologia! Super Conor McGregor!

Monumentale primo round di McGregor che annienta per 5 minuti il povero Siver che continua a muoversi, portando però attacchi flebili, mentre l'irlandese varia in modo incredibile la sua lotta, calci alti, jab profondissimi e precissimi, sanguina dal sopracciglio sinistro in modo pesante Siver che sembra già al capolinea con l'ossigeno, assolutamente distrutto dal nr. 5 della categoria. Pubblico in delirio, tutto per McGregor che li aizza a dovere.

Follia pura, altri due minuti di dominio, jab sempre sul mento di Siver, calci ed infine un diretto sinistro che mette per terra il tedesco completamente assente e chiuso dal ground & pound dell'irlandese che vince un altro match e si avvicina al titolo. A fine incontro, McGregor esce dall'ottagono e si mette faccia a faccia con Josè Aldo, il campione di categoria, l'irlandese è fuori di testa, cerca quasi il contatto, poi calma e torna nell'ottagono…ma la sfida è lanciata e la title shot ormai prossima, serve solo una data ed un luogo, sicuramente in questo 2015, uno dei match da non perdere assolutamente.

Winner by TKO: “The Notorius” Conor McGregor

 

Bonus della serata:

Performance of the Night: “The Notorius” Conor McGregor & Lorenz Larkin (preliminary fight)

Fight of the Night: Sean O'Connell vs Matt Van Buren (preliminary fight)

 

Commento Evento:

Che dire, inizio molto soft, troppo soft con Tibau che batte Parke senza emozionare e impressionare. Il secondo incontro è fin troppo facile per Hall che vince in pochi minuti contro un novizio some Stallings. Le marce alte si scalano nel co-main event, una battaglia non proprio spettacolare e super accesso, ma sicuramente intensa e gradevole da seguire. Rimane la porcata del giudizio, quel match lo doveve vincere Benson Henderson per split decision, Cerrone non era al massimo e si vedeva, ma la politica ha prevalso perchè il “Cowboy” può essere il top fighter di questo 2015 in UFC e doveva avere una vittoria per avvicinarsi alla title shot.

Infine, il main event, tutto troppo semplice per Conor McGregor, 7 minuti di controllo, abuso e sevizie ai danni di Dennis Siver. Semplicemente troppo superiore l'irlandese contro un ottimo fighter come il tedesco. Solo Aldo lo può calmare, ma questo McGregor fa davvero paura, chiacchiera molto, ma seguono anche i fatti, tanti fatti, un mix di potenza, velocità, tecnica, un lottatore completo, in grande forma e che ha grande fiducia nei propri mezzi. Ci aspetta una favolosa battaglia più avanti nel 2015, per il titolo pesi piuma, Aldo vs McGregor. Potrebbe cadere un altro grande campione della federazione, staremo a vedere!

Voto: 7

 

Appuntamento a domenica prossima, da Stoccolma (Svezia), UFC Fight Night 60: Gustafsson vs Johnson

MarcoManiac83
Il più "storico" di Zona Wrestling, grandissimo appassionato di basket NBA e fan UFC, ancora oggi in cerca dell'Eldorado. Festeggia quest'anno i 10 anni di collaborazione con ZW...oh my brother, testifyyyyy!