Argomento leggero oggi: la categoria tag team di Smackdown, che in fase di draft era stata indicata come il brutto e disgraziato anatroccolo rispetto alla splendente categoria di Raw e, invece, per merito e con idee che stanno funzionando è diventato un asset importante e positivo per lo show del martedì notte.
Ovvio che non si tratta di un must-see, ma viste le premesse e i nomi che sulla carta avevano uno starpower molto basso non c’è che da essere sorpresi in positivo per i risultati già da adesso ottenuti. Anche gli stessi American Alpha che godono e godevano del sostegno dei fan, visto l’eccellente stint a NXT, per il grande pubblico (quello generalista che pensa che Rey Mysterio e Kalisto sia lo stesso lottatore) erano dei perfetti sconosciuti. Senza strafare, premiando chi nei mesi passati ha svolto bene il proprio lavoro e retrocedendo chi invece ha fatto il contrario.
Bocciati Ascension e Vaudevillains che per varie ragioni non sono riusciti ad adattarsi al grande pubblico del main roster, con i primi in affanno da subito e i secondi che pagano il comportamento assurdo di Simon Gotch con la famosa rissa nel backstage. Usciti immediatamente dal torneo, ma che, in ogni caso, torneranno utili negli show televisivi per fare presenza.
Discorso lievemente diverso per i Breezango che occupano quel ruoli di tag team comedy che piace tanto ai quadri dirigenziali e che torna comodissimo negli show secondari, senza troppe pretese e attese. I due funzionano così e già adesso stanno interpretando il ruolo assegnato senza particolari note di demerito; non è dal numero di vittorie e sconfitte che si giudica un wrestler, figurarsi in questo caso dove il passivo è la norma.
Venendo alle quattro coppie semifinaliste: se hai a disposizione nomi di interesse medio basso, la scelta di impostare i due brackets che portano due nomi in finale, con uno per i favoriti sulla carta e l’altro con gli underdog è la scelta più intelligente possibile.
Quando sto scrivendo non è ancora andata in onda la puntata di Smackdown Live e non conosco i finalisti, ma il discorso non cambia. I ruoli sono fatti e chiunque esca vincitore tra gli American Alpha e gli Usos andrà a interpretare il ruolo di favorito della vigilia.
E per come si sono messe le cose, un po’ per caso, un po’ perché alla fine la storyline di Slater è riuscita a coincidere con le necessità dello show e il gradimento del pubblico, non è così scontato come poteva essere all’inizio la vittoria del titolo degli esperti Usos o dei lanciatissimi A.A.
Qui un plauso ai writer che sono riusciti a rendere il tutto “funzionante”; perché se portare in finale gli Usos o gli Alpha era semplice e quasi pigro, riuscire a farci tifare un “operaio” della WWE come Slater e un semi-ritirato Rhyno è qualcosa di assolutamente pregevole. Soprattutto in un periodo morto come la fine estate che è sempre poco interessante e con storyline inesistenti.
Il Draft fino a questo momento ci ha dimostrato, oltre che essere fisiologicamente un fattore positivo, aprendo occasioni a molti lottatori, anche quello di avere creato opportunità creative impossibili da praticare nel mono roster. E magari in questo torneo potrebbe scapparci anche una ulteriore sorpresa in finale…

Luca Grandi
In allenamento per diventare un cattivo dei Cavalieri dello Zodiaco. Cerco di non perdere la salute tifando Arsenal. Tengo un occhio aperto sui fumetti e le serie tv come Tetsuya Naito.
  • Edoardo

    (contiene spoiler dell’ultima puntata di SD)

    Il fatto è che il draft ha dato vita a Smackdown lasciando gli stessi problemi che c’erano a Raw prima di esso. E non è un problema di match è proprio il fatto che non succede nulla ed i wrestler non hanno spazio nonostante le 3 ore, a SD danno un microfono in mano praticamente a tutti ed è una cosa che non accadeva da ere geologiche. La divisione tag è stata gestita in maniera sublime col il turn al momento giusto contro gli avversarsi giusti, tutto per farti arrivare alla fine Usos vs Slater Rhino che scritta così uno penserebbe alla cosa più trash del mondo ma la qualità non è data dai nomi quando dalla costruzione della contesa, cosa che a Raw manca, ci stanno i nomi ma senza costruzione. La costruzione della contesa renderà Usos vs Slater Rhino uno dei momenti più elettrizzanti della storia recente di smackdown, questo perchè hanno lavorato dannatamente bene. Secondo me vinceranno Slater e Rhino perdendo praticamente poi subito le cinture nel rematch.
    A questo punto poi, la ciliegina è un cambio di stile degli Usos che vorrei diventassero i Guerrilas Of Destiny della WWE.

    • Alessandro_91

      Esatto,a Smackdown tutti hanno spazio al microfono e ritengo sia fondamentale per mantenere un minimo di interesse verso i lottatori.Ad esempio,a Ziggler è bastato qualche promo ben fatto per tornare ad avere interesse mentre prima era stato completamente sotterrato.

  • Alessandro_91

    Io fin dall’inizio del torneo ho tifato per la coppia Slater-Rhyno e spero che vinceranno le cinture a Backlash.Tanto gli American Alpha le vinceranno prima o poi e quindi io sfrutterei la popolarità acquisita da Slater per il momento.

    • Y2J

      Concordo

  • Fabrizio 3D

    Lo ripeto qui: SmackDown ha messo la freccia e Raw continua a pagare le tasse delle tre ore. Con la divisione dei roster i nodi al pettine sono ancora più evidenti. Quando capiranno i network che la quantità e la sovraesposizione sono sinonimo di bassa qualità? A Raw a parte una maggiore cura per lo storytelling, inevitabile dopo la divisione dei roster, continua a peccare di lungaggini come il segmento di Doc e Gallows e a propinare match troppo lunghi che mandano in deficit d’attenzione perchè messi in piedi senza costruzione e il giusto minutaggio.
    SmackDown ne ha guadagnato perchè ha un suo roster esclusivo su cui potere costruire i suoi personaggi e le relative story line. Spero che ci riflettano sopra i soloni degli indici d’ascolto.

    • bestsincedayone

      io reputo ancora Raw superiore e non di poco… cosa avrebbe mostrato Smackdown piu di Raw? io a SD ho visto solo squash, specie nel torneo dei tag team… assurdo far perdere gli Usos in meno di un minuto! la categoria femminile per adesso mi ricorda la revolution dell’estate 2015 quando i team si affrontavano a casaccio a rotazione… nulla di particolarmente interessante sinceramente, nulla di imperdibile. di questo mese e mezzo di Smackdown salvo solo Miz che fa sempre il suo ottimo lavoro nella midcard e Dean Ambrose. AJ Styles al di là di tutto credo non venga sfruttato al massimo, nonostante adesso stia cominciando a lottare per il titolo ma secondo me potrebbe e dovrebbe avere un ruolo più centrale nello show perchè ha le potenzialità per reggerlo.
      Il problema secondo me è che in una puntata loro vogliono mostrare TUTTO! nel senso, se questa settimana avessero evitato il match femminile, la puntata sarebbe peggiorata? io non credo, al posto di quei dieci minuti allunga la durata del tag team match tra gli Alpha e gli Usos, non è che tutte le volte devi mostrare tutti, specie adesso che sembra che debbano introdurre anche a SD la categoria dei cruiser…. diventerà un macello, avremo 6 match a puntata da 3 minuti ciascuno :/

      • Fabrizio 3D

        Raw soffre le tre ore. I match sono troppo lunghi e i segmenti sono spesso inutili. Inoltre a SmackDown c’è più interazione tra i wrestler durante i promo che a Raw sono sempre limitati alle catchphrase.
        Io sono cresciuto con gli show di un paio d’ore e non trovo per niente interessante questa tendenza al kolossal televisivo. Lucha Unnderground racconta più storie in un’ora scarsa che Raw con tre tra special guest e introduzioni chilometriche.

        • bestsincedayone

          assolutamente, neppure io sono per i kolossal, però appunto facendo il paragone con Lucha Underground, a LU fanno una migliore turnazione, non hanno sta cosa del dover mostrare tutto ogni volta, ogni paio di settimane “torna” una storia che si interrompe nuovamente per poi tornare dopo qualche settimana, così dovrebbe essere sempre, dare il giusto spazio senza sovraesporre o tralasciare. Naturalmente Raw soffre ancora le 3 ore, basti pensare che per riempire certi minutaggi mettono gli Shining stars, Darren Young e Titus, lo squash di Nia, lo squash di Strowman… tutta roba inutile che se tralasciassero ci farebbero un piacere, ma nonostante questi pesi per me per adesso resta lo show migliore, ma forse più per demeriti di Smackdown a mio modo di vedere

          • Fabrizio 3D

            Esatto. Turnare i wrestler darebbe respiro allo show. Ci sarebbe una gestione migliore delle story line evitando di sottoporre i wrestler a stress inutili e fini a se stessi. Inoltre si terrebbe sulla corda il pubblico come succede a Lucha Underground, stimolandone l’attenzione.
            E’ una tecnica narrativa chiamata cliffhanger che è sempre stata utilizzata efficacemente nei telefilm. S’interrompe una storia in un momento cruciale tenendo in ansia lo spettatore e obbligandolo ad aspettare la prossima puntata per vederne l’evoluzione. Il wrestling è da sempre in debito con questa formula che ne ha decretato il successo. In altre compagnie, è usata ancora oggi, compreso a Lucha Underground. E’ stata la svolta anche per la TNA con i fratelli Hardy. I voli dalle scale arriveranno al momento giusto e intanto si porta avanti il racconto. Non solo, si fa crescere la voglia di vedere un match come si deve. Vedere incontri in sequenza senza costrutto, porta alla sovraesposizione e stanca l’occhio. Il format non c’entra nulla. E’ il modus operandi, la carta vincente.

  • LNightP

    Quelli che pensano che Rey e Kalisto siano lo stesso lottatore! #Respect!

  • Vendetta

    A me è parso un torneo scialbo e mediocre in fatto di lottato. Si è visto qualcosa giusto tra gli AA e i Breezango.
    Certo, sempre meglio del feud ridicolo tra New Day e Club.

  • Contro Nessuno

    L’unica cosa…è che se fossero meno comedy, i Breezango si meriterebbero anche un titolo di coppia. Visto che i due non hanno mai vinto niente. E se lo meritano.